Un nuovo LBM all’ospedale universitario Saint-Étienne

Un nuovo LBM all’ospedale universitario Saint-Étienne
Un nuovo LBM all’ospedale universitario Saint-Étienne
-
Perché designare il nuovo centro di campionamento con il nome di “laboratorio di biologia medica”?

Professor Thomas Bourlet: Abbiamo voluto quindi sia incrementare l’attività del centro di Biologia Patologia sia rispondere alla concorrenza del settore privato. Tuttavia, ciò richiede una migliore visibilità tra i pazienti, sia che vengano visti dai nostri consultori interni o che provengano dalla città. L’Ospedale Universitario Saint-Étienne dispone di diversi centri di campionamento aperti al pubblico. Un tempo sparsi, questi sono stati progressivamente raggruppati in pochi siti, talvolta vicini ai servizi sanitari. Per il nuovo “laboratorio di biologia medica” abbiamo dato priorità anche all’accessibilità: situato sulla rotonda che serve l’ingresso principale dell’Ospedale Nord, a Saint-Priest-en-Jarez, è molto più visibile e quindi più facilmente identificabile dal generale pubblico, che rafforzerà la nostra attività ospedaliera nel campo della biologia medica, consolidando al contempo le altre missioni del Cluster, in termini di ricerca, didattica e formazione.

Potresti tornare alla genesi del progetto?

Corinne Lebail: Questo è stato preso in considerazione per almeno otto anni. Il centro di Biologia Patologia desiderava quindi da tempo creare un centro di campionamento meglio localizzato e identificabile, ma l’ostacolo principale era il terreno. La direzione dell’ospedale, e in particolare il direttore generale Olivier Bossard, hanno finalmente avuto la possibilità di affittare i locali di un ex centro dentistico, situato sulla rotonda nelle immediate vicinanze dell’ingresso principale dell’Ospedale Nord. Hanno potuto utilizzarlo per installare sia questo nuovo “laboratorio” che alcuni locali amministrativi. In totale sono ben 120 i metri quadrati destinati al nuovo centro di campionamento che, dopo i lavori di sviluppo, dispone ora di quattro box, uno dei quali appositamente riservato ai campioni Covid.

Dove vengono analizzati i campioni prelevati in questo centro?

Professor Thomas Bourlet: Privilegiamo il cortocircuito e la biologia “fatta in casa”! Oltre il 95% delle analisi vengono effettuate all’interno del nostro laboratorio, cosa che non avviene con altri centri di campionamento che, molto spesso, subappaltano i propri esami o li trasferiscono su piattaforme tecniche ubicate in altre località. Poter svolgere la quasi totalità delle analisi all’interno del nostro centro di Biologia Patologia è quindi per noi un certo “orgoglio”, con attività 24 ore su 24. Ciò permette di ridurre i tempi di trasporto dei campioni e quelli di resa dei risultati, permettendo assistenza più rapida al paziente.

Corinne Lebail: Tutti i campioni prelevati dai vari centri di campionamento del CHU vengono infatti trasportati alla piattaforma biologica dell’ospedale, anch’essa situata presso l’Ospedale Nord di Saint-Priest-en-Jarez. Le navette programmate circolano tutti i giorni della settimana secondo un piano di carico definito. Detto questo, oltre alla vicinanza alla piattaforma tecnica, il nuovo centro di campionamento offre altri vantaggi. È quindi aperto 7 giorni su 7, feriali dalle 7:00 alle 18:15, sabato dalle 7:15 alle 14:30 e domenica dalle 8:15 alle 11:30. Tuttavia, i laboratori privati ​​sono spesso chiusi dal sabato mezzogiorno al lunedì mattina. Questa apertura domenicale risponde quindi ad un bisogno reale della popolazione. Inoltre, la partecipazione in questa nicchia è una delle più alte.

Diversi centri di raccolta dell’ospedale universitario Saint-Étienne stanno reclutando agenti dell’unità di mantenimento del lavoro. È così anche per il nuovo centro?

Corinne Lebail: Sì, e secondo me questa è una caratteristica importante. Come lei ha accennato, i centri storici di raccolta impiegano già da diversi anni professionisti dell’unità di mantenimento del lavoro, vale a dire badanti che, spesso a causa di restrizioni mediche, non possono più lavorare nel servizio di cura. Possono comunque accogliere i pazienti, oppure prelevare campioni di sangue o di urina, oppure effettuare elettrocardiogrammi. Sono anche questi agenti che, durante la crisi sanitaria, hanno gestito il centro di campionamento Covid. Molti erano stati chiamati come rinforzi e, ora che questa crisi è passata, hanno potuto trovare un’attività professionale stabile integrando il nuovo laboratorio di biologia medica.

Avete adattato i percorsi dei pazienti per tenere conto dell’apertura del centro all’assistenza comunitaria?

Corinne Lebail: Essendo l’edificio in questione esterno al Policlinico Universitario, era infatti necessario pensare al percorso del paziente in maniera più “pratica”. Richiedere agli utenti di passare prima dall’Ufficio Ingressi dell’Ospedale Universitario e poi tornare per prelevare un campione in laboratorio, è andato completamente contro il nostro desiderio di apertura e semplificazione. Anche questo argomento è stato oggetto di ampia riflessione. Noi abbiamo, in definitiva, ha scelto di installare un ufficio di accesso remoto all’interno della nostra sede. Il paziente potrà così essere accolto come in un laboratorio privato cittadino, presentando all’ingresso la carta d’identità, la tessera vitale e la tessera di mutua assicurazione. Il ricevimento amministrativo viene quindi effettuato direttamente in sede.

Questa semplificazione del processo è stata, secondo lei, un prerequisito per competere con i laboratori privati?

Corinne Lebail: Assolutamente. Ci è sembrato fondamentale semplificare le procedure per agevolare l’accesso al laboratorio per tutti. Au-delà de l’appellation de « Laboratoire de biologie médicale », le logo créé pour l’occasion en témoigne : le microscope et la goutte de sang reprennent des images évocatrices d’une symbolique que l’on retrouve aussi dans les LBM de città. È stato anche un passo importante nella definizione del progetto: è stata effettuata una grande consultazione tra la direzione generale, il dipartimento di comunicazione e i team della divisione, per sviluppare un’identità che parlasse a quante più persone possibile.

Professor Thomas Bourlet: Siamo stati accompagnati qui anche dall’Agenzia sanitaria regionale dell’Alvernia-Rodano-Alpi, che ovviamente è stata consultata prima dell’apertura del nuovo centro di campionamento. Altro punto che non abbiamo ancora menzionato e che rappresenta un vero punto di forza: questo luogo non solo consente di ampliare l’offerta sanitaria per la popolazione di Saint-Etienne; consente inoltre di integrare direttamente i risultati del paziente nella cartella clinica ospedaliera. Infatti, pur essendo stato concepito come struttura esterna con accesso semplificato, il centro prelievi è parte integrante del Policlinico Universitario e beneficia quindi di tutti i servizi connessi.

Dopo più di sei mesi dall’apertura avete già qualche dato in termini di attività?

Corinne Lebail: Per il momento vengono prelevati una trentina di campioni ogni giorno, e una ventina durante i fine settimana, cioè il giorno del sabato e la mattina della domenica. Questi numeri possono sembrare bassi, ma sono in costante aumento. Abbiamo inoltre lanciato una grande campagna di comunicazione, su internet e sui media locali, per far conoscere il centro che dovrebbe, a breve, superare i cinquanta campioni al giorno. Sono inoltre in corso di realizzazione numerosi altri progetti per rivitalizzare il luogo. Ad esempio, i pazienti CHU ricoverati a domicilio potrebbero essere reindirizzati al centro di raccolta per effettuare le loro valutazioni. Anche in questo caso, il fatto che i risultati vengano inseriti direttamente nella cartella clinica del paziente è un vero vantaggio per gli operatori sanitari, e più in generale per la continuità dei percorsi perché questi pazienti vengono generalmente seguiti a lungo termine.

E il centro di Biologia e Patologia dell’Ospedale Universitario? Potresti presentarcelo?

Professor Thomas Bourlet: Ogni anno il centro elabora 5.400.000 documenti, ovvero poco più di 3.000 pratiche al giorno. Tutta questa attività è svolta da 258 equivalenti a tempo pieno (FTE) di personale non medico e da una cinquantina di biologi. Il Centro dispone di un settore preanalitico comune che consente la distribuzione dei campioni secondo le discipline interessate – e ce ne sono molte: biochimica, farmacologia, batteriologia, virologia, igiene, parassitologia, micologia, biologia molecolare, citogenetica, ematologia, anatomia. patologia, istologia renale, citologia e immunologia. Una catena robotizzata provvede all’instradamento verso le macchine biochimiche ed ematologiche per l’esecuzione in particolare di ionogrammi ed emocromi. Altri settori beneficiano di tecniche automatizzate o manuali per effettuare analisi più specializzate.

Quali progetti sono attualmente in corso all’interno del cluster?

Professor Thomas Bourlet: Diversi progetti convivono al momento, ma uno dei più impegnativi è sicuramente il cambiamento del nostro sistema informativo, per evolverlo verso una versione più recente e avere così una vera e propria prescrizione connessa. Oggi non è ancora così e questa funzionalità tanto attesa andrà a beneficio anche del nuovo centro di campionamento. I suoi vantaggi si rifletteranno anche su tutti i piani del CHU, con una registrazione più rapida dei dati nelle cartelle dei pazienti. Questo nuovo sistema informativo offrirà anche maggiori possibilità di scambi tra le strutture del Gruppo Ospedaliero Territoriale (GHT), il che gli consentirà di inserirsi nella strategia di convergenza dei sistemi informativi su scala del GHT.

Una parola, forse, sulla tua attività di ricerca?

Professor Thomas Bourlet: L’attività di ricerca del Centro di Biologia e Patologia rappresenta circa un quinto del totale della ricerca svolta presso l’Ospedale Universitario Saint-Étienne. Siamo spesso associati a progetti di ricerca clinica portati avanti da diversi servizi sanitari, ad esempio per le malattie infettive o la nefrologia. Ma il nostro centro svolge anche attività di ricerca propria, in collaborazione con la Facoltà di Medicina dell’Università Jean Monnet. Qui puntiamo molto sul Centro Risorse Biologiche (CRB), che è parte integrante del centro di Biologia Patologia e riunisce diverse serie di campioni destinati proprio a progetti di ricerca. Questi campioni potranno essere prelevati anche internamente, anche dal nuovo centro di campionamento che partecipa così indirettamente al lavoro di ricerca del CHU.

Quali sono infine le prospettive di questo nuovo centro di campionamento?

Corinne Lebail: Il nostro obiettivo primario è potenziare la propria attività e sviluppare partnership. Ma prevediamo di estenderne il campo di applicazione anche alla vaccinazione. I nostri centri storici di prelievo avevano già potuto effettuare la vaccinazione anti Covid degli operatori sanitari. Ora desideriamo aprire questa attività al mondo esterno e stiamo collaborando con il dipartimento di malattie infettive per offrire la vaccinazione contro tutte le malattie raccomandate. Nei prossimi mesi vorremmo fare il grande passo e offrire così un servizio in più alla popolazione di Saint-Etienne.

> Articolo pubblicato su Hospitalia #65, edizione maggio 2024, leggi qui

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega