Lo yoga può rafforzare il trattamento medico dell’insufficienza cardiaca

Lo yoga può rafforzare il trattamento medico dell’insufficienza cardiaca
Lo yoga può rafforzare il trattamento medico dell’insufficienza cardiaca
-

Lisbona, Portogallo – I risultati di uno studio indiano suggeriscono che aggiungere una terapia yoga personalizzata della durata di un anno al trattamento medico diretto (terapia medica guidata dalle linee guidaGDMT) sembra migliorare significativamente le misurazioni dell’insufficienza cardiaca associata alla prognosi a lungo termine.

La ricerca, presentata a Congresso 2024 della Heart Failure Association della Società Europea di Cardiologia (ESC-HF) il 12 maggio, hanno esaminato 105 pazienti assegnati a yoga più GDMT o GDMT da solo e hanno dimostrato che c’era un cambiamento significativo nella classe funzionale della New York Heart Association (NYHA) tra l’inizio dello studio e il follow-up dopo 52 settimane.

“La terapia yoga ha un impatto benefico sui pazienti affetti da insufficienza cardiaca e che ricevono cure mediche ottimali”, ha affermato il relatore dello studio, il Dott. Il dottor Ajit Singhdel Dipartimento di Medicina, Kasturba Medical College, Manipal, Karnataka, India, e lo studio “ha dimostrato un miglioramento complessivo delle dimensioni e della funzione del ventricolo sinistro”.

Tuttavia, poiché i pazienti venivano monitorati ogni giorno e quasi un quarto di loro aveva abbandonato dopo sei mesi, lo studio rappresentava “una sfida”, ha osservato. Tuttavia, l’aggiunta dello yoga al GDMT potrebbe rappresentare un “punto di svolta se proviamo a prolungare la durata del trattamento”.

Affinché la terapia yoga possa essere considerata nella pratica clinica, è necessario uno studio randomizzato, ha affermato il copresidente della sessione, Dana Dawsonprofessore di medicina cardiovascolare e capo dell’unità di ricerca cardiologica e cardiovascolare presso l’Università di Aberdeen (Aberdeen, Scozia).

I pazienti nella presente analisi non sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di trattamento, il che ha portato a differenze di base che hanno reso i gruppi “incomparabili”, ha affermato Dawson.

Tuttavia, lo studio ha dimostrato che lo yoga è fattibile in questo gruppo di pazienti e che anche solo confrontando i risultati di base e quelli di follow-up nel gruppo di pratica yoga, sono stati ottenuti risultati significativi.

“Lo yoga è efficace nell’implementare il cambiamento”, ha detto, “ma l’efficacia clinica di questo cambiamento deve essere testata in un centro sanitario, in uno studio randomizzato. »

Perché lo yoga può essere particolarmente efficace?

Lo yoga può essere diverso da altri esercizi e interventi sullo stile di vita perché riguarda “anche la meditazione e l’incontro con se stessi”, che è una forma di terapia cognitivo comportamentale, anche se “condotta in un modo unico”, ha aggiunto.

“Non soddisferà i gusti di tutti, e non tutti saranno inclini a farlo”, ma potrebbe essere adatto nei paesi in cui lo yoga è più comunemente praticato come intervento comportamentale, invece che come intervento sullo stile di vita, disse il professor Dawson.

L’insufficienza cardiaca è una “malattia cronica complessa [qui constitue] una delle principali fonti di preoccupazione per i settori sanitari in tutto il mondo”, in particolare in India, dove la prevalenza della malattia è “molto alta”, ha osservato il dottor Singh.

I dati della letteratura indicano che lo yoga e altre modifiche dello stile di vita possono migliorare la qualità della vita dei pazienti con insufficienza cardiaca, insieme a misure come la frazione di eiezione ventricolare sinistra (LVEF) e la classe funzionale NYHA, ha aggiunto. Tuttavia, i ricercatori non hanno trovato studi che esaminassero la terapia yoga in aggiunta al trattamento standard.

Come è stata applicata la pratica dello yoga?

I ricercatori hanno reclutato pazienti di età compresa tra 30 e 70 anni con sintomi persistenti di insufficienza cardiaca, LVEF

I pazienti sono stati assegnati in modo non randomizzato al GDMT con o senza un programma di yoga personalizzato. Otto forme di pranayama (esercizi di respirazione), meditazione e tecniche di rilassamento sono state insegnate ai pazienti del gruppo “yoga” da insegnanti esperti dell’ospedale.

Sono stati supervisionati per una settimana e poi è stato loro consigliato di continuare a praticare yoga a casa una volta alla settimana per 45 minuti. Dopo ogni sessione a casa, un istruttore ha seguito ciascun partecipante allo studio per monitorare i suoi progressi.

Tutti i partecipanti sono stati valutati mediante ecocardiografia e altre misure, comprese le attività fisiche, per determinare lo stato funzionale della NYHA al basale dello studio, a 6 mesi e a 1 anno.

Dei 110 pazienti reclutati, 25 avevano abbandonato dopo 6 mesi. Dei restanti 85 pazienti inclusi nell’analisi, 40 sono stati assegnati al gruppo yoga. L’età media era di 49 anni e 70 (82%) dei partecipanti erano di sesso maschile. La mancanza di donne nello studio è un “grave inconveniente”, ha osservato il dottor Singh.

Le donne non hanno voluto partecipare, ha spiegato, “perché avevano paura del seguito”, dicendo: “Non potremo seguire questa terapia yoga per un anno. »

Dopo 52 settimane, i pazienti del gruppo yoga hanno avuto riduzioni significativamente maggiori della pressione arteriosa sistolica e diastolica, della frequenza cardiaca e dell’indice di massa corporea rispetto a quelli del gruppo GDMT solo (p

I pazienti del gruppo yoga hanno anche sperimentato miglioramenti significativi nella frazione di eiezione, aumentando da una media del 41,5% al ​​44,4% durante lo studio. Al contrario, la frazione di eiezione è diminuita dal 42,3% al 41,6% nel gruppo GDMT da solo (p

È importante notare che la classe NYHA è migliorata significativamente nel gruppo yoga.

Con lo yoga, la percentuale di pazienti con insufficienza cardiaca di classe I è aumentata dal 12% al 47% nelle 52 settimane dello studio, mentre la percentuale di pazienti con insufficienza cardiaca di classe II è diminuita dal 57% al 30%, mentre la percentuale di pazienti con insufficienza cardiaca di classe II è diminuita dal 57% al 30%. con insufficienza cardiaca di classe III è diminuita dal 30% al 12% (p

Finanziamenti e link di interesse

Nessun finanziamento è stato dichiarato. Non sono stati dichiarati rapporti finanziari rilevanti.

Questo articolo è stato tradotto da Medscape.com utilizzando più strumenti editoriali, inclusa l’intelligenza artificiale, nel processo. Il contenuto è stato visionato dalla redazione prima della pubblicazione.

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega