Fiorente dopo una diagnosi di disturbo bipolare

Fiorente dopo una diagnosi di disturbo bipolare
Fiorente dopo una diagnosi di disturbo bipolare
-

I loro risultati sono pubblicati nel giugno 2024 nel Giornale dei rapporti sui disturbi affettivi.

Tra le persone a cui era già stato diagnosticato il disturbo bipolare, il 43% non presentava più alcun sintomo bipolare e circa 1 su 4 (23,5%) godeva di uno stato di completa salute mentale.

Mentre 3/4 delle persone senza storia di disturbo bipolare vivevano in uno stato di completa salute mentale.

Lo stato di “completa salute mentale” è definito dall’assenza di disturbi mentali e dalla presenza di un elevato livello di salute mentale cosiddetta positiva (benessere psicologico, soddisfazione, ecc.). Per essere considerati pienamente sani dal punto di vista mentale, i partecipanti dovevano essere esenti da qualsiasi malattia mentale nell’ultimo anno, inclusi disturbo bipolare, depressione e disturbi da uso di sostanze. È stato inoltre chiesto loro di riferire il benessere psicologico e sociale quasi quotidiano e di sentirsi felici o soddisfatti della vita. (La salute mentale completa è molto più della semplice assenza di malattia mentale)

La presenza di un confidente fidato era il fattore più influente nel raggiungimento della completa salute mentale», Riporta Ishnaa Gulati, coautrice. “Anche l’abbracciare la spiritualità come meccanismo di coping e la libertà dal dolore cronico sono stati fattori importanti per la fioritura psicologica.»

La prevalenza di una salute mentale completa era anche più alta tra gli individui sposati, gli intervistati più anziani, quelli con un reddito più elevato e quelli senza una storia di abuso di droga o alcol.

La maggior parte delle ricerche effettuate fino ad oggi sulle persone con disturbo bipolare non si concentra sul recupero e sul funzionamento ottimale», sottolinea Esme Fuller-Thomson, coautrice. “Ci auguriamo che le persone con questi disturbi, i loro cari e gli operatori sanitari siano incoraggiati a sapere che un quarto degli intervistati che in precedenza soffrivano di disturbo bipolare ora sono soddisfatti, felici o soddisfatti della propria vita quasi tutti i giorni.»

Il nostro studio evidenzia le complesse sfide affrontate dalle persone con disturbo bipolare e la natura multidimensionale del recupero», aggiunge.

Affrontare i molteplici bisogni delle persone con disturbo bipolare richiede un approccio globale che comprenda supporto sociale, strategie di coping efficaci e accesso a risorse e servizi adeguati. Interventi su misura possono aiutare a raggiungere non solo la remissione dei sintomi, ma anche il benessere generale.» (Disturbo bipolare: psicoterapia per gestire al meglio gli sbalzi d’umore)

Per ulteriori informazioni, vedere i collegamenti seguenti.

(1) Ishnaa Gulati, Esme Fuller-Thomson.

Psicomedia con fonti: Università di Toronto, Journal of Affective Disorders Reports.
Tutti i diritti riservati.

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega