Insetti e malattie provocate dai cambiamenti climatici

Insetti e malattie provocate dai cambiamenti climatici
Insetti e malattie provocate dai cambiamenti climatici
-

Questo contenuto è riservato agli abbonati.
Per un accesso immediato,
abbonati per meno di $ 1 a settimana.

Iscriviti ora

Sei già abbonato? Login

Il cambiamento climatico gioca un ruolo nel movimento e nella diffusione di specie esotiche invasive e di malattie. E gli impatti sono importanti, soprattutto nelle grandi colture.

In Canada, secondo il Canadian Council on Invasive Species, le perdite economiche annuali nel settore agricolo e forestale sono stimate a 7,5 miliardi di dollari. Il clima è una questione importante per gli agricoltori, 10e Conferenza organica per tutti! organizzato dal Centro di Competenze e Trasferimento nell’Agricoltura Biologica e Locale (CÉTAB+) è stato oggetto di numerosi convegni il 28 e 29 febbraio
a Victoriaville.

Aumentare il numero delle generazioni

Il calore può favorire la diffusione di malattie e la rigenerazione degli insetti, per non parlare del fatto che questi possono essere trasportati per distanze maggiori durante eventi meteorologici estremi. “Un insetto che aveva una generazione all’anno e un unico stadio larvale può ora generare un secondo stadio larvale più avanti nella stagione”, spiega Jean-Philippe Légaré, biologo ed entomologo del Laboratorio diagnostico e di competenza per la protezione delle piante MAPAQ. L’entomologo cita come esempio la piralide del mais, il cui ceppo bivoltino, con due generazioni, è oggi più diffuso.

La presenza di più generazioni dello stesso insetto favorisce inoltre il processo di resistenza ai pesticidi. “È una selezione innaturale”, riassume Jean-Philippe Légaré.

Se abbiamo due esemplari su cento che sopravvivono all’applicazione di un pesticida, i discendenti di questi due esemplari porteranno geni di resistenza. Più generazioni abbiamo, più è probabile che avremo resistenza.

Jean-Philippe Légaré, biologo ed entomologo

Parassiti che sopravvivono all’inverno

Osservata soprattutto nel sud della provincia, anche la lattuga dei fagioli occidentali (WWG) approfitta del clima mite per continuare la sua progressione verso est. “È un caso interessante legato al cambiamento climatico”, afferma Jean-Philippe Légaré. La specie migratrice, che arriva ogni anno dagli Stati Uniti, è stata rilevata per la prima volta in Quebec nel 2009. “Negli ultimi anni, i ricercatori del CÉROM hanno dimostrato che il VGOH potrebbe ora svernare qui a seconda degli anni e dei siti”, spiega l’entomologo .

Sull’importanza della biosicurezza

Per limitare la diffusione di malattie e insetti nocivi, Jean-Philippe Légaré insiste sull’importanza di agire in maniera preventiva su più fronti. “Il concetto di biosicurezza in azienda è un concetto estremamente importante in agricoltura e ancora di più per i produttori biologici al fine di limitare l’introduzione di parassiti nell’azienda agricola”, insiste. Tra le azioni da intraprendere: pulire i macchinari prima di utilizzarli, soprattutto se provengono da un’altra azienda agricola, e chiedere agli ospiti di pulirsi gli stivali prima di andare nei campi. “Ci assicuriamo, ad esempio, che non ci siano nematodi cistici nel terreno dei pneumatici perché una volta introdotti nei campi di soia, non possiamo più eliminarli realmente. Possiamo solo gestire la situazione nel miglior modo possibile”, spiega.

Monitoraggio continuo

Fondamentale è anche conoscere e identificare i parassiti presenti nei nostri campi. Jean-Philippe Légaré sottolinea che gli agricoltori possono iscriversi alla rete di allarme fitosanitario per ricevere newsletter sullo sviluppo dei parassiti per regione. Grazie a questa rete sappiamo, ad esempio, che in alcuni luoghi sono arrivati ​​i primi esemplari di afidi della soia; informazioni che consentono di attuare azioni preventive.

Se la scorsa stagione estiva è stata favorevole al proliferare di malattie fungine dovute all’umidità, la prossima stagione estiva potrebbe portare più insetti. “In questo momento fa fresco e non è molto umido, quindi mi aspetterei che ci siano alcuni insetti in più rispetto all’anno scorso, ma la situazione potrebbe cambiare nel giro di pochi giorni”, prevede l’entomologo.

-

PREV Questi 2 cibi in scatola sono ricchi di proteine ​​quanto una bistecca
NEXT Certificazione dell’eliminazione della malaria in Algeria: preservare questo risultato, l’altra sfida