“Non ho abbastanza soldi per pagare l’aria condizionata, a casa ci sono 40°C”

-
>>

Donne portano con sé un ventaglio acquistato al mercato durante una calda giornata a Nuova Delhi, India, il 22 maggio 2024.

Donne portano con sé un ventaglio acquistato al mercato durante una calda giornata a Nuova Delhi, India, il 22 maggio 2024. AMARJEET KUMAR SINGH / ANADOLU VIA AFP

La colonnina di mercurio oscilla tra i 45°C ei 47°C, i parchi tanto frequentati dagli abitanti di Nuova Delhi sono deserti, ci sono solo cani randagi che scavano buche nella terra per trovare refrigerio. Nelle strade semivuote i passanti camminano con la testa e il volto coperti da sciarpe o all’ombra di un ombrello. Il catrame si scioglie nelle ore più calde. La capitale indiana e il nord del Paese sono travolti da un’ondata di caldo estenuante e disumana.

Lunedì 20 maggio il termometro ha superato la soglia dei 47°C, con una massima di 47,8°C a Najafgarh, alla periferia di Nuova Delhi, la temperatura più alta registrata nel Paese. Il Dipartimento meteorologico indiano ha emesso un allarme rosso per la megalopoli e parti del Rajasthan, Punjab, Haryana e Uttar Pradesh occidentale. Le autorità hanno ordinato la chiusura anticipata delle scuole per le vacanze estive, ma i cantieri continuano.

L’atmosfera ha l’effetto di una gigantesca galleria del vento di aria calda, secca e polverosa. Il caldo non dà quasi tregua: di notte il termometro non scende sotto i 32°C e le cisterne poste sui tetti degli edifici erogano acqua bollente.

Leggi anche | In India, prevista una nuova ondata di caldo in occasione delle elezioni generali

Aggiungi alle tue selezioni

A soffrire di più di questa nuova ondata di caldo sono ovviamente i poveri, coloro che vivono in alloggi precari o economici, senza possibilità di rinfrescarsi. “Non ho abbastanza soldi per pagare l’aria condizionata, ho solo un ventilatore, a casa ci sono 40°C e non riesco a dormire. Sono esausto “spiega una madre che vive in un quartiere densamente popolato di Nuova Delhi e che ogni giorno deve prendere autobus trasformati in un forno per andare al lavoro.

>>

Persone acquistano refrigeratori d'aria da un venditore ambulante a Nuova Delhi il 20 maggio 2024.

Persone acquistano refrigeratori d’aria da un venditore ambulante a Nuova Delhi il 20 maggio 2024. SOLDI SHARMA/AFP

Tutti quelli che si guadagnano da vivere con piccoli lavori di strada, gli ambulanti, gli spazzini, gli stiratori, i sarti, i barbieri, i conducenti di risciò, i fattorini, continuano il loro lavoro nonostante il caldo. “Arrivo alle 8 del mattino e lavoro fino alle 19. Non ho scelta, ho quattro figli da sfamare”, spiega una venditrice di piante, 40 anni, che ha sistemato il suo carretto all’ingresso di un quartiere elegante. Vive con il marito e i figli in una baraccopoli fatta di tende e lamiere da quando hanno lasciato l’Uttar Pradesh.

Urbanizzazione incontrollata

Sul marciapiede della colonia di Lodhi, nel sud della città, Uday Chand, un migrante del Bihar, nel nord-est della federazione, ha teso una tela tra due alberi per proteggere dal sole la verdura che vende. “Lavoro dalle 6:00 alle 22:00. Di giorno non viene più gente, fa troppo caldo. È dura, perdiamo gran parte dei prodotti, che marciscono”, lui spiega. Questo commerciante riesce a malapena a guadagnare dalle 400 alle 500 rupie al giorno (tra 4,50 e 5,50 euro).

Ti resta il 51,24% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV Il primo ministro danese “colpito” da un uomo a Copenaghen
NEXT Il primo ministro danese Mette Frederiksen ha attaccato a Copenaghen