Mika in Orange: “Non ho mai fatto un concerto in un posto così spettacolare!”

Mika in Orange: “Non ho mai fatto un concerto in un posto così spettacolare!”
Mika in Orange: “Non ho mai fatto un concerto in un posto così spettacolare!”
-

Questa domenica, 23 giugno, Mika ha messo ai suoi piedi l’antico teatro di Orange. Davanti a 7.000 spettatori entusiasti, la cantante ha offerto un concerto assolutamente strepitoso della durata di più di due ore, nell’ambito delle Chorégies. Per la prima volta nella sua carriera, l’artista quarantenne si è esibito in un concerto filarmonico all’aperto, circondato dalla crème de la crème: più di 100 artisti sul palco, i musicisti dell’Orchestra Nazionale di Avignone-Provenza ( diretto da Simon Leclerc) e i cantanti del Coro della Regione Sud (diretto da Michel Piquemal). Lasciando il monumento romano intorno a mezzanotte, gli spettatori facevano a gara per i superlativi: “gli arrangiamenti per l’orchestra erano enormi!”, “questo ragazzo canta quasi bene come un cantante d’opera” o addirittura: “e per di più ci ha fatto ridere tra una canzone e l’altra come se stesse facendo uno stand-up! Un riassunto spontaneo e trasversale di una serata in assenza di gravità, che tutti potranno presto vedere sul canale Culturebox, poiché il concerto è stato ripreso dalle équipe di France Télévisions.

Prima della notte

Tutto è iniziato alle 21,37, prima che la notte avvolgesse il teatro antico. Da sola sul palco, l’orchestra esegue una “Overture” molto cinematografica, firmata da Simon Leclerc, un direttore d’orchestra decisamente al servizio del pop, poiché ha già adattato brani di Cœur de pirate, Simple Plan o Rufus Wainwright . In questo monumento pronto a decollare, molti spettatori, adolescenti e anziani, sono vestiti in modo colorato. Logica: prima dell’evento, il fan club di Mika ha lanciato sui social un’idea a dir poco sensata: quella di venire vestito di arancione all’Orange. Una scelta che probabilmente ti farà sembrare un tifoso dell’Olanda nel pieno del calcio europeo.

Abito blu, silhouette slanciata (1m91), Mika arriva con l’approccio dinamico che lo caratterizza, e inizia con una versione rallentata di “Toy boy”. Diciannove canzoni si svolgeranno in un’atmosfera euforica, con il pubblico seduto e alzato regolarmente. Senza dubbio perché anche nella versione orchestrale, i pezzi groovy di Mika fanno venire voglia di ballare, ma anche in una sorta di standing ovation da Cesare onorario.

Gli arrangiamenti di Simon Leclerc vogliono essere sottilmente elaborati, ben oltre la semplice nota trattenuta dagli archi per scopi puramente illustrativi. Non siamo pronti a dimenticare l’arpa, locomotiva melodica dell’intimo “Relax”, e nemmeno i violini che rispondono in pizzicato su “I goes to hell”. “Le Chorégies dovrebbero fare queste serate più spesso, aiuta ad attirare un altro pubblico e a democratizzare la musica classica” esclama Cartapuce, una fan di Vaucluse che ha acquistato i suoi biglietti già diversi mesi fa.

Epiche, cinematografiche, le versioni presentate personalizzano le composizioni cuore a cuore del cantante. E questo anche se nel repertorio serale sono assenti due grandi successi dell’artista: “Lollipop” e “Big girls”. In “Over my spalla”, Mika vola nelle note alte con una disinvoltura che ricorda quella del controtenore Philippe Jaroussky. C’è da dire che in gioventù, a Londra, Mika ha seguito una formazione classica. In “Heroes”, adattato da una poesia di Laurence Housman, il coro trascende i versi a dir poco, mentre alla fine della canzone “Jane Birkin”, accade qualcosa di non così frequente. Il pezzo è finito ma il pubblico continua a cantare, come trascinato dalla folla. E la passione. Mika è incredulo. Sguardo con il conduttore. I musicisti poi prendono i loro strumenti e si chinano verso gli spettatori. Il mondo sottosopra. In “Blue”, il cantante interrompe improvvisamente: “di tanto in tanto, ci troviamo con la polvere in gola. E quindi vi chiedo di perdonarmi perché ricomincerò questa canzone”. In “Relax”, Mika prende la bacchetta del direttore d’orchestra e dirige il pubblico in un’atmosfera, diciamo, poco incline al sussurro tra due persone ultra timide.

La fine del “set” alza l’asticella molto in alto, con, concatenate tra loro, “Elle me dit” e “Grace Kelly”, la sua primissima hit, nel 2007. Prima della finale ultima stand, “Love today”, in cui declama con brio: “tutti adoreranno oggi”.

Alcuni spettatori frustrati

Fin dall’inizio del concerto si sentono le voci degli spettatori, provenienti dall’alto del teatro antico: “più forte!”, “non si sente niente!”, si sente chiaramente. Mika è sorpreso e confuso da questa parte del pubblico situata in cima al monumento, ad entrambe le estremità, a destra e a sinistra. “Se continua così, tornerò e farò un altro concerto, vi metterò proprio di fronte a me” si rivolge ai denuncianti. Sembrerà che quando il cantante parla tra una canzone e l’altra, questa parte del pubblico non lo sente, o lo sente appena.

Mika roi ti alzi

Il giorno prima del concerto, durante la prova generale nell’antico teatro di Orange, Mika e tutti gli artisti presenti hanno vissuto un semi-inferno, con pioggia e vento che si intrecciavano. Mika è arrivato al punto di mettersi una sciarpa per proteggere le corde vocali mentre i leggii dei musicisti si spaccavano le facce sotto il peso delle raffiche. Questa domenica, 23 giugno, nessuna pioggia all’orizzonte ma un maestrale, molto presente, ad intermittenza. Mika si rivolge subito al pubblico su questo argomento: “Lo sapete già ma il vento vi fa impazzire. Le conseguenze di questa follia le scopriremo stasera…Se stasera c’è il maestrale Lo abbracciamo!” Un innato senso di “presa in giro”.

Con molta benevolenza, il cantante si prende gioco delicatamente di un assistente che tiene gli spartiti del direttore in una posizione buffa. E Mika ha detto al microfono: “questa è la postura della rana più strana che abbiamo visto da 50 anni prima di Cristo”. Ad ogni suo intervento il pubblico rideva forte. Quando sarà Mika un one-man show?

Per introdurre “Ti amo quando sono ubriaco”, dichiara: “come siamo in un teatro romano, dobbiamo rendere omaggio a Bacco e all’amore che si può scoprire nel fondo di un bicchiere di vino”. Quando uno spettatore grida “Dateci fuoco!”, Mika ritarda e esagera il primo passo per la gioia dei suoi affezionati: “No, siamo in un teatro”. Risate assicurate.

La dichiarazione d’amore

È riduttivo dire che Mika sembra essere stato indossato durante questa serata di inizio estate. “Stasera, per me, è la prima volta perché non ho mai fatto un concerto sinfonico all’aperto, non ho mai fatto un concerto in un luogo così spettacolare.” Alla fine dello spettacolo concluderà con queste inequivocabili parole: “non c’è nessun posto come qui! Bravo Orange!”

-

PREV Il clitoride, un organo del piacere scientificamente validato – 15/07/2024 alle 10:11
NEXT inchiesta aperta dalla Procura di Marsiglia