Léon Marchand torna in Francia con Parigi 2024 nel mirino

-

Girolamo VAL/DR

“Come immagino il suo ritorno? Il più tardi e nel modo più discreto possibile. E una volta lì, l’obiettivo è cercare di nasconderlo il più a lungo possibile, lontano da te [les journalistes]. » A fine marzo a Indianapolis, con il trofeo dei campionati universitari americani (NCAA) appena alzato, Bob Bowman ha sorriso compiaciuto alla prospettiva del ritorno di Léon Marchand in Francia.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati A quattro mesi dalle Olimpiadi di Parigi 2024, semaforo verde per il “re del nuoto” Léon Marchand

Aggiungi alle tue selezioni

Brutte notizie per l’allenatore americano della stella francese del nuoto – in esilio negli Stati Uniti dall’agosto 2021 – e attesa stella dei Giochi Olimpici di Parigi (OG): 112 giornalisti si sono recati a Chartres per i campionati francesi (dal 16 al 21 giugno), un passo necessario per vincere il sesamo olimpico. Un forte aumento di numero rispetto all’edizione del 2023.

L’atterraggio è stato “un po’ scioccante”, secondo chi ha appena festeggiato il suo 22esimo compleanno. “Non sono tornato a casa da molto tempo [août 2023]ero davvero immerso nella vita americana”, ha insistito Léon Marchand, sabato 15 giugno in conferenza stampa, due giorni prima della sua entrata in corsa. “E mi faceva strano, avevo l’impressione che fosse tutto piccolissimo, le strade, le macchine, perfino il supermercato: tutto è piccolo…”

Prove generali del programma auspicato per le Olimpiadi

Le sue ambizioni non sono piccole, anche se l’Eure-et-Loir è solo una tappa dell’autostrada che lo porterà al suo primo tuffo alla Défense Arena il 28 luglio. “Vorrei avvicinarmi ai primi 3 [meilleurs] tempi mondiali in ogni gara per poter essere ben piazzati a Parigi [dans les lignes d’eau], assicura il tre volte campione del mondo in carica. C’è ancora qualcosa in gioco e mi piace questo, mi permette di nuotare più velocemente. » Nel bacino di Chartres Odyssée, gareggerà nei 400 m misti (lunedì 17 giugno), 200 m misti (venerdì), 200 m farfalla e 200 m rana (mercoledì), le quattro gare individuali che spera di disputare alle Olimpiadi.

Un calendario “ragionevole” rispetto al ritmo delle competizioni del circuito universitario americano. ” IL [championnats] NCAA, sono stati tre giorni, tre giorni e mezzo. Lì c’è più conforto. Ho tempo tra una gara e l’altra. » Ad eccezione di mercoledì, dove proseguirà – al mattino nelle batterie poi al pomeriggio nelle finali – i 200 farfalla e i 200 rana a intervalli di un’ora, lo stesso divario delle Olimpiadi tra serie e semifinali. -finali di entrambe le gare. “Quel giorno proverò ad ascoltarmi, a vedere come reagisce il mio corpo, è un primo test. »

Ti resta il 55,19% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV Euro 2024: Spagna campione d’Europa per la quarta volta, dopo la vittoria contro l’Inghilterra (2-1)
NEXT Diritti TV: la Ligue 1 ha nuove emittenti