la Procura chiede un processo in assise per l’anestesista di Besançon Frédéric Péchier

la Procura chiede un processo in assise per l’anestesista di Besançon Frédéric Péchier
la Procura chiede un processo in assise per l’anestesista di Besançon Frédéric Péchier
-

La procura di Besançon ha rivelato giovedì 23 maggio 2024, in una conferenza stampa, le linee principali dell’atto d’accusa finale della pubblica accusa nel caso Frédéric Péchier. Dopo sette lunghi anni di indagini su questo straordinario fascicolo medico, questo è il penultimo passo prima di un possibile processo davanti alla Corte d’assise del Doubs per questo medico di 52 anni.

Damien, Monique, Laurence, Arnaud, Jean, Sylviane…. Sono morti a causa di un avvelenamento deliberato commesso per mano del dottor Péchier? E perché ? Per tutti questi anni le famiglie hanno voluto capire come e da chi fossero hanno introdotto prodotti pericolosi nelle sacche anestetiche delle vittime prima che andassero in sala operatoria, provocando arresti cardiaci inspiegabili.

Sette anni di indagini, udienze e molteplici perizie hanno portato all’incriminazione di Frédéric Péchier per 30 presunti casi di avvelenamento, 12 dei quali si sono rivelati mortali. La vittima più giovane morta aveva 50 anni, una donna che era venuta per un intervento chirurgico alla spalla. Tra i pazienti sopravvissuti, un bambino di 4 anni è stato operato alle tonsille e nel sangue è stato trovato potassio.

Etienne Manteaux, pubblico ministero di Besançon, ha spiegato ai giornalisti l’accusa di oltre 500 pagine scritte in tre mesi dalla vice procuratrice Christine de Currraize.

L’accusa ha chiesto l’archiviazione per 30 sospetti avvelenamenti e l’archiviazione per due eventi avversi gravi (SAE) per i quali Frédéric Péchier è stato posto sotto lo status di testimone assistito.

Etienne Manteaux, pubblico ministero

Tra il 2008 e il 2017, Frédéric Péchier è sospettato di aver inquinato le sacche di infusione dei pazienti in due cliniche private di Besançon per provocare arresti cardiaci, quindi dimostrare le sue doti di rianimatore all’interno di strutture sanitarie, ma anche per screditare i colleghi con cui era in conflitto . In tutti i casi, tranne quello del 20 gennaio 2017 (che avviene quando il cappio giudiziario si stringe), gli avvelenamenti sono avvenuti su pazienti di cui quel giorno il dottor Péchier non era responsabile.

>>

Etienne Manteaux, pubblico ministero di Besançon.

©LUDOVIC LAUDE/MAXPPP

“Aveva creato un personaggio carismatico salvatore”

Sul medico gravano gravi accuse, dicono i giudici. Secondo gli esperti, gli incidenti legati all’anestesia che causano arresto cardiaco e morte dei pazienti sono in media 1 caso su 100.000 in Francia. Durante gli 8 anni in cui il dottor Péchier ha lavorato presso la Clinica Saint-Vincent di Besançon, ci sono stati 6 volte più decessi. Gli arresti cardiaci inspiegabili si sono interrotti quando il medico ha lasciato la struttura.

L’indagine è stata in grado di stabilire che questi eventi avversi gravi (SAE) non avevano alcuna spiegazione. Ma l’indagine condotta dalla polizia giudiziaria di Besançon ha stabilito che c’erano sacche di prodotto anestetico “inquinato in anticipo, rendendolo non rilevabile”. Solo un esperto in anestesia potrebbe farlo. Frédéric Péchier era sempre il primo ad arrivare in clinica, era molto presto” ha spiegato il pubblico ministero.

“Aveva sempre la soluzione”, “pensava di essere il migliore”, “il capo rianimatore della clinica”, la star degli anestesisti di Besançon. “Aveva creato un personaggio davvero carismatico e salvatore” essendo sempre il primo a intervenire quando si verificava un SAE, ha ricordato il pubblico ministero.

Potassio, anestetici locali e adrenalina sono al centro dell’indagine. In caso di sovradosaggio, questi prodotti causano arresto cardiaco. Gli orari di presenza e di assenza convergono sulla presenza del medico nei due ambulatori nel momento in cui si verificano gli infortuni chirurgici. Le perquisizioni stabiliranno che nella sua auto il medico aveva anche sacche di oppioidi e anestetici provenienti dalla clinica.

Il profilo del medico è inquietante visti gli elementi dell’indagine. Nel 2014 è stato preso in cura dal Samu dopo aver ingerito un prodotto oppioide proveniente dalla clinica. Nel 2015 ha consultato uno psicologo al quale ha spiegato che si annoiava sul lavoro e nella vita. Gli appunti dello specialista sono stati sequestrati dagli investigatori. Quest’ultimo ha ritenuto che Frédéric Péchier non fosse in quel momento nelle condizioni psicologiche per lavorare, ha spiegato Etienne Manteaux.

Frédéric Péchier, ormai invecchiato 52 ventenne ha sempre proclamato la sua innocenza. Dal 2018 è libero sotto controllo giudiziario e non può più lavorare come anestesista né stare a contatto con i pazienti. Nel marzo 2024 su RTL, il medico imputato stimava che il processo si sarebbe concluso con l’archiviazione, secondo lui per insufficienza di prove, spiegando che ci sono errori medici nei servizi sanitari.

Dopo la comunicazione dell’atto d’accusa dell’accusa, la difesa e le parti civili ora possono presentare le loro osservazioni ai magistrati inquirenti. Quest’ultimo deciderà quindi sull’ordine di rinvio a giudizio, sull’archiviazione del caso o sull’archiviazione parziale del caso. Il processo davanti alla Corte d’assise del Doubs potrebbe svolgersi entro il 2025, non prima. Il medico rischia l’ergastolo per ogni caso di avvelenamento.

>
>

L’anestesista Frédéric Péchier ha lavorato in questa clinica di Besançon.

© LUDOVIC LAUDE /L’EST REPUBLICAIN/MAXPP

11 gennaio 2017. Una donna di 36 anni ha subito un arresto cardiaco inspiegabile presso la clinica Saint-Vincent di Besançon. Si trova il potassio. L’Azienda sanitaria regionale allerta le forze dell’ordine.

20 gennaio 2017. Nella stessa clinica si verifica un nuovo infarto inspiegabile

6 marzo 2017. L’anestesista Frédéric Péchier viene messo in custodia di polizia. È stato incriminato per “avvelenamento premeditato” di 7 pazienti, due dei quali sono morti tra il 2008 e il 2017. È stato posto sotto controllo giudiziario e rilasciato.

23 maggio 2017. L’anestesista chiede di lavorare di nuovo. Rifiuto della Camera inquirente.

Dicembre 2017. I corpi di quattro persone la cui morte è sospetta vengono riesumati per essere analizzati.

17 maggio 2019. Frédéric Péchier è incriminato per 17 nuovi eventi avversi gravi (SAE). Sostiene ancora la sua innocenza. Non ha più il diritto di comparire a Doubs. Non può più esercitare il suo lavoro.

1 ottobre 2021. A Vienna, dove vive con i genitori, il medico tenta il suicidio gettandosi da una finestra del primo piano.

27 settembre 2022. I sospetti ora riguardano 32 pazienti che sarebbero stati avvelenati, 13 sono morti.

22 marzo 2023. Frédéric Péchier è incriminato per 30 casi, di cui 12 mortali.

26 aprile 2023. Frédéric Péchier può nuovamente svolgere l’attività medica a condizioni molto specifiche, senza legame diretto con i pazienti.

18 luglio 2023. In una lunga intervista a Le Parisien, Frédéric Péchier si è dichiarato innocente. Ammette errori medici, di cui due da parte sua, ma nessun desiderio di causare danni. Al fatto che arriva sempre sul luogo dell’arresto cardiaco al momento giusto, come “Zorro”, come dirà un suo collega, risponde che interviene ogni volta su richiesta dei colleghi.

23 maggio 2024. La Procura di Besançon rivela l’atto d’accusa trasmesso al magistrato. L’accusa chiede il rinvio in assise del dottor Péchier.

► Leggi tutti gli articoli sul caso Péchier

-

PREV Nicolas Jackson vizia i suoi vicini del quartiere di Tilène con numerose donazioni (foto)
NEXT Recensione dell’edizione 2024 del Festival del vicinato in Quebec!