CBC/Radio-Canada: il silenzio di Thomas, il duro scambio tra Trudeau e Poilievre

-

Il primo ministro Justin Trudeau e il leader dell’opposizione ufficiale, Pierre Poilievre, sono scesi in prima linea mercoledì in Parlamento per “difendere” Radio-Canada dopo che un deputato conservatore è rimasto in silenzio dopo essere stato interrogato sul futuro della programmazione in lingua francese dal emittente pubblica.

Pensi che Radio-Canada dovrebbe rimanere aperta? La deputata dell’Alberta Rachael Thomas, portavoce del patrimonio culturale del Partito conservatore canadese (CPC), è rimasta paralizzata per 18 lunghi secondi dopo questa domanda posta martedì dal giornalista Laurence Martin, in seguito all’apparizione del direttore generale della CBC/Radio-Canada, Catherine Tait, davanti a un parlamento Comitato.

Perché non vuoi rispondere a questa domanda?ha ripetuto la giornalista di Radio-Canada senza provocare la minima reazione della signora Thomas, che è rimasta in silenzio, con lo sguardo congelato.

È perché pensi che dovrebbe anche chiudere? Perché il tuo capo ha detto che voleva che rimanesse apertoha detto ancora il giornalista. Sono con il mio capoha infine dichiarato Rachael Thomas.

Inizio del widget di Twitter. Saltare il widget?Fine del widget di Twitter. Tornare all’inizio del widget?

Questo incidente è stato al centro di uno scambio mercoledì tra il primo ministro Trudeau e il leader conservatore, durante il periodo delle interrogazioni alla Camera dei Comuni.

Pierre Poilievre dice di voler smettere di finanziare la CBC pur mantenendo la programmazione francese di Radio-Canada. I suoi predecessori avevano anche promesso di tagliare i finanziamenti all’ente statale, che riceve la sua quota di fondi pubblici quando i parlamentari approvano il bilancio federale.

Rispondendo a una domanda sulle possibili sanzioni contro il deputato liberale Francis Drouin, che in una commissione parlamentare ha pronunciato un discorso considerato volgare contro due testimoni che si battono per la protezione dei francesi in Quebec, Justin Trudeau ha affermato che il suo partito era lì per difendere la Francofonia in tutto il paesepoi ha contrattaccato menzionando la signora Thomas.

Il deputato [Drouin] si è scusato e ha ritirato i suoi commenti, ma quello che abbiamo visto è stato anche che il loro stesso deputato di origine non era in grado di difendere Radio-Canada quando [on lui] ha posto una domanda direttaha lanciato il signor Trudeau.

I conservatori vogliono tagliare [les fonds] dalla CBC e da Radio-Canada e dovrebbero dirlo più chiaramenteHa aggiunto.

Noi siamo quelli che proteggeranno Radio-Canada ed elimineranno la grande burocrazia della CBCrispose il signor Poilievre, tra gli applausi dei suoi delegati.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Catherine Tait durante la sua apparizione davanti al Canadian Heritage Committee della Camera dei Comuni (Foto d’archivio)

Foto: La stampa canadese / PATRICK DOYLE

L’amministratore delegato di CBC/Radio-Canada ha dovuto affrontare una raffica di domande da parte dei parlamentari conservatori martedì durante la sua apparizione davanti al Comitato permanente per il patrimonio canadese a Ottawa. Le domande si concentrano principalmente sui bonus concessi ai dirigenti dell’azienda statale, mentre l’emittente pubblica si trova ad affrontare difficoltà finanziarie.

Prima dell’apparizione di Catherine Tait, l’emittente pubblica aveva inviato a marzo una lettera al presidente della commissione, accusando i parlamentari conservatori di aver diffuso deliberatamente false accuse contro la società e la signora Tait.

La missiva lo indicava accuse deliberatamente false aveva danneggiato la reputazione di Catherine Tait e quella di CBC/Radio-Canada. I parlamentari conservatori Kevin Waugh e Rachael Thomas sono stati presi di mira in particolare per i commenti che avevano fatto.

Entrambi i parlamentari avevano accusato la signora Tait di aver mentito e di aver ingannato la commissione sui bonus per i dirigenti in una riunione precedente.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Rachael Thomas, deputata conservatrice dell’Alberta e critica per il patrimonio canadese (foto d’archivio)

Foto: stampa canadese/Adrian Wyld

La signora Tait ha affermato che non è stata ancora presa alcuna decisione sui bonus per i dirigenti per l’anno finanziario 2023-24, ma la questione sarà discussa a metà giugno con il consiglio.

Ha insistito sul fatto che si tratta di una retribuzione di risultato che fa parte della retribuzione complessiva di alcuni dipendenti in base ai contratti esistenti.

Catherine Tait, che dovrà restare in carica fino al gennaio 2025, non ha escluso, anche questa volta, la possibilità di un bonus che potrebbe esserle riconosciuto fino a nove mesi dopo la sua partenza.

A dicembre, CBC/Radio-Canada ha annunciato l’intenzione di eliminare 600 posti di lavoro e 200 posti vacanti e di tagliare 40 milioni di dollari nella produzione. L’emittente pubblica ha spiegato che mirerà a chiudere un deficit previsto di 125 milioni di dollari nell’anno finanziario 2024-25.

Ma i nuovi ricavi previsti, inclusa un’iniezione di 42 milioni di dollari da parte del governo federale, aiuteranno l’azienda a evitare ulteriori tagli di posti di lavoro quest’anno, ha detto martedì Tait ai parlamentari.

In totale, da dicembre l’emittente pubblica ha eliminato 205 posti vacanti e licenziato 141 dipendenti.

Con informazioni dalla stampa canadese

-

PREV Parte del campo libero per la partita di Avranches contro Nancy
NEXT Dakar ospita, a partire da mercoledì, la terza edizione dello Stéréo Africa Festival