Shein individuata da Test-Achats dopo un test su 25 prodotti per bambini: “Sono state trovate sostanze chimiche pericolose”

Shein individuata da Test-Achats dopo un test su 25 prodotti per bambini: “Sono state trovate sostanze chimiche pericolose”
Shein individuata da Test-Achats dopo un test su 25 prodotti per bambini: “Sono state trovate sostanze chimiche pericolose”
-

Shein viene nuovamente preso di mira. La piattaforma online, già segnalata per la qualità dei suoi prodotti e per le condizioni di lavoro dei suoi dipendenti in tutto il mondo, si trova questa volta al centro di un test condotto da Test-Achats. L’associazione per la difesa dei consumatori voleva saperne di più sui prodotti utilizzati per realizzare i suoi capi di abbigliamento. “Abbiamo acquistato 25 prodotti (abbigliamento e scarpe) per bambini. Sostanze chimiche pericolose sono state trovate in 10 articoli su 25, ma solo 1 articolo (scarpe per bambini) conteneva sostanze in concentrazioni (ampiamente) superiori agli standard legali”, apprendiamo.

Un risultato problematico che dimostra che i creatori a volte giocano con i limiti per vendere le proprie azioni e produrre a basso costo. “Crediamo che nell’abbigliamento e nelle scarpe dei bambini, anche al di sotto degli standard normativi, non si possano trovare sostanze pericolose e tanto meno interferenti endocrini come alcuni ftalati. La normativa europea sulle sostanze chimiche non è sufficientemente restrittiva perché i bambini sono molto vulnerabili all’esposizione alle sostanze chimiche. Si confrontano quotidianamente attraverso il cibo, l’aria e i prodotti di consumo (giocattoli, mobili, abbigliamento, scarpe) con un cocktail di sostanze chimiche. Non è quindi accettabile trovare negli indumenti e nelle scarpe a loro destinati sostanze tossiche per la loro crescita e la loro salute, anche in concentrazioni legali”, indica Test-Achats.

Questo studio ha esaminato esclusivamente i prodotti per bambini perché sono “più sensibili degli adulti agli inquinanti chimici”, nota Test-Achats. Sappiamo anche che i genitori acquistano sempre più vestiti per i propri figli su Internet e che alcuni abbandonano le liste di nascita nei negozi fisici per le liste su Internet.

Test-Achats mette in guardia anche sui rischi per la salute a breve e medio termine. “I corpi e i sistemi corporei dei bambini sono ancora in fase di sviluppo, il che riduce la loro capacità di gestire o eliminare determinate sostanze chimiche. Ciò può renderli più suscettibili agli effetti nocivi di queste sostanze. L’esposizione ad alcune sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino durante la prima infanzia, quando il bambino è suscettibile agli effetti sullo sviluppo, può avere conseguenze negative sulla salute del bambino.

Ad esempio, lo studio ha riscontrato la presenza di 4 sostanze pericolose in un paio di scarpe (1 paio di pantofole per bambini in PU per interni, in peluche, impermeabili, antiscivolo, per la casa, per ragazzi in autunno e inverno, Nota dell’editore). “Il laboratorio ha rilevato (nella soletta) la presenza di 1590 mg/kg di formammide mentre la concentrazione normativa REACH è di 1000 mg/kg. A partire da questa concentrazione, il produttore deve indicare che il prodotto contiene formammide (nessuna menzione sul sito e sul prodotto). La formammide è un sottoprodotto della produzione delle schiume EVA (etilene vinil acetato). Shein indica che la scocca è realizzata in poliuretano quando chiaramente sarebbe EVA poiché contiene formammide.

Lì è stato trovato anche lo 0,24% di DBP (dibutilftalato).mentre la concentrazione regolamentare è pari allo 0,1%. Gli ftalati sono una classe di composti organici comunemente aggiunti alla plastica per aumentarne la flessibilità”.

Nella suola abbiamo trovato in particolare 2510 mg/kg di Piombo, 19% DBP (dibutilftalato)”mentre la concentrazione regolamentare è 0,1% (o 1000 mg/kg)”, o anche 0,99% DEHP (dietilesilftalato) “mentre la concentrazione regolamentare è 0,1% (1000 mg/kg)”.

Tracce che arrivano fino all’etichetta del logo, dove troviamo lo 0,11% di DBP (dibutilftalato)”mentre la concentrazione regolamentare è pari allo 0,1%” E “34% DEHP (dietilesilftalato) mentre la concentrazione normativa è dello 0,1%, ovvero 340 volte la soglia limite autorizzata”.

Non c’è quindi motivo di tranquillizzarsi, perché esistono analisi simili per altri prodotti. “Queste pantofole sono delle vere e proprie bombe chimiche per i bambini. Soprattutto i più piccoli che mettono tutto in bocca. Avere queste pantofole nella cameretta di un bambino è già un problema. Ma in più, se il bambino li indossa senza calzini, sono a diretto contatto con i piedi. Sono pantofole di plastica, quindi i piedi sudano facilmente. Gli ftalati DEHP e DBP sono riconosciuti come interferenti endocrini che causano effetti negativi sullo sviluppo e sulla riproduzione. Sono quindi particolarmente pericolosi per i bambini”, si legge in particolare nel rapporto Test-Achats.

-

PREV il virus ritorna in Francia con l’avvicinarsi delle vacanze e delle Olimpiadi
NEXT Elezioni legislative francesi: “I repubblicani rischiano di morire lentamente”