Adolescente “radicalizzato”, 16 anni, ucciso a colpi di arma da fuoco dopo aver accoltellato una persona a Perth

Adolescente “radicalizzato”, 16 anni, ucciso a colpi di arma da fuoco dopo aver accoltellato una persona a Perth
Adolescente “radicalizzato”, 16 anni, ucciso a colpi di arma da fuoco dopo aver accoltellato una persona a Perth
-

L’adolescente, armato di coltello, si è “precipitato” contro la polizia ed è stato colpito a morte da un agente, ha detto il primo ministro dello Stato dell’Australia Occidentale Roger Cook durante una conferenza stampa. “Ci sono indicazioni che si sia radicalizzato online. Ma voglio rassicurare la popolazione, in questa fase sembra che abbia agito da solo”, ha detto Cook.

Sabato sera la polizia ha ricevuto una telefonata da un uomo che avvertiva che avrebbe commesso “atti di violenza” ma non ha fornito il suo nome né la sua ubicazione, ha detto ai giornalisti il ​​funzionario della polizia di stato, Col Blanch.

Pochi minuti dopo, ha aggiunto, la polizia ha ricevuto una chiamata di emergenza che li avvertiva che “un uomo con un coltello stava correndo” in un parcheggio a Willetton, un sobborgo meridionale di Perth.

Secondo le immagini riprese da una telecamera del corpo di polizia, l’adolescente si è rifiutato di posare il coltello a terra come richiesto dalla polizia, ha detto Blanch.

Gli agenti hanno sparato con due taser ma “nessuno dei due ha avuto l’effetto desiderato”, ha detto.

“L’uomo ha continuato ad avanzare verso (un agente) con un’arma da fuoco che ha sparato un solo colpo e ha ferito a morte” l’individuo, ha detto il funzionario di polizia, e l’adolescente è morto in ospedale più tardi quella notte.

“Radicalizzazione online”

L’uomo “maturo” ferito nell’aggressione con coltello è in condizioni “gravi” ma stabili, ha detto il funzionario di polizia.

L’adolescente aveva “problemi di salute mentale ma anche problemi di radicalizzazione online”, secondo la stessa fonte.

Negli ultimi anni l’aggressore faceva parte di un programma contro la violenza e l’estremismo. “Questo non è un approccio basato sulla dimensione criminale, è un programma volto ad aiutare le persone che esprimono ideologie preoccupanti per la nostra comunità”, ha spiegato Blanch.

I crimini violenti sono rari in Australia, anche se l’attacco nel sobborgo di Perth arriva meno di un mese dopo un altro attacco con accoltellamento che ha causato la morte di sei persone in un centro commerciale a Sydney (sud-est).

L’autore dell’attacco, Joel Cauchi, un malato di mente di 40 anni, è stato trovato e poi ucciso dalla polizia. I genitori del signor Cauchi hanno detto che al figlio è stata diagnosticata la schizofrenia all’età di 17 anni, poi ha lasciato la loro casa nel Queensland (nord-est) e ha abbandonato le cure.

Due giorni dopo l’attacco al centro commerciale, anche il vescovo di una chiesa assira è stato accoltellato durante un sermone trasmesso in live streaming in una chiesa di Sydney. La vittima è sopravvissuta alle ferite riportate. Un ragazzo di 16 anni è stato accusato di “atto terroristico”.

-

PREV Israele vieta alla Spagna di fornire servizi consolari ai palestinesi
NEXT Il Marocco condanna fermamente il raid israeliano nel campo palestinese vicino a Rafah – Telquel.ma