Le operazioni umanitarie a Gaza rasentano la catastrofe

Le operazioni umanitarie a Gaza rasentano la catastrofe
Le operazioni umanitarie a Gaza rasentano la catastrofe
-

Le operazioni umanitarie a Gaza sono “vicine al collasso”, anche se molte famiglie si trovano in situazioni disperate con poco cibo e acqua pulita, ha rivelato il Programma alimentare mondiale (WFP).

Di fronte a questa carenza, le famiglie di Gaza hanno urgentemente bisogno di un afflusso di aiuti. Il WFP ha inoltre avvertito che le offensive israeliane nel nord e nel sud della Striscia di Gaza, così come la chiusura dei valichi di frontiera, “ farà precipitare una catastrofe umanitaria e un peggioramento della fame “.

Le operazioni umanitarie a Gaza sono sull’orlo del collasso e, se il cibo e altri rifornimenti non riprenderanno in quantità massicce, si diffonderanno condizioni simili alla carestia. “, ha indicato Abeer Etefa, portavoce dell’Ufficio del PAM per il Medio Oriente, sui suoi social network.

Inoltre, l’agenzia delle Nazioni Unite ha precisato che l’escalation degli scontri militari nel sud e in alcune zone del nord, combinato con molteplici blocchi ai valichi di frontiera, precipiterà ” una catastrofe umanitaria e una nuova carestia “.

Se cibo e forniture umanitarie non inizieranno ad affluire in massa a Gaza, la disperazione e la fame si diffonderanno », ha insistito il PAM.

L’allarme arriva mentre quasi la metà della popolazione di Rafah, più di 800.000 persone, sta cercando disperatamente cibo e riparo nelle aree centrali della Striscia di Gaza e a Khan Younis. Attualmente non c’è distribuzione di cibo nel sud di Gaza, ad eccezione di alcune scorte limitate destinate alle cucine comunitarie per i pasti caldi.

Inoltre, l’agenzia ha affermato che meno di 100 camion sono entrati nel sud di Gaza dal 6 maggio, rappresentando la quantità più bassa di forniture umanitarie da dicembre, rendendo il rischio di carestia molto reale.

Inoltre, il WFP ha notato che non può accedere al suo magazzino principale a Rafah a causa delle ostilità, e che la chiusura dei valichi di frontiera nel sud impedisce la consegna di cibo, carburante e aiuti. Nonostante questi ostacoli, il WFP sta lavorando per distribuire i prodotti rimanenti. Dall’inizio di maggio, l’agenzia ha fornito circa 4,4 milioni di pasti caldi attraverso 70 cucine comunitarie e ha prodotto più di 1 milione di confezioni di focacce.

Da parte sua, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA) ha dichiarato: “ Per migliaia di famiglie palestinesi non c’è più un posto dove andare: le operazioni militari e i bombardamenti costituiscono una minaccia permanente, gli edifici sono ridotti in rovina. Nessun posto è sicuro a Gaza “.

Le persone che hanno bisogno di aiuto sono “ famiglie che vivono tra le macerie in scuole danneggiate, prive di tende, di servizi essenziali e di beni di prima necessità », ha aggiunto l’UNRWA.

D’altra parte, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha segnalato un aumento delle malattie trasmissibili, tra cui diarrea ed epatite A, nella Striscia di Gaza. Nonostante la continua fornitura di assistenza sanitaria da parte dell’UNRWA, i rifugi sovraffollati e i servizi igienici limitati pongono seri rischi per la salute. Le forze israeliane hanno anche preso d’assalto l’ospedale di al-Awda, che è sotto assedio da domenica scorsa, mettendo in pericolo i pazienti, il personale medico e i civili all’interno.

-

NEXT Un candidato municipale assassinato in Messico, più di venti in totale