Swiss e Lufthansa aumentano i prezzi dei biglietti per soddisfare i requisiti ambientali – rts.ch

Swiss e Lufthansa aumentano i prezzi dei biglietti per soddisfare i requisiti ambientali – rts.ch
Swiss e Lufthansa aumentano i prezzi dei biglietti per soddisfare i requisiti ambientali – rts.ch
-

Il principale gruppo aereo europeo Lufthansa, proprietario in particolare di Swiss, ha annunciato martedì che aumenterà i prezzi di tutti i suoi voli europei. L’integrazione prevista dovrà coprire parte dei costi legati ai requisiti ambientali della Commissione Europea.

Il supplemento si applicherà a tutti i voli programmati “dal 1° gennaio 2025”, in partenza dai 27 paesi dell’Unione Europea (UE), nonché da Regno Unito, Norvegia e Svizzera, ha indicato il gruppo in un comunicato stampa. Il suo importo varierà “a seconda della tratta e del prezzo del volo”, su una scala compresa tra 1 e 72 euro, ha aggiunto.

“Negli anni a venire il gruppo aereo non sarà in grado di sostenere da solo i crescenti costi aggiuntivi derivanti dai requisiti normativi”, ha spiegato martedì Lufthansa. L’azienda fa riferimento alle quote obbligatorie imposte dall’UE volte a incorporare carburanti più sostenibili (carburante per l’aviazione sostenibile, SAF) nei serbatoi degli aerei, al fine di sostituire gradualmente il cherosene.

La quota di SAF dovrà raggiungere il 2% a partire dal 2025, il 6% nel 2030, poi il 20% a partire dal 2035 e infine il 70% nel 2050. Tuttavia, la produzione di SAF è ancora embrionale: nel 2023 corrispondeva allo 0,5% della domanda mondiale di carburante per l’aviazione. . A causa della scarsa disponibilità, secondo Lufthansa, il loro prezzo è ancora da tre a cinque volte superiore a quello del cherosene fossile.

Moltiplicazione degli integratori

“Più aumenta la produzione della SAF, più il suo prezzo diminuirà”, ha spiegato all’AFP un portavoce del gruppo. Finché il loro prezzo non diminuirà, Lufthansa potrebbe continuare a trasferire il costo aggiuntivo sul prezzo dei biglietti, ha avvertito. Per compensare il ritardo nella produzione di SAF in Europa, le principali compagnie aeree europee, tra cui Lufthansa, hanno invitato a marzo l’UE a ispirarsi agli Stati Uniti, dove la produzione beneficia di incentivi.

Questo supplemento ambientale si aggiunge a un altro surplus, questa volta facoltativo, offerto ai viaggiatori da Lufthansa e altre compagnie aeree, per compensare le loro emissioni di carbonio attraverso progetti di protezione del clima. Questo processo è stato oggetto di una denuncia da parte delle associazioni dei consumatori lo scorso anno alla Commissione Europea, accusando una ventina di compagnie aeree di “greewaching (riciclaggio ecologico) e di “pratiche commerciali ingannevoli”.

“Attualmente stiamo discutendo con la Commissione europea” su questo argomento, ha detto un portavoce della Lufthansa.

-

PREV Ecosistema della batteria. Il puzzle dell’energia e dell’acqua
NEXT Essilorluxottica: L’acquisizione del marchio Supreme da parte di Essilorluxottica fa sollevare le sopracciglia sul mercato azionario