Il Quebec paga una sovvenzione di 2,6 milioni di dollari per aiutare Glencore a inquinare meno

Il Quebec paga una sovvenzione di 2,6 milioni di dollari per aiutare Glencore a inquinare meno
Il Quebec paga una sovvenzione di 2,6 milioni di dollari per aiutare Glencore a inquinare meno
-

Il governo Legault ha deciso di concedere un sussidio di quasi 2,6 milioni di dollari al colosso svizzero Glencore, che tuttavia è oggetto di forti critiche per le emissioni inquinanti dei suoi stabilimenti in Quebec.

• Leggi anche: Emissioni della Fonderia Horne: progetti transitori che sembrano dare i loro frutti

• Leggi anche: Qualità dell’aria a Limoilou: Glencore dovrà adottare misure correttive

Il sostegno finanziario del Quebec, che sarà distribuito su due anni, mira a facilitare “la realizzazione di progetti di riduzione delle emissioni di gas serra nell’ambito della misura di aiuto per la decarbonizzazione del settore industriale del Quebec”, si legge in un decreto pubblicato mercoledì nel Gazzetta Ufficiale.

La multinazionale non ha voluto dire di quali progetti si tratti.

“La sovvenzione è per Glencore Canada, per l’utilizzo dei suoi tre siti del Quebec, soggetti al sistema cap and trade per le emissioni, vale a dire Raglan Mine [au Nunavik]Fonderia Horne [à Rouyn-Noranda] e la raffineria CCR [à Montréal-Est]», indicato al Giornale una portavoce dell’azienda, Hélène Tellier.

La raffineria CCR Montreal-Est.

Joel Lemay / Agenzia QMI

Arsenico in Abitibi

L’anno scorso, le emissioni di arsenico della fonderia Horne erano in media di 45 nanogrammi per metro cubo (ng/m3) mentre lo standard del Quebec è 3 ng/m3.

Glencore dovrà abbassare questa media a 15 ng/m3 entro il 2028 e avvicinarsi allo standard del Quebec a lungo termine. Ricordare che gli stabilimenti industriali in funzione prima del 30 giugno 2011 non sono ufficialmente soggetti agli standard governativi sull’aria ambiente.

Per ridurre le emissioni della fonderia di Horne, Glencore sta lavorando a un progetto di ammodernamento della struttura del valore di oltre 500 milioni di dollari, attualmente oggetto di uno studio di fattibilità.

Glencore è sotto osservazione anche in Quebec. Una recente indagine del Ministero dell’Ambiente ha concluso che esiste una “relazione” tra le sue attività nel porto del Quebec e l’aumento delle concentrazioni di nichel nell’aria nel distretto di Limoilou, ha rivelato Radio-Canada.

Per quanto riguarda la raffineria CCR, è tra le 89 aziende che beneficiano di un’autorizzazione speciale del Quebec per superare gli standard di emissione di alcuni inquinanti.

Nel 2023, Glencore ha ottenuto un utile netto di 4,3 miliardi di dollari su un fatturato di 218 miliardi di dollari.

Hai qualche informazione da condividere con noi su questa storia?

Scrivici a o chiamaci direttamente al 1 800-63SCOOP.

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori