Wall Street chiude contrastata, nuovi record per Nasdaq e S&P 500 – 13/06/2024 alle 22:57

Wall Street chiude contrastata, nuovi record per Nasdaq e S&P 500 – 13/06/2024 alle 22:57
Wall Street chiude contrastata, nuovi record per Nasdaq e S&P 500 – 13/06/2024 alle 22:57
-

Il pavimento della Borsa di New York (GETTY IMAGES NORD AMERICA / SPENCER PLATT)

Giovedì la Borsa di New York si è conclusa nel caos, con il Nasdaq e l’S&P 500 che hanno toccato, d’un fiato, un nuovo record di chiusura, nonostante un movimento di consolidamento che ha soffocato il mercato.

Il Nasdaq e l’S&P 500 hanno guadagnato rispettivamente lo 0,34% e lo 0,23%, mentre il Dow Jones è leggermente sceso (-0,17%).

La sessione è stata volatile, con il Nasdaq e l’S&P 500 che sono andati avanti e indietro in rosso, con i principali indici che hanno faticato a trovare una direzione.

“Il mercato è stato tuttavia accolto da notizie che potrebbero incoraggiare la Fed (la banca centrale americana) ad abbassare i tassi”, ha osservato Patrick O’Hare, di Briefing.com.

L’indice dei prezzi alla produzione (PPI) si è contratto dello 0,2% a maggio, mentre gli economisti lo hanno visto aumentare dello 0,1%.

Il dato conferma la buona impressione lasciata il giorno prima dall’indice dei prezzi al consumo CPI, stabile a maggio.

“Proprio quando tutti se lo aspettavano, la disinflazione è alle porte”, ha commentato Jamie Cox dell’Harris Financial Group. Se ciò sarà confermato, sul tavolo sarà l’ipotesi di un taglio dei tassi a settembre”.

L’ipotesi centrale degli operatori prevede due tagli da parte della Fed quest’anno, anche se le previsioni dei membri dell’istituto, aggiornate mercoledì, ne vedono solo uno.

Il terreno appare tanto più favorevole all’allentamento monetario in quanto il mercato del lavoro mostra segnali di raffreddamento.

Le nuove richieste di sussidio di disoccupazione sono salite a 242.000 la scorsa settimana, il livello più alto in dieci mesi.

I due indicatori della giornata hanno fatto vacillare i tassi obbligazionari, già sotto pressione mercoledì dopo la pubblicazione dell’indice CPI.

Il rendimento dei titoli di stato statunitensi a 10 anni è sceso al 4,22%, il primo dall’inizio di aprile.

“A tutto questo si aggiunge Broadcom (+12,27%) e l’entusiasmo legato ai suoi risultati e all’annuncio della divisione per dieci delle sue azioni”, ha descritto Patrick O’Hare.

Il progettista di semiconduttori ha pubblicato risultati superiori alle aspettative e ha alzato le previsioni per l’intero anno finanziario in ritardo (chiuso a fine ottobre). I ricavi derivanti dall’intelligenza artificiale raggiungono ormai un quarto del fatturato.

“Il mercato aveva tutto per segnare un buon rialzo oggi”, ha stimato Patrick O’Hare. Invece «non ha fatto molto», nota l’analista. “La gente ha deciso che era meglio consolidare alcuni dei forti guadagni ottenuti negli ultimi tempi.”

In borsa, il flash Broadcom ha fatto brillare diversi titoli del settore tecnologico, in particolare i suoi concorrenti Qualcomm (+1,12%), Nvidia (+3,52%) e Micron (+1,70%), nonché lo specialista in Super Micro Computer server (+12,44%).

Apple (+0,55%) ha riconquistato il titolo di maggiore capitalizzazione mondiale, davanti a Microsoft (+0,12%), ma Nvidia è sempre più vicina e si trova ormai a meno di 100 miliardi di valutazione dal picco.

Tesla è balzata (+2,92%) dopo che Elon Musk ha affermato che i veicoli elettrici in Texas stanno per ottenere l’approvazione della maggioranza degli azionisti.

In un contesto favorevole ai titoli in crescita, in particolare il laboratorio Amgen (-0,86%), American Express (-0,83%) o Boeing (-1,08%).

Quest’ultimo ha rivelato di aver rilevato elementi di fissaggio serrati in modo errato sui 787 Dreamliner in attesa di consegna.

Il gruppo mediatico Paramount Global continua il suo calo (-6,92%), dopo che il suo azionista di controllo National Amusements ha interrotto le trattative con lo studio Skydance Media, in vista di una possibile unione.

Nello stesso settore, Warner Bros Discovery (-6,66%) è scesa al livello più basso degli ultimi 15 anni, poiché gli investitori mettono in dubbio le sue prospettive di crescita e la possibile perdita dei diritti di trasmissione del giocatore professionista di basket NBA della lega.

Nasdaq

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori