Gas: Chariot Limited sigla un accordo con Vivo Energy

Gas: Chariot Limited sigla un accordo con Vivo Energy
Gas: Chariot Limited sigla un accordo con Vivo Energy
-

Chariot Limited, il gruppo energetico di transizione focalizzato sull’Africa, ha annunciato lunedì di aver stipulato un accordo con Vivo Energy relativo alla potenziale futura commercializzazione del gas naturale dalla licenza “Loukos Onshore” in Marocco. L’operatore britannico detiene il 75% di questa licenza rispetto al 25% dell’Ufficio nazionale degli idrocarburi e delle miniere (ONHYM).

Questo accordo siglato con Vivo Energy lo consentirà quindi “definire i prossimi passi nella realizzazione di un’attività dell’industria del gas, da un lato attraverso la fornitura di gas domestico e, dall’altro, attraverso la creazione di una partnership midstream per il gas naturale compresso (GNC) per soddisfare il crescente fabbisogno energetico dell’industria marocchina”, dice Carro.

L’operatore del gas ha inoltre completato la sua prima campagna di perforazione nell’ambito di questa licenza e sta attualmente pianificando operazioni di test di flusso per il pozzo OBA-1. Loukos dispone di altre risorse di gas su siti esistenti non sfruttati e di un interessante portafoglio esplorativo che rappresenta un ulteriore potenziale di produzione. I dati raccolti durante la campagna di perforazione ed i dati sismici 2D e 3D recentemente rielaborati sono in fase di integrazione nell’ottica di valutare queste potenziali risorse.

Chariot prevede di vendere volumi iniziali fino a 3 milioni di piedi cubi al giorno (o circa 30 milioni di m3 all’anno) all’entità dedicata alla commercializzazione di Gas Naturale Compresso (CNG) nell’ambito di un accordo di vendita di gas a lungo termine proveniente dalla potenziale produzione futura di Loukos. Da parte sua, Vivo Energy intende progettare, finanziare, costruire e gestire un impianto e una rete di distribuzione di gas naturale compresso (“CNG”) per trasportare gas sotto forma di GNC da varie fonti a clienti industriali esistenti e nuovi in ​​Marocco.
Infine, questa attività di GNC sarebbe gestita e sviluppata da un’entità dedicata di cui Chariot potrebbe detenere fino al 49% delle azioni.

EMG

-

PREV Meghan Markle è la ragione per cui i suoi amici britannici non vengono a trovarlo?
NEXT Quali paesi dell’Unione Europea lo riconoscono?