Harry Kane è un problema per l’attacco dell’Inghilterra?

Harry Kane è un problema per l’attacco dell’Inghilterra?
Harry Kane è un problema per l’attacco dell’Inghilterra?
-

Svezzato dai palloni contro la Serbia, Harry Kane è l’ombra del giocatore che è al Bayern Monaco. Il suo posizionamento è un rebus che i Tre Leoni dovranno risolvere giovedì contro la Danimarca (18:00).

Invisibile o quasi. Dopo i primi 45 minuti della partita contro la Serbia, domenica per l’ingresso dell’Inghilterra a Euro 2024, Harry Kane aveva toccato solo due palloni. Un dato non molto migliore dopo 90 minuti con 24 palloni, il totale più basso per un giocatore dei Tre Leoni. Simbolo di un attacco in difficoltà, il capitano inglese non ha trovato il suo posto in campo alla Veltins Arena. Intorno a lui, Bukayo Saka e Phil Foden non sono riusciti ad avvicinarsi all’area per servire l’attaccante del Bayern Monaco.

Nonostante la vittoria, l’Inghilterra ha fornito una prestazione debole contro i serbi (1-0). Debole in difesa, i Tre Leoni hanno tirato in porta solo cinque volte. Insufficienti per preoccupare la Serbia, che ha resistito bene all’offensiva inglese. In un editoriale su The Telegraph, l’ex difensore del Liverpool Jamie Carragher ha criticato l’uso di Kane da parte dell’allenatore. “Se Southgate persiste nell’utilizzare lo stesso sistema per il resto del torneo, il suo numero 9 sarà seriamente compromesso”lui scrive.

L’attaccante del Bayern non partecipa quasi all’azione dei Tre Leoni nel primo tempo, per poi farsi coinvolgere maggiormente nel secondo atto senza trovare la via dell’area. Ad eccezione di un colpo di testa che si è schiantato sulla traversa dopo una parata di Rajkovic (77esimo), l’ex giocatore del Tottenham non aveva palla da giocare in zona sicura.

In difficoltà anche Phil Foden

Con un ruolo più limitato, Kane non poteva contare sulla velocità delle ali da servire in area. Una ricetta che ha funzionato nelle recenti competizioni internazionali come Euro 2020 durante le quali i suoi tre gol in partita sono arrivati ​​da traboccamenti sul lato sinistro. Un’ala occupata da Phil Foden contro la Serbia.

Ma l’esterno del Manchester City ha deluso ancora una volta senza dribbling e senza palla in area… in 90 minuti. Il pocket player caro a Pep Guardiola non ha lo stesso profilo di Marcus Rashford o Raheem Sterling, due giocatori presenti al suo fianco a Euro 2020 e assenti dalla lista nel 2024. Diversi editorialisti e consulenti britannici hanno chiesto la sua estromissione dalla undici. Ma questa è solo una parte del problema.

Supportato dal trio Jamal Musiala, Serge Gnabry e Leroy Sané in Baviera, l’attaccante inglese sfrutta la velocità e il movimento intorno a lui per distinguersi ed essere servito nelle migliori condizioni. Ciò è dimostrato dai suoi 36 gol in 32 partite della Bundesliga.

Ma l’animazione offensiva dei Tre Leoni è ben diversa. Mentre le ali corrono meno in profondità, il capocannoniere della storia della nazionale è costretto a essere meno presente nella preparazione per concentrarsi sul gol (12 passaggi tentati rispetto ai 22,1/partita prima dell’Euro). Un compito lasciato a Jude Bellingham, Trent Alexander-Arnold o Bukayo Saka. E anche se quest’ultimo è stato generoso nelle sue corse in avanti, è stato poco seguito dai suoi compagni.

GUARDA ANCHE – Euro 2024: Kylian Mbappé si allena con una benda sul naso

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/dugout/index.js” >

Southgate sotto pressione

Il sostituto Ollie Watkins (12 presenze, 3 gol) non vede l’ora di stare in panchina. L’attaccante dell’Aston Villa si vede affiancare l’ex attaccante degli Spurs sul fronte offensivo. “Mi piacerebbe giocare con ‘H’ perché va in profondità. Può ricoprire il ruolo di numero 10 e riceve molti passaggi.ha detto al Guardian.

Leggi ancheEuro 2024: dietro le quinte, paura, maschera… Le domande su Kylian Mbappé e il suo naso rotto

Tuttavia, sa che le sue possibilità di iniziare accanto a Kane sono scarse data la presenza di diverse stelle davanti a lui nella gerarchia. “Penso che sarebbe come quando era al Tottenham e raccoglieva i palloni e li passava a Son. Ma so che siamo fortunati ad avere tanto talento nella posizione numero 10.

Tuttavia, Gareth Southgate, il cui contratto scade a fine anno, dovrà trovare soluzioni in attacco affinché tutti siano il più efficaci possibile per scuotere le reti e mantenere la sua posizione in testa alla selezione inglese. E per Jamie Carragher, c’è solo una soluzione: “Ottenendo il meglio da Kane, l’Inghilterra può vincere la competizione”.

-

PREV Pensionamenti: tra i 35 e i 65 anni, i lavoratori hanno il doppio delle probabilità di morire rispetto ai manager, ricorda l’INSEE
NEXT Aubigny-sur-Nère, un villaggio dagli accenti scozzesi annidato nel Berry