Iris Haim, madre dell’ostaggio ucciso, porta agli ebrei americani “una nuova voce di speranza”

-

Il 15 dicembre 2023, nel caos dei combattimenti, dopo un’audace fuga dai sequestratori di Hamas, Yotam Haim e altri due ostaggi del gruppo terroristico, Alon Shamriz e Samar Talalka, sono stati tragicamente uccisi dai soldati mentre, cercando di dare un segnale stessi, brandivano bandiera bianca. Erano disarmati.

Sono stati rapiti dai terroristi di Hamas nel Kibbutz Kfar Aza durante il massacro del 7 ottobre. In questa disastrosa mattina di Shabbat, i terroristi hanno devastato il sud di Israele, uccidendo quasi 1.200 persone e rapendo 251 persone, che sono state prese in ostaggio all’interno dell’enclave costiera.

La madre di Yotam, Iris Haim, ha poi dichiarato in un’intervista ai media israeliani che il comandante del 17° battaglione della Brigata Bislamach dell’IDF ha riconosciuto suo figlio e ha ordinato alle sue truppe di non aprire il fuoco, ma era già troppo tardi. Un soldato aveva già usato la sua arma nella confusione che regnava a terra.

Ricevi gratuitamente la nostra edizione quotidiana via e-mail per non perdere le migliori novità. Registrazione gratuita!

Haim, 58 anni, ha commosso la nazione consegnando un messaggio d’amore alle truppe, assolvendole da ogni responsabilità per la morte del suo amato figlio.

“Sono la madre di Yotam”, ha detto nel messaggio registrato. “Volevo dirti che ti amo moltissimo e che, da dove sono, lontano da te, ti prendo tra le mie braccia. So benissimo che tutto quello che è successo non è assolutamente colpa tua; So benissimo che quello che è successo non è colpa di nessuno se non di Hamas: che il suo nome e la sua memoria possono essere cancellati e sradicati da questa Terra. »

“Voglio che tu ti prenda cura di te stesso e voglio che tu sia consapevole, in ogni momento, che stai facendo il meglio… Nessuno ti giudicherà o ti biasimerà. Né io né mio marito Raviv. Né mia figlia Noa. Né Yotam, che la sua memoria sia benedetta. E non Tuval, il fratello di Yotam. Vi amiamo tutti così tanto. E questo è tutto”, ha detto la madre in lutto.

Yotam Haim, a sinistra, e sua madre, Iris Haim. Yotam è stato preso in ostaggio dai terroristi di Hamas il 7 ottobre; il portavoce dell’esercito israeliano ha detto che è stato ucciso per errore dai soldati a Shejaiya mentre cercava di fuggire il 15 dicembre 2023. (Per gentile concessione)

La resilienza e la misericordia che Haim ha mostrato nel suo dolore personale l’hanno resa un’icona nazionale. È apparsa regolarmente sui media israeliani, ha acceso una torcia alla cerimonia ufficiale dello Yom Haatzmaut, il Giorno dell’Indipendenza dello Stato ebraico, tenutasi sul Monte Herzl a Gerusalemme – e recentemente è partita per il Nord America con l’obiettivo di rivolgersi alle comunità ebraiche che vivono lì.

Haim ha dato il via al tour di conferenze ad un evento di raccolta fondi a Toronto tre settimane fa. Poi è andata a San Francisco, dove ha tenuto cinque conferenze, e ha appena terminato il suo viaggio con un’ultima conferenza a San Diego.

Parlando in ebraico, attraverso Zoom, da un appartamento in affitto nella zona della Baia di San Francisco, con suo figlio Tuval in sottofondo (“Non voglio restare sola”, spiega, mantenendo perennemente il tono sicuro che è diventato il suo marchio di fabbrica), Haim, che è un’infermiera in un’unità di cure palliative, ha parlato con Tempi di Israele il tema che è al centro del suo intervento, la riconciliazione. Si affronta anche, tra le altre cose, una possibile apparizione nella sfera politica.

Questa intervista è stata modificata per brevità e chiarezza.

Iris Haim parla alla Chabad House di San Mateo, California, durante un viaggio in Nord America, il 27 maggio 2024. (Jeff Bartee)

Tempi di Israele: Invece di diventare l’incarnazione della rabbia e dello sconforto, sei diventato il simbolo del perdono. Come è successo?

Iris Haim : È difficile da spiegare ma dopo quello che è successo, la forza dell’amore che provo per Israele mi è diventata molto chiara. Prima del 7 ottobre ero ancorato nel mio accampamento; Conoscevo solo persone come me, persone che pensavano come me, che parlavano come me, che mi assomigliavano. Non conoscevo la maggior parte degli israeliani… Poi mio figlio è stato rapito e portato a Gaza, e tutto Israele si è mobilitato per aiutarci.

Qualcosa si è aperto dentro di me. All’improvviso sono riuscito a vedere l’umanità in tutti, sono riuscito a vedere le buone intenzioni di tutti… Non sopporto più generalizzazioni come “gli ebrei ortodossi si prendono i miei soldi”. i loro seminari religiosi sono inutili”. Prima parlavo così, ma non è più così. Oggi riesco a percepire il contributo di tutti.

Quindi ora ho una percezione molto diversa delle cose. Ok, ci sono altre voci che sentiamo nei media, ma non raccontano necessariamente la storia di ciò che è realmente Israele. Sappiamo cosa abbiamo passato il 7 ottobre, lo ricordiamo e non lo dimenticheremo, ma ora cerchiamo di tracciare una nuova strada… Niente più “noi contro loro”, niente più destra contro sinistra, niente più secolarismo contro Haredim ; Porto una nuova voce di speranza, di unità e c’è una domanda molto forte per questo tipo di messaggio.

Voglio che il discorso cambi all’interno dello Stato di Israele. Naturalmente possiamo discutere, ma non dovremmo farlo come abbiamo fatto finora. La politica è molto militante; abbiamo molti ex generali seduti in Parlamento. Gli israeliani vogliono qualcos’altro, anche se oggi non riusciamo a vederlo, e un numero molto significativo di israeliani mi contatta chiedendomi che questo messaggio di unità venga promosso in Parlamento.

Una partecipante alla conferenza di Iris Haim alla Chabad House di San Mateo, in California, indossa una stella di David e il nastro giallo – che simboleggia la chiamata a liberare gli ostaggi detenuti da Hamas – attorno al polso, il 27 maggio 2024. (Credito: Jeff Bartee)

Dopo la morte accidentale dei tre ostaggi, tra cui Yotam, la tensione in Israele è esplosa, con dure accuse rivolte all’esercito. Sembra che la tua famosa registrazione sia riuscita a calmare le acque.

La moglie del comandante del battaglione a cui appartenevano i soldati coinvolti mi ha contattato in mattinata e mi ha spiegato quanto fosse grave la situazione per questi soldati. Allora ho registrato il mio messaggio su WhatsApp e ho chiesto che venisse inoltrato ai soldati.

La sera mi è stato detto che la gente criticava i soldati e che venivano sminuiti dai media. Mi sono detto: “Impossibile” e ho trasmesso ai media il famoso messaggio. Dopodiché tutti rimasero in silenzio. Dopo la settimana di lutto rituale, ho parlato con i giornali e le televisioni. Ero lì, negli studi, e gli ospiti degli spettacoli, i giornalisti militari, cercavano di ottenere da me una reazione furiosa. Ho detto loro: “Non sono arrabbiato e non mi persuaderete della necessità che io sia arrabbiato. »

Personalmente non guardo la televisione. Lo trovo molto demoralizzante. Vorrei più informazioni positive, più sostegno dato al governo. Vorrei che non ci concentrassimo solo su ciò che è sbagliato. Questo ci indebolisce come Stato e Hamas sfrutta questa debolezza.

Iris Haim con i partecipanti al suo discorso alla Chabad House di San Mateo, California, 27 maggio 2024. (Jeff Bartee)

Sei sempre stato così?

È un processo. Non sono diventato improvvisamente quello che sono oggi. Il mio carattere è rimasto lo stesso ma, il 7 ottobre, in me è scattato qualcosa, qualcosa che voglio chiamare “lo spirito di responsabilità”. Mi sono reso conto che non ero solo la madre di Yotam. Non sono solo Iris Haim. Sono un cittadino dello Stato di Israele.

Non era mia intenzione garantire che il messaggio che dovevo trasmettere si diffondesse. All’inizio parlavo solo di Yotam e il mio messaggio positivo e ottimista – quello in cui dicevo che avremmo potuto affrontare le cose insieme – ha davvero commosso le persone. Non ho parlato del 7 ottobre come di una catastrofe che ha segnato per noi la fine, con un massacro che ci ha privato di ogni capacità di vivere in questo Paese. Rifiuto una certa idea di vittimizzazione.

Puoi parlarci di questo tour di conferenze in corso?

Gli ebrei in America mi chiedono come possono aiutare Israele. Dico loro che siamo tutti uguali; il punto non è che Israele sia debole e che gli ebrei degli Stati Uniti siano particolarmente potenti. Il nostro rapporto è reciprocamente vantaggioso per noi. Noi israeliani siamo orgogliosi di queste comunità.

Mi dicono che incontrano sentimenti antisemiti che ricordano loro cose accadute 80 anni fa. Sono increduli.

Uno dei messaggi che do loro è quello di immigrare in Israele oggi, di “tornare a casa”. Queste persone sono negli Stati Uniti non perché non gli piaccia Israele – tutti amano Israele – ma perché gli Stati Uniti offrono una zona di comfort da cui è difficile uscire. Vivono lì ma, in fondo, sono in Israele.

Partecipanti alla conferenza di Iris Haim alla Chabad House di San Mateo, California, 27 maggio 2024. (Jeff Bartee)

Da dove prendi la tua forza?

Sono un’infermiera in un reparto di cure palliative. Mi occupo e sostengo i malati terminali e le loro famiglie. La vita mi ha portato a svolgere un’attività professionale che richiede molta sensibilità, ma che richiede anche distacco. Ho imparato, attraverso il mio lavoro, che ci sono molte cose che vanno oltre ciò che possiamo controllare. Non crollo ogni volta che muore uno dei miei pazienti; So benissimo che non scegliamo né il momento della nostra nascita né quello della nostra morte. E anche se non sono una persona religiosa, ho una grande fede. Credo in un mondo che offra un progetto a ciascuno di noi, credo in un mondo organizzato.

Iris, Raviv e Tuval Haim, durante il funerale di Yotam Haim, un ostaggio ucciso per errore dai soldati dell’esercito israeliano a Gaza, nel Kibbutz Gvulot, 18 dicembre 2023. (Schermata; utilizzata ai sensi dell’articolo 27a della legge sul copyright)

Hai detto che Yotam è morto da uomo libero. Puoi spiegarcelo?

Quando Yotam è nato soffriva di diverse malattie fisiche e in seguito gli è stata diagnosticata anche una malattia mentale, il che ha dato origine a un rapporto tra noi due molto stretto, persino iperprotettivo da parte mia. Pochi mesi prima del 7 ottobre, Yotam mi ha chiesto di lasciarlo rilassare un po’. Mi ha detto: “Sono forte. Non vedi abbastanza di cosa sono capace. »

Il giorno dell’attacco di Hamas nel sud di Israele, ho parlato al telefono con lui mentre si rifugiava nella stanza blindata, poco prima di essere portato a Gaza. È stato forte durante quei momenti orribili e poi durante i 60 giorni trascorsi in prigionia. Successivamente è stata ritrovata una sua foto mentre era nelle mani dei suoi rapitori; sembrava molto magro, ma i suoi occhi irradiavano forza interiore. Con le altre informazioni che siamo riusciti a raccogliere, siamo riusciti a ricostruire l’immagine di un individuo che si dimostrava psicologicamente forte, capace di adattarsi ad una situazione molto dura.

Dopo aver appreso della sua morte, noi, la sua famiglia, abbiamo attraversato una prova psicologica e spirituale. Yotam si è liberato facendo cose incredibili, non è morto in prigionia. La sua morte fu un momento di trionfo, di eroismo. Non è “caduto”, che è una parola difficile da usare per me – si è “rialzato”. Yotam ha lasciato questo mondo da uomo libero.

-

PREV il suo ex compagno mandato in tribunale per “assassinio” nonostante il suo appello
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole