L’esercito israeliano annuncia la morte di otto soldati nella Striscia di Gaza

L’esercito israeliano annuncia la morte di otto soldati nella Striscia di Gaza
L’esercito israeliano annuncia la morte di otto soldati nella Striscia di Gaza
-

L’esercito israeliano ha annunciato sabato la morte di otto soldati, uccisi nell’esplosione del loro veicolo vicino a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, uno dei tributi più pesanti per l’esercito in otto mesi di guerra contro Hamas palestinese.

Questi otto soldati “sono stati uccisi” alle 5:15 a nord-ovest di Tal al-Sultan, nella regione di Rafah, ha detto l’esercito in un comunicato pubblicato sabato sera.

Il blindato nel quale si trovavano i soldati “è stato colpito in seguito all’esplosione di una bomba”, specifica la stessa fonte. Sul veicolo erano presenti ordigni contenenti soprattutto “materiali esplosivi”, aggiunge.

“L’esplosione è stata notevole”, ha scritto l’esercito, precisando che potrebbe essere stata causata dalla detonazione di questi materiali esplosivi e che è in corso un’indagine.

“Tutto questo non dovrebbe accadere”, precisa anche l’esercito, e questa “grande esplosione ha reso difficile l’identificazione e la localizzazione dei corpi” dei soldati.

Secondo il contrammiraglio Daniel Hagari, portavoce dell’esercito israeliano, l’esplosione è avvenuta “visibilmente da un ordigno esplosivo installato nella zona o dal lancio di un missile anticarro”.

Tra i soldati morti c’era il capitano Wassem Mahmoud, 23 anni, secondo l’esercito.

“Le loro famiglie sono state avvisate.”

– “Perdita collettiva” –

“L’intera nazione israeliana abbraccia le sue care famiglie in questo momento difficile”, ha risposto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, secondo una dichiarazione del suo ufficio.

Netanyahu ha ribadito gli “obiettivi della guerra”, citando in particolare la distruzione delle capacità militari e di governo di Hamas e la restituzione degli ostaggi.

Il 7 maggio l’esercito israeliano ha lanciato un assalto alla città di Rafah, all’estremità meridionale della Striscia di Gaza, suscitando forti critiche da parte della comunità internazionale.

Dall’inizio dell’offensiva di terra israeliana nella Striscia di Gaza il 27 ottobre, 306 soldati sono stati uccisi – compresi gli otto soldati morti sabato, uno dei peggiori numeri per l’esercito israeliano in un solo giorno.

Il 22 gennaio, 21 riservisti sono stati uccisi durante un unico attacco compiuto da Hamas. Quel giorno, in totale, 24 soldati morirono in combattimento nella Striscia di Gaza, secondo l’esercito, il giorno più mortale per Israele dal 27 ottobre.

“Ogni soldato che muore è come se morisse qualcuno della nostra famiglia. Lo viviamo come una perdita collettiva”, ha reagito all’AFP Graciela Barchilon, 68 anni, venuta questo sabato sera a Tel Aviv per manifestare con migliaia di persone contro il governo di Benjamin. Netanyahu.

“Provo molta rabbia e delusione”, ha aggiunto, chiedendo che si tengano nuove elezioni.

La guerra è stata scatenata il 7 ottobre dall’attacco del movimento islamico palestinese effettuato dalla Striscia di Gaza, nel sud di Israele, che ha provocato la morte di 1.194 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP stabilito su dati ufficiali israeliani.

Delle 251 persone rapite quel giorno, 116 sono ancora tenute in ostaggio a Gaza, di cui 41 morte, secondo l’esercito.

Per rappresaglia, l’esercito israeliano ha lanciato un’offensiva su larga scala a Gaza che ha provocato la morte di 37.296 persone, per lo più civili, secondo i dati forniti sabato dal Ministero della Sanità del governo di Gaza guidato da Hamas.

-

PREV processo penale | Trump chiede che la condanna di New York venga annullata
NEXT Non lasciamo che questi due cani ritornino alle loro case!