Nuovo incidente al molo Tilsitt a Lione, ciclista in condizioni critiche

-

Sulle banchine Tilsitt e Maréchal Joffre è ora installata una barriera di sicurezza, che separa la corsia riservata agli autobus e alle modalità soft da quella degli automobilisti, che hanno perso una corsia di traffico. (Credito Fabien Bagnon – Twitter)

Uno studente di 20 anni è tra la vita e la morte dopo essere stato investito da un automobilista ubriaco martedì sera sul Quai Tilsitt (2° arrondissement) a Lione.

Nuovo incidente sulla banchina di Tilsitt. Martedì 11 giugno, in serata, una studentessa di 20 anni è stata falciata da un automobilista che guidava ad alta velocità e in stato di ebbrezza mentre andava in bicicletta sul molo Tilsitt a Lione, riferiscono i colleghi di Le Progrès . La vittima, originaria di Grenoble e residente a Lione, è stata ricoverata in ospedale “in condizioni critiche”.

Leggi anche: “Quanti morti vuoi?” : 2 anni dopo la morte di Iris e Warren a Lione, i genitori fanno appello alla Metropoli e alla Città

Un livello di alcol nel sangue superiore a 1,5 g/l

Secondo i testimoni presenti sul posto, l’automobilista alla guida di una Peugeot 208 è entrato nella corsia riservata alle biciclette e agli autobus e ha mancato la svolta in Quai Tilsitt, notoriamente particolarmente pericolosa. Il conducente ha poi perso il controllo del proprio mezzo prima di travolgere la giovane, sbalzata per 30 metri più in là dalla violenza dell’impatto. L’automobilista, dal canto suo, era solo “leggermente ferito”.

Il sospettato è stato arrestato una volta arrivata la polizia sul luogo dell’incidente. Al momento dello screening, il tasso di alcol nel sangue di questo residente di Sainte-Foy-lès-Lyon era superiore a 1,5 g/l. È stato messo in una cella per far riflettere prima di essere interrogato mentre era in custodia di polizia. Giovedì scorso è stato deferito alla Procura di Lione con l’intenzione di aprire un’indagine.

Leggi anche: Lione: Pierre Oliver chiede la rimozione del separatore sulla banchina di Tilsitt

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole