Il CNTSH celebra i donatori

Il CNTSH celebra i donatori
Il CNTSH celebra i donatori
-

Ogni anno, il 14 giugno, le nazioni di tutto il mondo commemorano la Giornata mondiale del donatore di sangue. Sotto il tema ” 20 anni di festeggiamenti per la donazione del sangue: grazie a tutti i donatori di sangue” , il giorno di quest’anno mira a sensibilizzare sull’importanza di prodotti sanguigni sicuri e incoraggiare i donatori volontari, le cui donazioni contribuiscono direttamente a salvare vite umane.

Nel 2023, il Marocco ha superato la soglia raccomandata dall’OMS, con l’1% della popolazione generale impegnata nella donazione di sangue, come indicato in un comunicato stampa del Centro nazionale di trasfusione di sangue e di ematologia (CNTSH), firmato dal suo direttore, la dottoressa Najia El Amraoui.

Rispetto al 2022, il numero totale di donazioni di sangue è aumentato dell’11%, con un notevole aumento del 14% osservato durante il mese di Ramadan 2024 rispetto all’anno precedente. Per raggiungere l’autosufficienza in prodotti sanguigni labili (LBP), il Marocco necessita di più di 1.000 donazioni giornaliere.

Il CNTSH rassicura sull’adeguata disponibilità e sulla qualità sicura dei PSL. Sottolinea inoltre che l’anno 2022 è stato contrassegnato dall’ottenimento della certificazione ISO 9001 versione 2015 da parte di tre CRTS: Tétouan, Fez e Rabat, con una seconda certificazione per Rabat.

Nel 2023, anche il CNTSH e il CRTS di Oujda, Marrakech e Casablanca sono stati certificati secondo questo stesso standard, rafforzando la posizione del Marocco come modello di trasfusione di sangue per diversi paesi africani che beneficiano di supporto tecnico nel quadro della cooperazione sud-sud. cooperazione.

Per il Centro Nazionale di Trasfusione del Sangue e di Ematologia, questa giornata è l’occasione per rendere omaggio ai donatori di sangue, per ringraziarli e incoraggiarli a donare regolarmente. È anche un’opportunità per sensibilizzare le persone sane sull’importanza della donazione regolare di sangue per migliorare la qualità della vita dei pazienti dipendenti da trasfusioni e per mobilitare il sostegno delle autorità pubbliche e dei partner per promuovere la donazione di sangue.

Per raggiungere questi obiettivi verranno organizzati nei CRTS regionali diversi eventi, campagne di sensibilizzazione e raccolte di sangue in collaborazione con diversi partner, come evidenziato nello stesso comunicato stampa.

Il CNTSH invita quindi tutti i partner, le strutture pubbliche e private a collaborare con il CRTS per sviluppare un programma nazionale di raccolta del sangue finalizzato all’autosufficienza nel PSL per ciascuna regione.

-

PREV “Quello che chiamate “dibattiti” è informazione sviluppata”, sostengono i leader di CNews
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole