La giuria del processo Trump esamina attentamente i pagamenti a Michael Cohen

La giuria del processo Trump esamina attentamente i pagamenti a Michael Cohen
La giuria del processo Trump esamina attentamente i pagamenti a Michael Cohen
-
Il pubblico ministero Matthew Colangelo interroga Jeffrey McConney durante il processo penale dell’ex presidente Donald Trump lunedì 6 maggio 2024.

Jane Rosenberg

Per quanto questo processo riguardi titoli salaci e drammi scandalistici, riguarda anche la contabilità.

McConney ha spiegato come il bonifico di 130.000 dollari di Cohen all’avvocato di Daniels nell’ottobre 2016 abbia portato a una serie di 12 pagamenti mensili a Cohen di 35.000 dollari, per un totale di 420.000 dollari.

McConney ha raccontato una conversazione con l’ex direttore finanziario della Trump Organization Allen Weisselberg nel gennaio 2017, nel periodo in cui Trump ha assunto la presidenza.

McConney ha detto che Weisselberg è entrato con un blocco note e ha detto che aveva bisogno di discutere dei pagamenti da effettuare a Cohen.

“In un certo senso mi ha lanciato il blocco e mi ha detto: ‘Prendi questo'”, ha detto McConney, aggiungendo che gli è stata data anche una copia di un estratto conto bancario di Cohen che mostra il suo bonifico di $ 130.000 all’avvocato di Daniels. Ai giurati sono stati mostrati gli appunti di McConney di quel giorno, che apparivano sotto la carta intestata “Trump”.

Le banconote mostravano una serie di calcoli scarabocchiati, con una paga base di 180.000 dollari – per la Daniels Wire, più 50.000 dollari pagati a una società di servizi tecnologici – raddoppiata a 360.000 dollari.

McConney ha affermato che il raddoppio era una pratica chiamata “grossing up”, in cui la società aumentava alcuni pagamenti ai dirigenti per compensare una potenziale aliquota fiscale del 50%.

Ai $ 360.000 si aggiungeva un bonus di $ 60.000, che McConney erroneamente indicò come $ 50.000 prima di correggere il totale. McConney ha detto che Cohen si era lamentato di non aver ricevuto un bonus sufficientemente ampio alla fine del 2016, e questo aveva lo scopo di rimediare a ciò.

Le note includevano calcoli, rispecchiati da quelli scritti da Weisselberg sulle dichiarazioni di Cohen: $ 420.000 divisi per 12 equivalgono a pagamenti mensili di $ 35.000.

Appunti scritti a mano di Jeffrey McConney che mostrano i calcoli dietro i pagamenti a Michael Cohen, come mostrato al processo dell’ex presidente Donald Trump a New York lunedì 6 maggio 2024.

Ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan

Alla fine, in fondo, McConney ha scritto una nota che secondo lui significava che i pagamenti avrebbero dovuto provenire dal conto bancario personale di Trump: “Bonifico mensile da DJT”.

Nonostante queste istruzioni, i primi assegni sono stati inviati da un fondo fiduciario istituito per detenere i beni di Trump mentre era in carica. I suoi amministratori erano Weisselberg e i due figli adulti di Trump.

Ma alla fine di marzo di quell’anno, presero la decisione di far sì che i pagamenti futuri provenissero direttamente dal conto personale di Trump. Ciò significava che l’unica persona che poteva firmare per loro era il presidente degli Stati Uniti, ha detto McConney.

“Ad un certo punto abbiamo dovuto iniziare a inviare gli assegni alla Casa Bianca affinché il presidente Trump li firmasse”, ha detto McConney. “È stato un processo completamente nuovo per noi.”

-

PREV Acquistare azioni a maggio perché l’inflazione è destinata a crollare per il resto del 2024, afferma Tom Lee di Fundstrat
NEXT Costa d’Avorio: Morte di Laurent M’bra, segretario dell’organizzazione giovanile del PDCI