L’oro guadagna grazie alla debolezza del dollaro e alle speranze di un taglio dei tassi

L’oro guadagna grazie alla debolezza del dollaro e alle speranze di un taglio dei tassi
L’oro guadagna grazie alla debolezza del dollaro e alle speranze di un taglio dei tassi
-

Di Rahul Paswan

(Reuters) – I prezzi dell’oro sono saliti di oltre l’1% lunedì, mentre il dollaro USA si è indebolito dopo che i dati sull’occupazione negli Stati Uniti, più deboli del previsto, hanno alimentato le aspettative di potenziali tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve entro la fine dell’anno.

L’oro spot è aumentato dello 0,8% a 2.320,95 dollari l’oncia alle 15:03 GMT. Anche i futures dell’oro statunitense con consegna a giugno hanno guadagnato lo 0,9% a 2.329,70 dollari l’oncia.

“Il lato negativo che abbiamo visto nelle ultime settimane potrebbe in realtà essere in esaurimento, aprendo la porta affinché i prezzi dell’oro riprendano la loro traiettoria al rialzo”, ha affermato Daniel Ghali, stratega delle materie prime presso TD Securities.

La settimana scorsa i lingotti hanno perso circa l’1,5%.

I dati di venerdì hanno mostrato che la crescita dell’occupazione negli Stati Uniti è rallentata più del previsto ad aprile, mentre l’aumento dei salari annuali è sceso al di sotto del 4,0% per la prima volta in quasi tre anni.

Mentre l’oro è tradizionalmente considerato una copertura contro l’inflazione, i tassi di interesse più bassi riducono il costo opportunità di detenere lingotti e pesano sul dollaro, sul quale viene prezzato l’oro.

Il dollaro americano è stato leggermente più basso lunedì, dopo essersi attestato vicino al livello più basso in circa un mese venerdì, in seguito al rapporto sull’occupazione. [USD/]

“Continuiamo ad aspettarci due tagli dei tassi quest’anno, a luglio e novembre”, ha scritto in una nota Goldman Sachs. Il rapporto sull’occupazione di aprile è stato debole ma non debole, ha detto.

Lunedì le probabilità di tagli dei tassi a settembre erano superiori al 69%, secondo lo strumento FedWatch del CME.

L’oro ha trovato sostegno anche nelle tensioni in corso in Medio Oriente, con l’operazione militare israeliana a Rafah che ha aggiunto uno strato di incertezza al mercato.

Anche altri metalli preziosi sono avanzati, con l’argento spot in rialzo del 2,4% a 27,19 dollari l’oncia, il platino in rialzo di circa lo 0,6% a 960,95 dollari e il palladio in aumento del 3,6% a 979,95 dollari.

(Segnalazione di Rahul Paswan a Bangalore; montaggio di Shilpi Majumdar)

-

PREV utilizzata un’arma “fatta in casa”, due feriti
NEXT Valute: il dollaro guadagna lo 0,15%, lo yen scivola ulteriormente – 07/05/2024 alle 18:33