quale scenario per l’Irlanda del settore lattiero-caseario?

quale scenario per l’Irlanda del settore lattiero-caseario?
quale scenario per l’Irlanda del settore lattiero-caseario?
-

Quasi ovunque in Europa, le ingiunzioni per ridurre gli allevamenti di bestiame fanno rabbrividire gli allevatori. “E se presto toccasse a noi?” », gli allevatori francesi non possono fare a meno di pensare. Ma dopo il clamore suscitato dagli annunci di massacri massicci in Irlanda, il settore sembra progressivamente strutturarsi attorno a organizzazioni tecniche per cercare di conciliare allevamento ed emissioni di metano.

IL Allevatori irlandesi hanno le orecchie che fischiano. Lo scorso giugno, una fuga di notizie del Ministero dell’Agricoltura raccomandava massicci massacri di bestiame – circa 200.000 vacche da latte in 3 anni – da limitare emissioni di gas serra del settore. Questo dissanguamento del bestiame irlandese porterebbe a una riduzione del bestiame nazionale di circa il 13%. L’obiettivo: offrire agli allevatori macellazione volontaria in cambio di un risarcimento. E per una buona ragione, l’agricoltura è la fonte di oltre un terzo delle emissioni di gas serra del Paese.

Ma di fronte alle proteste, è difficile per il governo mantenere la sua posizione. Il ministro responsabile dell’Agricoltura ha rapidamente descritto il rapporto come uno “scenario”, precisando che la decisione finale non è ancora stata presa. Per non parlare del costo della misura. Per facilitare le cose, il rapporto prevedeva un risarcimento di circa 600 milioni di euro!

Se la prospettiva di massacri massicci sembra indietro rispetto agli irlandesi, la questione del metano resta rilevante. In conformità con l’accordo di Parigi, l’Irlanda si impegna a raggiungere questo obiettivo neutralità del carbonio entro il 2050. Su un’isola che conta più mucche che abitanti, basti dire che il paese non potrà farcela senza coinvolgere gli allevatori.

Per affrontare queste sfide, l’agenzia irlandese responsabile della ricerca e dello sviluppo in agricoltura (Teagasc) sta raddoppiando la sua inventiva. E tra le sue tracce, il riduzione dell’età di macellazione dei bovini da carne occupa un buon posto.

Controllare l’età di macellazione?

“Attualmente l’età media alla macellazione del bestiame irlandese è 26 mesi. L’obiettivo è ridurre questo tempo a 22-23 mesi entro il 2030. Si stima che per ogni mese di riduzione dell’età media nazionale alla macellazione, la riduzione equivalga alle emissioni di circa 100.000 mucche”, stima il dott. Peter Lawrence su il sito dell’Istituto Tecnico.

La macellazione a 26 mesi può sorprendere gli allevatori francesi, abituati a macellare i bovini giovani a 16 o 18 mesi, ma ciò si spiega con il fatto che gli irlandesi danno di più nella produzione dei bovini di età superiore ai due anni.

Optare per la macellazione a 24 mesi, anziché a 27, lo rende possibile ridurre le emissioni di metano per animale dell’ordine di 19 kg. Perché il cibo è il principale precursore del metano. Insomma, più l’animale è grande, più mangia, e maggiore è la fermentazione ruminale. “Un progetto guidato da Teagasc ha stabilito che, per una razione di finissaggio indoor, i bovini da carne producono in media 230 g di metano al giorno, l’equivalente di 22 g di metano per ogni chilo di sostanza secca ingerita”, prosegue l’istituto in una nota di sintesi.

Per Peter Lawrence, questo vincolo può anche rappresentare un’opportunità per incrementi di produttività. È in corso il lavoro per stabilire gli indici di precocità. “La recente revisione degli indici di selezione dei bovini include ora “l’età di fine pasto” come nuovo criterio di valutazione.” Un modo per selezionare gli animali con le migliori prestazioni in un dato periodo per ridurre l’età di macellazione, limitando al tempo stesso le potenziali perdite di peso della carcassa.

Il Ministero dell’AgricolturaIrlanda del Nord ha intrapreso anche questa strada. Dal 1° gennaio 2024, gli allevatori che macellano i loro bovini da carne prima di a limite di età beneficiare di a primo. Il programma dura quattro anni, con un’età target di 30 mesi per il primo anno. “Da aprile 2024, il tasso di pagamento sarà di 75 sterline per animale ammissibile”, afferma il Dipartimento dell’Agricoltura e degli affari rurali. Al termine dei quattro anni, il premio sarà concesso soltanto ai bovini macellati prima dei 26 mesi.

Ma questa ingiunzione viene accolta con freddezza dagli agricoltori. Alcuni lo criticano per aver favorito l’uso di concentrati per la finissaggio degli animali, a scapito dell’erba. Altri lo vedono come un modo subdolo per incoraggiare gli allevatori a ridurre le scorte.

Focus sugli additivi

Più difficile da supervisionare, ilAlimentazione figura tuttavia tra le leve proposte da Teagasc. Se l’Irlanda è il paese dei pascoli, controllarlo permette di limitare le emissioni di metano. Più l’erba è alta, meno è digeribile e più aumentano le emissioni di metano enterico. Gestione del pascolo, abbinata all’introduzione di piante più digeribili, come Trifogliopuò essere un modo.

Perché anche se il trifoglio è l’emblema dell’Irlanda, non è molto presente nei prati. Oltre a soddisfare parte del fabbisogno di azoto dei prati, “trifoglio, piantaggine e cicoria contengono composti vegetali che potenzialmente hanno impatti negativi sull’attività dei microbi ruminali coinvolti nella produzione di metano”, precisa l’istituto tecnico.

Alghe, grassi e altri additivi sono inoltre oggetto di studi approfonditi per trarre beneficio dagli inibitori della produzione di metano enterico.

Verso la selezione di vacche pulite

Anche Teagasc si è impegnata a farloidentificare gli individui che emettono più o meno metano, confrontando il consumo alimentare con le emissioni animali. E i dati sembrano offrire un certo margine di manovra agli allevatori. Gli animali più efficienti producono il 30% in meno di metano rispetto agli animali più emettitori, a parità di prestazioni! “Esiste un potenziale significativo per sfruttare la variazione genetico emissioni di metano all’interno della mandria nazionale, al fine di realizzare riduzioni permanenti e cumulative della produzione di metano da parte delle future generazioni di bestiame”, continua l’istituto. Sono in corso anche lavori per comprendere la biologia della produzione di metano.

Se non siamo ancora nella fase di selezione dei bovini in base alle loro emissioni, la genetica consente già guadagni in termini di prestazioni zootecniche, che sono un percorso verso la riduzione delle emissioni di metano.

-

PREV “Ho paura, non riesco più a dormire. Perché la Francia vuole che me ne vada?”, un immigrato, badante in una casa di cura, minacciato di espulsione
NEXT “Mainvilliers hier”, una mostra sulle orme dei suoi abitanti negli anni ’50