Kenya e Tanzania: già colpiti dalle inondazioni, un ciclone rischia di aggravare il caos

-

Piogge torrenziali e venti violenti hanno colpito sabato le regioni costiere del Kenya e della Tanzania, primi effetti di un ciclone che rischia di aggravare il caos in questi due Paesi dell’Africa orientale già colpiti da inondazioni mortali.

Da marzo circa 400 persone sono state uccise in Africa orientale e decine di migliaia sono state sfollate a causa delle piogge torrenziali che hanno provocato inondazioni e smottamenti, spazzato via case e distrutto strade e ponti.

Il dipartimento meteorologico del Kenya ha dichiarato sabato in un bollettino che gli effetti del ciclone tropicale Hidaya si stanno già facendo sentire al largo, con venti che superano i 75 km/he onde di oltre 2 metri.

Da domenica sono previste forti piogge lungo la costa dell’Oceano Indiano, che dovrebbero intensificarsi nei prossimi due giorni.

“Le osservazioni attuali suggeriscono che il ciclone tropicale Hidaya si è abbattuto sulla costa della Tanzania. Ma dietro a ciò si sta sviluppando un’altra depressione”, ha aggiunto. Le autorità della Tanzania non hanno confermato immediatamente.

Nel suo ultimo bollettino di sabato, l’Autorità meteorologica della Tanzania ha segnalato forti venti e forti piogge lungo le coste durante la notte.

Nella regione di Mtwara sono caduti 75,5 mm di pioggia in 12 ore, mentre la media delle precipitazioni nel mese di maggio è di 54 mm.

L’agenzia tanzaniana ha chiesto ai residenti che vivono in aree a rischio e alle persone che lavorano nel settore marittimo di prendere “le massime precauzioni”.

Si prevede che il ciclone raggiungerà il picco con raffiche di 165 km/h una volta atterrato, ha detto venerdì il centro climatico regionale ICPAC.

La stagione dei cicloni nell’Oceano Indiano sud-occidentale va normalmente da novembre ad aprile e vede circa una dozzina di tempeste ogni anno.

“Nessun angolo risparmiato”

Il presidente keniano William Ruto venerdì ha giudicato le previsioni meteo “terribili” per il Paese, che dovrà affrontare il primo ciclone della sua storia, e ha rinviato a data da destinarsi la riapertura delle scuole prevista per lunedì.

Secondo William Ruto, il ciclone “causerà piogge torrenziali, forti venti e onde potenti e pericolose”.


AFP

In Kenya, da marzo, almeno 210 persone sono morte e quasi altre 100 risultano disperse, mentre 165.000 persone sono state sfollate, secondo i dati del governo.

“Nessun angolo del nostro Paese è stato risparmiato da questa devastazione”, ha riassunto il presidente. “Purtroppo non abbiamo visto la fine di questo periodo pericoloso”, ha aggiunto.

Giovedì il ministero dell’Interno ha ordinato a chiunque viva vicino a grandi fiumi o vicino a 178 “dighe o bacini artificiali pieni o quasi pieni d’acqua” di evacuare l’area entro 24 ore.

Membri dell’opposizione e della società civile hanno accusato il governo di impreparazione nella gestione della crisi nonostante l’allerta meteo.

Almeno 155 persone sono morte in Tanzania a causa di inondazioni e frane.

L’Africa orientale è molto vulnerabile ai cambiamenti climatici e le precipitazioni nella regione quest’anno sono state amplificate da El Niño, un fenomeno climatico naturale generalmente associato al riscaldamento globale, che provoca siccità in alcune parti del mondo e forti piogge abbondanti altrove.


Kenya e Tanzania: già colpiti dalle inondazioni, un ciclone rischia di aggravare il caos

AFP

In Burundi, dall’inizio della stagione delle piogge a settembre, almeno 29 persone sono morte e 175 sono rimaste ferite, ha affermato l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (OCHA).

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) si è detto “particolarmente preoccupato” per la sorte di migliaia di rifugiati sfollati in Burundi, Kenya, Somalia e Tanzania.

“(Loro) sono costretti a fuggire ancora una volta per salvarsi la vita dopo che le loro case sono state spazzate via dall’acqua”, ha detto venerdì la portavoce dell’UNHCR Olga Sarrado Mur.

Alla fine del 2023, le piogge torrenziali in Kenya, Somalia ed Etiopia avevano già causato la morte di oltre 300 persone, in una regione che stava lottando per riprendersi dalla peggiore siccità registrata negli ultimi 40 anni.

-

PREV cosa contiene il nuovo piano Ecophyto del governo
NEXT Tennis. ATP – Kyrian Jacquet spinge per riprendere: “Le sensazioni stanno tornando…”