Ristorante a New York: la cameriera è alla fine del mondo – giornale delle 20:00

Ristorante a New York: la cameriera è alla fine del mondo – giornale delle 20:00
Ristorante a New York: la cameriera è alla fine del mondo – giornale delle 20:00
-

In apparenza è un ristorante come migliaia di altri a New York. Ma una volta al bancone, è Patricia a prendere gli ordini nonostante sia a 14.000 km di distanza. Dal suo salotto nelle Filippine, Patricia manda gli ordini in cucina, riceve pagamenti con carta di credito e ci consiglia anche sulle specialità del ristorante Yaso Kitchen. Coordinare le consegne, rispondere al telefono o monitorare le recensioni online, prima che fosse Tom, il manager, a gestire tutte le sue attività. Ora, con questo servizio di cassa remota, può dedicare molto più tempo alla supervisione della cucina e alla formazione del personale. Patricia viene pagata 3 dollari l’ora rispetto al minimo di 16 dollari l’ora per un lavoratore di un ristorante a New York. La pratica è autorizzata dalla legge, ma divide tra i clienti. In un altro stabilimento che utilizza questa tecnologia, TF1 ha trovato Chi Zhang, fondatore e CEO di Happy Cashier. È l’imprenditore che mette in contatto i cassieri virtuali con i ristoratori. Secondo lui, con l’inflazione e l’impennata degli affitti, molte imprese non hanno più i mezzi per assumere. Questo servizio può consentire loro di acquisire efficienza a costi inferiori. Oggi, una decina di stabilimenti impiegano già questi cassieri a distanza. Entro la fine dell’anno il servizio potrebbe essere esteso a più di cento ristoranti. TF1 | Rapporto A. Bourdarias, M. Derrien, J. Asher

-

PREV Cattive notizie, The Precinct, simile a GTA, è rinviato | Xbox
NEXT il Pixel 9 Pro emerge dall’ombra