il vicepresidente del CNOSS accoglie con favore l’iniziativa del Ministero dello Sport

il vicepresidente del CNOSS accoglie con favore l’iniziativa del Ministero dello Sport
il vicepresidente del CNOSS accoglie con favore l’iniziativa del Ministero dello Sport
-

Questo giovedì 20 giugno 2024, il Ministro della Gioventù, dello Sport e della Cultura, Khady Diène Gaye, ha presieduto il seminario per condividere il progetto di legge relativo alle attività fisiche e sportive. L’obiettivo principale di questo evento è quello di contribuire all’aggiornamento del quadro giuridico per questo settore.

Giovedì 20 giugno 2024 si è svolta un’importante revisione giuridica del settore sportivo in Senegal, durante il seminario di condivisione del progetto preliminare di legge relativo alle attività fisiche e sportive. Sotto la presidenza del ministro della Gioventù, dello Sport e della Cultura, Khady Diène Gaye, è stato ripreso sul tavolo un progetto statale in collaborazione con il movimento sportivo, che risale al 2013.

Sono trascorsi infatti dodici anni da quando lo Stato ha avviato il processo di riforma del quadro legislativo e regolamentare attraverso la creazione della commissione nazionale incaricata dell’aggiornamento e dello sviluppo dei testi sportivi in ​​Senegal. Tuttavia, le conclusioni rilevanti derivanti dal lavoro di questa organizzazione non si sono in alcun modo concretizzate con l’adozione di un nuovo testo legislativo. Naturalmente, in considerazione dei profondi cambiamenti nel settore sportivo legati alle questioni politiche, economiche e sociali dei tempi moderni, lo sviluppo di un quadro giuridico adeguato diventa un requisito. Un passo indietro, per saltare meglio.

Volendo porre rimedio tempestivamente a questo inspiegabile abbandono, la signora Gaye ha investito nella creazione di un comitato ad hoc composto da dirigenti del dipartimento, funzionari del Comitato Nazionale Olimpico e Sportivo del Senegal (CNOSS), federazioni e gruppi sportivi, nonché come persone risorsa provenienti da contesti diversi. Per il vicepresidente del CNOSS, Ibrahima Wade, “non possiamo che rallegrarci di questa iniziativa”.

“Se a questo aggiungiamo il quadro che attualmente governa lo sport senegalese che risale al 1984, quasi quarant’anni, dimostra che c’è una vera urgenza”, spiega.

E quindi, più nello specifico, il workshop si propone di raccogliere raccomandazioni sull’attuazione e sul monitoraggio della riforma, di raccogliere osservazioni e pareri da parte dei partecipanti e di condividere le proposte del comitato preparatorio relative ai principi, alle innovazioni rilevanti e alle disposizioni del disegno di legge.

-

PREV De Zerbi nel mirino del giovane trequartista della nazionale argentina?
NEXT “Cristiano Ronaldo è un esempio, siamo tutti molto orgogliosi di lui”