Calcio: Raymond Domenech non rieletto presidente dell’UNECATEF, sindacato allenatori

Calcio: Raymond Domenech non rieletto presidente dell’UNECATEF, sindacato allenatori
Calcio: Raymond Domenech non rieletto presidente dell’UNECATEF, sindacato allenatori
-

Dopo due mandati consecutivi, Raymond Domenech lascia la presidenza dell’UNICATEF, il sindacato degli allenatori di calcio francesi che ha assunto nel 2016. Le nuove elezioni, organizzate lunedì presso la Federcalcio francese durante un’assemblea generale, hanno dato il loro verdetto e ha assegnato la vittoria alla lista degli avversari dell’ex allenatore della squadra francese.

La lista dell’opposizione ha deciso di mettere a capo del sindacato Bernard Reuzeau, ex direttore dei centri di formazione del PSG e dell’ASM. Una decisione guidata dal trio Philippe Montanier, Claude Le Roy e Jacky Bonnevay. Il nuovo leader dell’UNECATEF dovrà ora designare i 20 membri del nuovo comitato direttivo dell’organismo.

Clima molto teso negli ultimi mesi

Una caduta in disgrazia dell’ex allenatore dell’FC Nantes che potrebbe spiegarsi con un clima di tensione all’interno del sindacato stesso, i cui membri accusavano Domenech “di aver bloccato il sindacato e di prendere decisioni senza sufficiente consultazione”, secondo le informazioni di L’ Equipe. Attacchi ai quali il finalista del Mondiale 2006 ha risposto seccamente: “Rispetto a queste critiche sono sbalordito. Coloro che mi hanno criticato facevano parte del comitato direttivo e non erano molto coinvolti”.

Creata nel 1972, l’Unione nazionale degli allenatori e dei dirigenti tecnici francesi di calcio (UNECATEF) mira a creare solidarietà tra gli allenatori e a difenderli dai licenziamenti ottenendo un risarcimento economico.

-

PREV “Il sole splenderà ancora”, scherza Luis Enrique sulle conseguenze di una possibile eliminazione
NEXT ATP – Madrid > Rublev ad Auger-Aliassime dopo averlo battuto in finale: “L’ho detto tante volte e non mi stancherò mai di ripeterlo, siete una vera fonte di ispirazione per me come giocatore, per gli spettatori e per i bambini”