Perché ricordiamo alcune cose e non altre?

Perché ricordiamo alcune cose e non altre?
Perché ricordiamo alcune cose e non altre?
-

Ricordi esattamente la prima volta che hai visitato uno zoo, ma non ricordi quando gli Stati Uniti sono diventati indipendenti? Questo è normale: il cervello ha dei limiti di memorizzazione e quindi seleziona attentamente quali informazioni conservare e quali evacuare… Una selezione i cui dettagli fino ad ora erano poco conosciuti, ma un articolo pubblicato su Review Comunicazioni sulla natura potrebbe illuminare. In programma: il ruolo insospettato dei neuroni dopaminergici nel funzionamento della nostra memoria e nel nostro apprendimento.

La dopamina è un neurotrasmettitore che svolge un ruolo cruciale nel controllo della movimentimovimenti, nella ricompensa e nella motivazione, nonché nella regolazione dell’umore. Viene rilasciato in risposta ad esperienze piacevoli e interviene anche nella regolazione di alcune funzioni fisiologiche come, ad esempio, la pressione sanguigna. Neuroscienziati dell’Università di Tolosa III – Paul Sabatier e del CNRS hanno studiato come “ molecolamolecola piacere” aiuta a rafforzare le connessioni tra i neuroni nelcavalluccio marinocavalluccio marinoparte del cervello essenziale per la memoria.

La dopamina può rafforzare e avviare processi di memorizzazione!

Per fare ciò, hanno attivato i neuroni della dopamina in una regione del cervello chiamata area tegmentale ventrale (VTA) nei topi. Così facendo, hanno osservato che questa attivazione aiuta a rafforzare le sinapsi, le connessioni tra i neuroni nell’ippocampo, in un processo importante per la memoria chiamato “potenziamento a lungo termine” (LTP) grazie al quale la comunicazione tra due neuroni diventa più efficace dopo un periodo di stimolazionestimolazione ripetuto. Ha anche aiutato i topi ad apprendere e ricordare meglio i nuovi ambienti.

Al contrario, l’inibizione di questi neuroni ha rallentato questo apprendimento, il che rafforza l’idea che la dopamina sia essenziale non solo per il mantenimento della memoria ma anche per l’acquisizione di nuove informazioni e nuovi ricordi!

Tradizionalmente, si pensava che la dopamina aiutasse principalmente a mantenere l’LTP dopo che era stato avviato da altri meccanismi. Questo studio dimostra che la dopamina non solo lo mantiene, ma può anche avviarlo. Si tratta di un cambiamento significativo nella nostra comprensione della dopamina, dimostrando che svolge un ruolo più attivo nelle prime fasi del processo di rafforzamento delle connessioni neuronali.

Il circuito della ricompensa. ©Il Blob

Ma per quanto riguarda il processo di selezione? Come fa il cervello a determinare se vale la pena ricordare un evento? Quando la dopamina viene rilasciata in risposta a un’esperienza piacevole, rafforza le connessioni sinaptiche coinvolte, rendendo l’esperienza più facile da ricordare. Aiuta anche a monitorare e valutare la pertinenza delle informazioni in arrivo. Informazioni ritenute rilevanti (a causa della loro importanza emotiva, novità o valore di ricompensa)) ricevere la priorità di elaborazione.

Oltre a approfondire i meccanismi alla base della nostra memorizzazione, questo articolo potrebbe aprire la strada a nuovi approcci terapeutici per i disturbi della memoria e dell’apprendimento e patologiepatologie come il morbo di Alzheimer.

-

PREV ecco 3 idee preconcette sul sole
NEXT Sud Africa: preoccupazioni per la sottostima dei casi di vaiolo delle scimmie