Barlumi di speranza per il solare del Quebec

-

Installare pannelli solari per vendere l’elettricità in eccesso alla rete? Per gli edifici commerciali, industriali o istituzionali, la formula può sembrare interessante. Resta marginale in Quebec, soprattutto a causa dei criteri di autoproduzione dell’Hydro-Québec. L’azienda statale sta lavorando a una versione migliorata.


Inserito alle 1:09

Aggiornato alle 6:00

“Pochi minuti prima di parlare, stavamo producendo più elettricità di quanta ne consumassimo”, ci ha detto in un’intervista il 9 aprile Hugo Lafrance, partner di Sustainable Strategies dello studio di architettura Lemay.

Nonostante il cielo nuvoloso, i 370 pannelli installati nella sede dell’azienda, nel quartiere Sud-Ouest, hanno poi generato piccole eccedenze di produzione, che sono state automaticamente inviate alla rete Hydro-Québec.

“Così Lemay ha fornito elettricità gratuita agli abitanti del Quebec”, ha riassunto il signor Lafrance.

Hydro-Québec offre un’opzione di scambio netto per i proprietari di pannelli solari. Quando immettono l’elettricità in eccesso nella rete, ricevono crediti applicabili alle bollette successive.

Tuttavia, la potenza del loro impianto solare non dovrà superare i 50 kW, quasi tre volte inferiore a un sistema come quello di Lemay (135 kW) che non soddisfa i criteri attuali.

“È un grosso ostacolo”, sottolinea Lafrance.

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO MARCO CAMPANOZZI, LA STAMPA

Hugo Lafrance, partner Sustainable Strategies di Lemay, davanti ai pannelli solari sul tetto degli uffici dello studio di architettura

Alle aziende, quando dici loro che devono fornire l’elettricità, capiamo che ti guardano con uno sguardo un po’ di traverso, e non capiscono perché dovrebbero farlo!

Hugo Lafrance, partner Sustainable Strategies dello studio di architettura Lemay

Il programma di scambio sul posto di Hydro-Québec, rivolto ai clienti residenziali e agricoli, nonché alle piccole imprese elettriche, conta meno di 800 abbonati: una goccia nel mare tra i circa 4,5 milioni di clienti della provincia.

“Poiché le nostre esigenze aumenteranno, consideriamo l’idea di aiutare i nostri clienti a fare maggiore spazio all’autoproduzione o all’autoconsumo solare”, ci ha detto via e-mail un portavoce di Hydro, Cendrix Bouchard.

La società statale sta “attualmente lavorando all’aggiornamento della sua opzione di scambio sul posto”, ha scritto Bouchard, senza ulteriori dettagli. “Abbiamo intenzione di presentare la nostra proposta di aggiornamento alla Régie de l’énergie quest’estate. »

Nel frattempo Lemay si è dotata di sistemi di accumulo elettrico e termico per limitare le sue “esportazioni” di energia elettrica in rete che, non essendo accreditate, rappresentano “una perdita netta”. Il suo intero sistema fornisce “circa un quarto del [la] consumo annuo” dell’azienda.

Per lo studio di architettura “è quasi diventato un progetto di ricerca per portare avanti le cose”. Per le aziende e le istituzioni interessate all’autoproduzione solare, invece, restano molti ostacoli.

Ovviamente ci sono tariffe elettriche, più basse che altrove in Canada, che limitano il potenziale di risparmio. Ma non è tutto.

Leggi il nostro report “L’ascesa del solare nella terra del petrolio”

Quando Lemay ha chiesto un permesso al suo distretto, le è stato detto: “Ci sono troppi pannelli solari, la gente non dovrebbe vederli”. Ti sto parlando di cinque o sei anni fa”, afferma il signor Lafrance. Vuole “una riforma normativa che dica alle città [qu’elles ont la] responsabilità di non danneggiare lo sviluppo delle energie rinnovabili.

Anche l’idea che una misura di efficienza energetica possa ammortizzarsi in pochi anni non incoraggia gli investimenti nel solare, osserva.

“Lemay ha 65 anni e vogliamo essere lì ancora tra 65 anni, quindi 12 anni per un ritorno sull’investimento non sono inverosimili. »

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO MARCO CAMPANOZZI, LA STAMPA

L’impianto solare Lemay fornisce inoltre elettricità all’azienda in caso di interruzione.

Il responsabile delle strategie sostenibili ritiene inoltre “difficile attribuire un valore strettamente finanziario” a un investimento come l’accumulo elettrico.

In caso di guasti non dobbiamo mandare a casa 300 dipendenti, possiamo far funzionare l’edificio per alcune ore con una batteria a zero emissioni.

Hugo Lafrance, partner Sustainable Strategies dello studio di architettura Lemay

I tetti degli edifici industriali e degli edifici pubblici come arene e centri comunitari potrebbero ospitare numerosi pannelli solari, sottolinea Lafrance.

“La gente si lamenta delle interruzioni dell’idro-Québec, noi vogliamo decarbonizzare più velocemente, non vogliamo costruire dighe. Ma la magia non esiste: dobbiamo dare la possibilità alle persone di utilizzare le soluzioni tecniche che esistono. »

Appello solare

Hydro-Québec lancerà presto bandi di gara per un totale di 300 megawatt di energia solare, cominciando con “piccoli parchi solari di pochi megawatt”, ha annunciato il Quebec alla fine di marzo.

“Criteri […] sono attualmente in fase di sviluppo e saranno resi pubblici al momento del lancio [des appels d’offres]entro la fine dell’anno”, ha affermato Hydro.

L’MRC della Pontiac, a Outaouais, si sta già preparando. Consapevole dell’elevato potenziale solare del vicino territorio dell’Ontario, l’MRC ha pubblicato un invito a manifestare interesse per trovare sviluppatori con cui collaborare.

“Si tratta soprattutto di un sostegno all’adattamento e all’insediamento”, ha sintetizzato in un’intervista telefonica Rachel Soar Flandé, agente di sviluppo economico. “Il ruolo del MRC in tutto questo è quello di lavorare con il promotore, soprattutto sull’accettabilità sociale del progetto, ed eventualmente aiutarlo nella ricerca dei siti. »

Tasse sulla proprietà, coinvolgimento degli sviluppatori nella comunità, creazione di posti di lavoro e acquisto di materiali durante la costruzione: la realizzazione di parchi solari sarebbe interessante sotto diversi aspetti, ritiene l’MRC.

Il prossimo passo è previsto per metà maggio, quando il comitato per le energie rinnovabili dell’MRC incontrerà due dei promotori che hanno espresso interesse.

Anche i comuni del territorio stanno “considerando” l’installazione di pannelli solari sulle proprie infrastrutture per “ridurre i costi [d’électricité] e goditi questo sole.”

793

Numero di clienti possessori di pannelli solari registrati nello scambio sul posto di Hydro-Québec nel 2023. Hanno immesso nella rete Hydro un totale di 1.812.406 kWh.

Fonte: Hydro-Québec

-

PREV Status quo: Israele e Hamas sono inflessibili, i negoziati per una tregua a Gaza non vanno avanti
NEXT Xi Jinping è arrivato all’Eliseo durante una visita di stato di due giorni in Francia