Per i social network: “Salto dal ponte”, questa pericolosa moda estiva

-

Contenuti riservati agli abbonati

Messa in scena sui social network, i vertiginosi salti dei ponti causano numerosi feriti, come recentemente al Pont de la Jonction a Ginevra.

I salti dai ponti effettuati senza conoscere la profondità dell’acqua al momento dell’impatto sono molto pericolosi, anche se l’altezza non è vertiginosa. © Keystone

I salti dai ponti effettuati senza conoscere la profondità dell’acqua al momento dell’impatto sono molto pericolosi, anche se l’altezza non è vertiginosa. © Keystone

Pubblicato il 24/06/2024

Tempo di lettura stimato: 7 minuti

“Gravemente ferito”: è questa la situazione preoccupante del giovane di 20 anni che il 7 giugno a Ginevra si è precipitato da 28 metri dal viadotto Jonction, che domina il Rodano e l’Arve, nel punto in cui i due fiumi si uniscono. Il subacqueo è atterrato male.

Questo tipo di “impresa” ha un nome: salto dal ponte. È una di queste “sfide estreme”, sempre più apprezzate dai giovani in cerca di emozioni e visibilità sui propri canali TikTok, Instagram o altri YouTube. Divenuto un fenomeno di moda, basta il salto dal ponte per allertare le autorità.

“La polizia di Ginevra desidera sensibilizzare la popolazione a non mettere in atto questo tipo di pratiche pericolose, spesso esposte sui social network con spirito di emulazione”, ha recentemente dichiarato in un comunicato stampa. Non solo è vietato saltare o tuffarsi dai ponti, ma questa pratica comporta il rischio di lesioni gravi o addirittura mortali, così come il nuoto “selvaggio” al di fuori delle aree autorizzate e sicure (leggi riquadro).

Contattaci

Si noti che Ginevra non ha il monopolio su questa pratica rischiosa. Alto 16 metri, il ponte delle Corbières rappresenta da anni un altro luogo popolare. Nell’agosto del 2011 si susseguirono tre incidenti, con il trasferimento in ospedale per la frattura di una vertebra. Nel Canton Friburgo i mezzi per limitare questo tipo di attività sono molto limitati.

“Questa pratica non è vietata. Il Dipartimento Ponti e Strade, tuttavia, richiama l’attenzione sui pericoli ad essa connessi e sottolinea che è illusorio voler mettere in sicurezza tutti i ponti. È importante sapere che le persone che corrono il rischio di lanciarsi lo fanno sotto la propria responsabilità”, avverte Christa Bielmann, portavoce della polizia cantonale di Friburgo. E continua: “La polizia mette in guardia la popolazione dai pericoli di queste pratiche”.

“La divulgazione del salto dal ponte è chiaramente legata alla sua messa in scena filmata e alla sua diffusione sui social network”
Nicola Millot

I dati complessivi per il 2023 appaiono meno allarmanti che altrove: 20 interventi della polizia lacustre “per persone, navigatori, canoisti o kitesurfisti in difficoltà, e 7 per le 3 società di soccorso cantonali incaricate (Estayer-le-Lac – Delley-Portalban-Gletterens -Vully).

Non imitare

Tuttavia, l’avvicinarsi dell’estate e del caldo estremo richiede una maggiore prevenzione. Ma da dove viene questa moda del salto dal ponte? «È una pratica che conosciamo da 4 o 5 anni», osserva il primo tenente Nicolas Millot, responsabile delle comunicazioni del Servizio antincendio e di soccorso (SIS) di Ginevra. Si tratterebbe innanzitutto del lavoro di giovani atleti molto preparati, che svolgeranno preventivamente tutto il lavoro di preparazione fisica e di location scouting.

Tuttavia, anche con una formazione precedente, gli incidenti sono sempre da deplorare. In soli due anni il Sis ha contato una decina di casi e “diversi feriti”. “La divulgazione del salto dal ponte è chiaramente legato alla sua messa in scena filmata e alla sua distribuzione sui social network.

Tanto che alcuni luoghi sono diventati imperdibili, conosciuti anche dall’estero: «Il ponte Jonction, soprattutto, ma anche la galleria sotto il ponte Butin (alta più di 36 metri, ndr), dove hanno trovato accesso i giovani». La preoccupazione dei soccorritori che devono intervenire riguarda anche gli intrepidi giovani che non hanno né preparazione né conoscenza della zona. “Stiamo assistendo a un’imitazione di quanto circola sui social network, soprattutto negli ultimi due o tre anni. Possiamo dire che stiamo vivendo qui la nostra terza stagione estiva…”

Rischi multipli

Inoltre, un fiume come il Rodano presenta molteplici pericoli. Nicolas Millot: “Sotto il ponte Jonction, la portata varia molto, da 100 a 500 metri cubi al secondo, a causa della diga di Seujet (situata a monte, ndr). E quindi anche la profondità dell’acqua, con il rischio che al sub manchino uno o due metri per attutire la caduta e che tocchi il fondo. Nell’estate del 2023 era già dovuto intervenire il capo del SIS. Ha assistito più volte a scene del genere: filmate pazientemente dai soci del sub che non avevano né l’attrezzatura né le competenze per aiutarlo.

I video che mostrano vertiginosi salti sui ponti mostrano il lato divertente di questi “exploit” senza rivelare il lato oscuro. Per questo il SIS ha pubblicato altre immagini sul proprio account Instagram evidenziando i rischi connessi. Questa prevenzione è tanto più importante in quanto la pratica del salto dai ponti si è diffusa, ma in misura minore, “nelle città di Friburgo, Berna e Basilea”, sottolinea il manager.

L’account Instagram del SIS otterrà abbastanza visualizzazioni? Le sue immagini sono molto più informative dei primi sensazionali video di salti dal ponte apparsi circa quindici anni fa su YouTube, postati da subacquei negli Stati Uniti e diventati rapidamente motivo di preoccupazione per i soccorritori americani.

In Svizzera, uno dei più antichi video di YouTube, intitolato Salto dal ponte a Ginevra, è stato pubblicato già 11 anni fa. Si comincia con una sequenza sul ponte di Sous-Terre, con un primo piano del cartello “divieto di immersione”. È stato trasmesso da un giovane videografo svizzero francofono che da allora ha moltiplicato i like. Ora vende i suoi servizi come influencer e consulente in comunicazione.

Entrando in acqua a 85 km/h

Domenica 16 giugno una nuova tragedia si è verificata sul Rodano, sempre a Ginevra e nel perimetro del ponte Jonction: il fiume ha portato via una persona, vista in difficoltà, nel pomeriggio. Nonostante il rapido dispiegamento di un importante sistema di intervento – squadra di terra, sommozzatori, elicottero, nave della Brigata di Navigazione, pattuglia di terra, ecc., più di 25 soccorritori – le ricerche sono rimaste vane. I soccorritori del SIS effettuano ogni anno dai 30 ai 40 interventi in ambienti acquatici a Ginevra, di cui la metà nel Rodano.

L’anno scorso, nello stesso periodo di giugno, a Ginevra si sono verificati fino a cinque annegamenti in pochi giorni. Il cantone è diventato quello con il maggior numero di casi, dei 36 annegamenti registrati fino alla fine di agosto 2023 dalla Società svizzera di salvataggio (SSS).

Con l’intenso caldo estivo, l’anno 2022 ha presentato uno dei peggiori risultati in quasi 20 anni: 63 morti. “La statistica annuale sugli annegamenti della SSS mostra l’entità degli incidenti, i luoghi in cui si verificano e le persone colpite”, precisa la Società svizzera di salvataggio, con sede a Sursee (Lucerna).

Contrariamente a quanto si potrebbe immaginare, le prime vittime di annegamento non sono di gran lunga i bambini (meno del 10% dei casi), ma gli uomini, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 15 e i 30 anni. A seconda dell’anno si registrano più annegamenti nei fiumi svizzeri che nei laghi.

È difficile sapere quanta percentuale di incidenti e annegamenti sia direttamente collegata ai salti e ai tuffi dai ponti, anche se è certo che la pratica del salto dai ponti ne aumenta i pericoli. Saltare da una tale altezza significa raggiungere gli 85 km/h al momento dell’impatto sulla superficie dell’acqua. Anche in caso di “immersione perfetta” all’atterraggio, i rischi di traumi gravi sono numerosi: fratture o traumi spinali, paralisi, lesioni o emorragie agli organi interni, commozioni cerebrali, ecc.

Le vittime sono soprattutto uomini tra i 15 e i 30 anni.

Scarsa stima della profondità, presenza di ostacoli nascosti, forti differenze di temperatura tra l’aria ambiente e l’ambiente acquatico, tra le acque del Rodano e quelle dell’Arve (fino a oltre 15 gradi), rischi di idrocuzione sono tra i maggiori pericoli .

Senza dimenticare i rami e le radici degli alberi sommersi che ogni anno intrappolano numerosi bagnanti, impossibilitati a liberarsi a causa della corrente. Quest’ultimo è spesso fatale. Nell’agosto 2020, un giovane di 21 anni non è sopravvissuto al suo tuffo dalla diga di Seujet, che controlla il livello del Lago di Ginevra e presenta forti turbolenze.

-

PREV Attivisti di sinistra si riuniscono a Nancy per chiedere l’applicazione del programma del Nuovo Fronte Popolare
NEXT Deux-Sèvres: migliaia di oppositori dei megabacini si sono già riuniti prima di una manifestazione prevista per questo venerdì