Il Marocco, amante dei datteri algerini

Il Marocco, amante dei datteri algerini
Il Marocco, amante dei datteri algerini
-

Secondo la piattaforma “East-Fruit”, il 90% delle importazioni di datteri marocchini provengono da Algeria, Egitto, Tunisia ed Emirati Arabi Uniti. In termini di volumi esportati in Marocco, gli Emirati Arabi Uniti sono al primo posto, seguiti dall’Egitto, che ha esportato 33.000 ton di datteri verso il mercato marocchino tra ottobre 2023 e marzo 2024.

Nonostante le tensioni con l’Algeria, il Marocco ha continuato ad importare datteri dal paese vicino. A febbraio, poco prima del mese del Ramadan di quest’anno, sui social network sono stati lanciati appelli al boicottaggio dei datteri algerini a causa di voci riguardanti la contaminazione di questi prodotti con sostanze cancerogene.

Leggi: Datteri algerini tossici sul mercato marocchino?

L’Ufficio nazionale per la sicurezza alimentare (ONSSA) ha precisato allora che le informazioni relative alla qualità dei datteri algerini non sono verificate, rassicurando che tutta la frutta e la verdura importata dal Marocco sono soggette ad un attento controllo da parte dei suoi servizi.

Il Marocco è il secondo importatore di datteri al mondo dopo l’India. Tra ottobre 2023 e marzo 2024, il regno ha importato 103.000 tonnellate di datteri, più o meno equivalenti alle importazioni della stagione precedente e superiori alla media delle importazioni nelle tre stagioni precedenti la stagione 2022-2023.

-

PREV Siccità. I temporali non hanno cambiato nulla: i Pirenei orientali sono ancora in rosso
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France