SENEGAL-EDUCATION-FORMATION-TIC / Saint-Louis: l’ispettore dell’Accademia sottolinea l’importanza della tecnologia digitale nell’insegnamento e nella formazione – Agenzia di stampa senegalese

-

Saint-Louis, 24 giu. (APS) – L’ispettore dell’accademia di Saint-Louis, Mafall Der, ha sottolineato, sabato a Saint-Louis (nord), l’importanza delle innovazioni didattiche e pedagogiche digitali nell’istruzione e nella formazione, ritenendo che nessun paese al mondo il mondo può farne a meno se vuole garantire il proprio sviluppo.

“Nessun paese può svilupparsi se non si adegua alle innovazioni attuali, soprattutto didattiche e pedagogiche, che le tecnologie digitali offrono nell’insegnamento e nella formazione”, ha affermato.

Il signor Der ha parlato allo Spazio Digitale Aperto di Saint-Louis, dove si è svolta la seconda giornata di consegna dei computer agli studenti della serie S1 degli istituti pubblici e privati ​​dei dipartimenti di Dagana e Saint-Louis.

Durante la prima giornata di venerdì nel dipartimento di Podor (nord), sono stati forniti computer e chiavi USB a più di un centinaio di studenti.

Queste due giornate di consegna di attrezzature informatiche sono state organizzate nell’ambito del progetto FORCE-N (Formazione aperta per il rafforzamento delle competenze per l’occupazione e l’imprenditorialità digitale), ideato dalla fondazione Mastercard e dall’Università digitale Cheikh Hamidou Kane di Dakar.

Constatando i bassi numeri della serie scientifica, il formatore in ‘e-learning’ o insegnamento on-line, Ousmane Ndoye, dal canto suo, ha accolto con favore le diverse iniziative delle autorità educative e dei loro partner, per svilupparle a partire dalla scuola media.

Della durata di cinque anni, il progetto FORCE-N, il cui obiettivo è lo sviluppo dell’insegnamento tramite le tecnologie digitali, mira anche a rafforzare e promuovere l’insegnamento in ambiti scientifici attirando più studenti.

AMD/ABB/SBS/ASG

#Senegal

-

PREV Totò il cinghiale verrà finalmente soppresso
NEXT Il governo marocchino attacca l’uso privato dei veicoli statali