ha giocato i soldi che ha truffato al casinò

ha giocato i soldi che ha truffato al casinò
ha giocato i soldi che ha truffato al casinò
-

lLe somme sono da capogiro, quasi 1,5 milioni di euro in totale. Andato, andato in fumo. “Ho avuto una grande depressione, ho guadagnato peso. Ho iniziato a giocare. Questa è la causa della mia perdita”, sussurra il 49enne di Royan che si presenta giovedì 20 giugno davanti al tribunale penale di Saintes. Lui “non ricorda più” le somme estorte ai conoscenti. “Non ho contato, ma mi hanno pagato, è vero. »

Quando iniziamo a donare, speriamo sempre che donando di più otterremo il jackpot…

Per cinque delle vittime il processo è lo stesso. Ha accumulato profitti incredibili speculando su una misteriosa “donazione del Qatar”. Una grande scommessa iniziale e rilanci costanti per coprire varie spese, senza mai fornire la minima prova. La vittima principale, residente a Saint-Thomas-de-Conac, gli ha fatto firmare un riconoscimento di debito di 170.000 euro, ma ha poi consegnato più di 700.000 euro. Questo durò dieci anni, fino al 2020.

“Sotto influenza”

“Era un lontano cugino del mio compagno. Era un buon parlatore. Non avrei pensato che mi avrebbe colpito in quel modo. Ero sotto l’influenza. Quando abbiamo iniziato a donare, abbiamo sempre sperato che donando di più avremmo vinto il jackpot…” racconta. “Eravamo tutti presi in una spirale discendente. Personalmente, ha influito sulla mia salute. Si trattava di chiamate ripetitive, fino a molto tardi, anche nei fine settimana», descrive un abitante di Semoussac, che ha perso più di 200.000 euro.

L’imputato cerca di spiegare che è stata la prima vittima a tirare le fila. Il riconoscimento dei debiti corrisponderebbe ai lingotti che aveva rubato per sfuggire al fisco. “Mi mandava delle buste sigillate con la ceralacca perché potessi darle a persone che nemmeno conoscevo. Ma ok, io sono il cattivo…”

Riciclaggio di denaro

Il presidente Jérôme Hars parla della sua ex moglie, che “lo ha cacciato di casa nel 2008”. “Lui ha preso dei prestiti, lei deve ancora pagare i suoi debiti. Giocava fino a 3.000 euro a sera. Lo descrive come manipolatore, violento quando ha perso al casinò. » L’imputata afferma che lei «ne ha approfittato». Afferma inoltre di essere stato ingannato dal suo ex avvocato, Me Sarfaty, ora radiato dall’albo.

Ammette solo un rammarico, i 22.720 euro presi in prestito dall’ex tata di sua figlia. Ha parole dure per suo padre, che tuttavia non lo opprime, anche se suo figlio lo ha alleggerito di 125.000 euro… Ex camionista, residente a Royan percepisce una pensione di invalidità di 900 euro. La polizia ha stimato il suo stile di vita a 4.000 euro al mese. Si concedeva “escort girls” e ristoranti gourmet. L’imputato è anche responsabile di riciclaggio poiché ha vinto 305.425 euro con soldi altrui.

“Traumatizzato”

“Giochi ancora al casinò?” », si chiede l’accusa. ” Molto meno. Al casinò, tre mesi fa, al PMU, forse due settimane fa. » La luce si riaccende. “Avevo giocato 90 euro, ne ho presi 400 circa. Al casinò ho vinto quasi 6.000 euro. » «E non ti ricordi delle somme da capogiro che devi alle parti civili. Penso che abbiamo coperto, non so cosa”, sospira Jérôme Hars, stanco delle sue spiegazioni “nebulose”.

“Ha derubato i suoi genitori, la tata di sua figlia. Ha truffato un amico di vent’anni. Non gli dava fastidio. Mi sanguinano le orecchie quando lo sento dire: “Ho perso tutto”. Ha perso una cosa, la dignità, l’onore”, attacca Me Ophélie Rodrigues, l’avvocato della prima vittima. Il suo collega, Me Felix Molteni, sottolinea i suoi “paradossi”. “Deve dei soldi a tutti ma è lui la vittima. »


Ophélie Rodrigues e Félix Molteni, avvocati delle parti civili, hanno deplorato l’atteggiamento vittimistico dell’imputato. Elsa Larue, per la difesa, ritiene il suo cliente incapace di organizzare una truffa così grande.

Philippe Ménard/SO

Me Elsa Larue, l’avvocato difensore, ammette di non aver capito tutto. Né la storia del suo cliente né la versione delle vittime. “Come possiamo consegnare così tanti soldi se non controlliamo nemmeno quando qualcuno dice che l’Interpol è a Tolosa e che Dubai è la capitale del Qatar? Rimango convinto che, in questo caso, c’è una parte che non sapremo mai. » Lei pensa che non avrebbe potuto organizzare una truffa così grande, che è “totalmente innocente”. L’ultima parola spetta all’imputato, che piange sulla sua sorte. “L’indagine mi ha traumatizzato più di ogni altra cosa. Ho la mia anima e la mia coscienza. »

L’accusa richiede tre anni di carcere, di cui due con sospensione per tre anni, l’obbligo di prestare assistenza, di riparare i danni, di pagare l’erario pubblico, il divieto di comparire nei casinò e di partecipare al gioco d’azzardo e al gioco d’azzardo, e a multa di 10.000 euro. Deliberata il 30 agosto.

-

PREV Thomas Pesquet in vacanza… in Bretagna
NEXT Lavoro notturno: chiusure autostradali dal 22 al 26 luglio in Provenza