Campagna per un migliore accesso ai prodotti mestruali in carcere

-

Le donne indigene dell’Ontario settentrionale chiedono un migliore accesso ai prodotti mestruali per le detenute nella prigione distrettuale di Kenora.

Tania Cameronun attivista comunitario, ha finalmente deciso di contattare il Ministero della Procura Generale dopo aver appreso che un detenuto piangeva a causa dell’insufficiente accesso a questi prodotti.

Due giorni dopo ho inviato una lettera al Procuratore Generale Michael Kerznerdifensore civico dell’Ontario e MPP di Kiiwetinoong Sol Mamakwa, è stata invitata a visitare la prigione con il signor Mamakwa dove ha incontrato due dozzine di detenuti.

Apri in modalità a schermo intero

Il direttore esecutivo della Elizabeth Fry Society dell’Ontario nordoccidentale, Lindsay Martin, ritiene che se la provincia non può fornire prodotti mestruali adeguati alle persone che ne hanno bisogno, queste non dovrebbero essere incarcerate.

Foto: Sarah Law della CBC

Ritardi e reclami

Le donne gli hanno detto che non solo devono richiedere prodotti mestruali a un agente penitenziario quando ne hanno bisogno, ma a volte devono aspettare ore per ottenerli.

Se una donna lo chiede [un produit menstruel]per favore daglielo, non ne avrà bisogno ore dopo, ne avrà bisogno adesso!

Una citazione da Tania Cameron, attivista della comunità

Questo modo di fare è denunciato da Lindsay Martindirettore generale della Società Elisabetta Friggi dell’Ontario nordoccidentale. Lei lo sottolinea devo solo chiedere [des produits menstruels] crea una strana dinamica di potere.

Secondo quanto riferito, molte donne hanno espresso timore di ritorsioni se avessero condiviso le loro preoccupazioni.

[Les agents correctionnels] restituire dopo due o tre ore con il prodotto […] e le persone potrebbero sanguinare attraverso i vestiti.

Una citazione da Lindsay Martin, direttore esecutivo della Elizabeth Fry Society dell’Ontario nordoccidentale

La loro condizione viene poi rivelata all’intera popolazione carceraria. Allo stesso tempo, diventa anche un problema igienicoaggiunge.

I detenuti denunciano anche la scarsa qualità dei prodotti distribuiti: assorbenti troppo sottili, inadatti a un flusso mestruale abbondante, oppure assorbenti senza applicatore, difficili da usare.

Chiunque abbia il ciclo lunare sanguinerà in modo diverso. A volte è leggero, a volte è molto abbondantesottolinea Cameron.

A volte, [les détenues] avrà bisogno di più asciugamani un giorno rispetto al successivo.

Chiede prodotti di migliore qualità e una migliore formazione degli agenti penitenziari sulla questione.

Apri in modalità a schermo intero

La CBC voleva ottenere un’intervista sull’argomento con il procuratore generale Michael Kerzner, ma invece ha ricevuto un’e-mail dal portavoce del dipartimento. (Foto d’archivio)

Foto: stampa canadese/Tijana Martin

Lo fa sapere via email il portavoce del ministero i prodotti mestruali vengono forniti gratuitamente alle detenute secondo necessità durante la detenzione.

Il ministero può confermare che la prigione di Kenora dispone di una fornitura adeguata di prodotti mestruali per garantire ai detenuti ciò di cui hanno bisogno quotidianamentelui continua.

Una situazione indegna

Le donne detenute hanno la possibilità di acquistare i propri prodotti mestruali sul posto, ma Cameron sottolinea che non tutte potrebbero permetterseli.

[En tant que] persona cresciuta in una famiglia a basso reddito […]non sempre avevamo accesso agli assorbenti quando ne avevamo bisogno ed era difficilelei dice.

Non augurerei a nessuno questa umiliazione!

Una citazione da Tania Cameron, attivista della comunità

Vorrebbe che le detenute ricevessero biancheria intima mestruale. I donatori lo sarebbero pronti a rendere tutto questo possibilesecondo lei.

Nell’immediato spera di mettere soldi sui conti dei detenuti che ne faranno richiesta affinché possano acquistare i prodotti che fanno al caso loro.

Il deputato Sol Mamakwa, che da molti anni si batte per migliori condizioni di detenzione per i prigionieri indigeni, riconosce la necessità di offrire prodotti mestruali migliori nelle strutture carcerarie.

Secondo Statistics Canada, il tasso di incarcerazione delle donne indigene nei penitenziari provinciali è 15 volte superiore a quello delle donne non indigene.

Con la segnalazione di Sarah Law della CBC

-

PREV Insoddisfatto delle cure della madre, un uomo semina il terrore in una casa di cura di Bagnères
NEXT Dietro le quinte della fabbrica Puget, l’olio d’oliva di un intero paese confezionato in Vitrolles