ITW Mohammed Aoun (Châlons-Reims): “La cultura della vittoria va oltre le partite”

-

Futuro manager del centro di formazione ADA Blois, abbiamo ricontattato Mohammed Aoun per parlare del suo progetto futuro. Uomo di formazione, l’educatore champenois ci regala la sua visione della professione, della vita e del modo in cui sostiene i suoi giocatori.

La prossima stagione sarai a Blois. Perché questa scelta?
Sono a Blois da un po’. Fin dai tempi che ero a Boulazac era una struttura che mi piaceva molto. Li abbiamo affrontati nell’U18.
Le cose succedono in modo naturale, la società punta molto sulla formazione. Questo è anche il caso qui a Châlons-Reims.
C’era anche l’idea che stiano sviluppando la loro proposta formativa con il performance center che nascerà.
Negli ultimi due o tre anni sono molti i giocatori del Blois che sono passati dal centro di allenamento al livello professionistico o ad altre squadre.
Come qualcuno che desidera una carriera nella formazione, questo ha senso. Vedo che il lavoro è ben fatto e viene ripagato nel vedere i ragazzi entrare in una squadra di professionisti quindi fa parte del DNA della società.
Si è voluto integrare una struttura orientata alla formazione. Blois soddisfaceva questi criteri.
Sono in scadenza di contratto con lo Champagne Basket, non sapevamo necessariamente dove volevamo andare quindi ci sono stati dei contatti. Le cose sono successe naturalmente in seguito.

Matematicamente il club non è ancora retrocesso. Inizialmente c’era voglia di scoprire nel campionato Espoirs Elite?
Oggi quello che è importante per un formatore è che la struttura sia efficiente. Che sia Elite Espoirs o Pro B, se il club è strutturato per gli allenamenti, tiri fuori i giocatori.
Ho fatto un elenco per vedere i giocatori che hanno lasciato le Elite e le Pro B Hopes l’anno scorso, sia in Pro B che in N1, ci sono più giocatori che hanno lasciato le Pro B Hopes.
Oggi la cosa più importante è trovare lo strumento che mi permetterà di essere più efficiente sul lavoro.
Blois è una delle migliori strutture in Francia, ed è quello che guardo. Oggi sono in Betclic Elite, domani saranno in Pro B, dopodomani forse torneranno in Elite, qualunque cosa… Il progetto è stabile e non cambia.
Nei miei pensieri non guardavo assolutamente i risultati della prima squadra. Era un club che mi interessava da tempo. C’era un’opportunità. Ci sono state molte riflessioni perché ero molto felice qui a Châlons-Reims, quindi ho pensato molto se andarci oppure no.
Questo è uno dei luoghi più importanti nel mondo dell’allenamento e sono molto felice e onorato di essere quello che hanno scelto.

Cosa ne pensi del team ADA Hopes in questa stagione? Cosa pensi di cambiare o mantenere nel gioco? Fino a dove li vuoi portare?Non ho necessariamente un’opinione e, onestamente, non voglio dare un’opinione sulla squadra in questa stagione. Non credo sia opportuno e non spetta a me farlo.
Il centro sportivo ha giocatori di qualità, ce ne sono alcuni che giocano in Pro B compreso Landry Djedje che ha firmato a Evreux. Ci sono giocatori come Domenico Diomande che compaiono su Betclic Elite. Giovani giocatori in formazione.
L’unica cosa che posso dire è che è un centro di formazione di qualità con ottimi giocatori, con l’obiettivo di arrivare ad alti livelli.
Fino a che punto li voglio portare? Ne abbiamo parlato l’anno scorso, sono davvero un formatore.
Sì, alleniamo ragazzi che giocano a basket e c’è l’aspetto agonistico, ma io arrivo come responsabile del centro sportivo. Il mio obiettivo sarà collaborare con l’intero club per garantire che tutti i giocatori del settore giovanile abbiano il miglior processo per raggiungere i propri obiettivi individuali. Se il fatto che li aiutiamo a raggiungerli, che li aiutiamo ad avanzare, permette alla squadra U18 e U21 di competere in campionato, è bingo!
Questo è quello che è successo l’anno scorso qui, anche quest’anno un po’ qui… Viaggi collettivi molto interessanti e molto lodevoli.
Ciò che è ancora più interessante e importante, sia per me che per Blois, è che i giocatori vanno dove devono andare.
La mia missione, il mio desiderio e la mia ambizione sarà quella di arrivare con la mia personalità e dare il mio contributo al progetto del club che è quello di liberare i giocatori.

“I miei giocatori sono una famiglia. »

L’anno scorso ci hai detto che la tua missione era rendere i tuoi giocatori futuri grandi uomini, e per alcuni forse futuri grandi giocatori. Dici sempre la stessa cosa?
Questo è sempre il mio filo conduttore e su questo punto siamo d’accordo con Blois.
Oggi, per far sì che i giocatori diventino buoni giocatori di basket, devono prima di tutto diventare brave persone. Dobbiamo instillare in loro valori come il lavoro, l’umiltà… Tutto questo li porta a raggiungere traguardi e diventare buoni giocatori. Fondamentalmente è perché li educhiamo affinché diventino uomini buoni.
Le due cose sono inseparabili. La mia etichetta, e ciò che voglio trasmettere, è che sono un educatore e un formatore. Ho avuto la possibilità di farlo nel basket, per aiutare i giocatori a raggiungere i propri obiettivi e raggiungere un livello elevato.
Quando parlo di alto livello, è nella vita. Ci sono alcuni che apriranno la loro attività, altri che diventeranno giocatori professionisti, altri che diventeranno allenatori di alto livello, altri che saranno papà di alto livello… Non importa cosa vogliono fare nel mondo. vita, il mio compito è spiegare loro che esiste un processo per arrivarci.
Tutti cresceranno e vivranno la propria vita come desiderano. Il mio compito non è solo spiegare loro come giocare a pick and roll o come difendersi all’interno.

La scorsa stagione sei stato campione francese dell’Espoirs Pro B. Per l’ultima volta allo Champagne Basket, hai chiesto ai tuoi giocatori di ripetersi?
No, come ti ho detto l’anno scorso, il basket è uno sport in cui o vinci o perdi.
Non ho bisogno di chiederglielo, ce l’hanno dentro. Vogliono vincere ogni partita dall’inizio della stagione.
Ci sono diverse vittorie, quella nello stato d’animo, nella progressione individuale e quella collettiva.
In questa fase della stagione abbiamo due vittorie su tre e sono quelle che controlliamo. I giocatori sono progrediti da inizio anno. Sono visibili, li vediamo e li osserviamo.
Molti allenatori fanno domande su questi giocatori. Nel nostro stato d’animo c’è poco da rimproverarci. Siamo rispettosi, loro lavorano bene, l’ultima vittoria sarebbe vincere questa partita contro il Fos per andare in Final Four.
Diventando di nuovo campione di Francia, non possiamo controllarlo. Ci sono avversari, stati del momento. Vedremo cosa ci riserva il futuro, ma per le prime due vittorie sono molto orgoglioso dei miei ragazzi. Trasmettono una buona immagine della struttura e questo è importante.
Il mio unico obiettivo è aiutarli a gestirsi e diventare indipendenti. I valori del lavoro e dell’umiltà vengono instillati in loro durante tutto l’anno. C’è anche la gestione delle emozioni.
Abbiamo appena giocato una partita contro il Vichy che è stata molto complicata dal punto di vista emotivo. Ogni partita è un modo per aiutare i ragazzi a diventare brave persone e buoni giocatori.
Il campionato e le partite sono mezzi e non obiettivi. I ragazzi lo hanno capito molto bene.
Oggi l’obiettivo non è vincere un titolo a Espoirs o vincere partite a Espoirs. Dobbiamo adottare misure per aiutarli a diventare professionisti in pochi anni e spingerli a raggiungere i loro obiettivi.
Tutti i giocatori hanno raggiunto traguardi importanti. Giocano più giovani, lo stato d’animo è quello. Quando vedo che a inizio anno ci sono giocatori che nessuno conosce e che a fine anno mi chiamano per chiedermi se può essere disponibile per giocare in N1, sappiamo che il giocatore ha stato supportato.

Riteniamo che tu abbia un rapporto “fraterno” con i tuoi giocatori. Il tuo discorso è diverso da quello degli altri manager dei centri di formazione. Era previsto che avessi un rapporto del genere con i tuoi giocatori?
I miei giocatori sono una famiglia, quindi lo hai sentito molto bene. Il mio livello di richieste e disciplina è molto, molto alto. Guardi qualsiasi partita dell’anno, non lascio andare nulla, è molto difficile per loro mentalmente.
Oltre a ciò, siamo in grado di discutere, di scambiare. La cultura della vittoria va oltre le partite. Si tratta di stabilire un obiettivo, mettere in atto azioni, poi li raggiungeremo.
Lei è in ogni momento. Voglio vincere quando voglio migliorare nel tiro, voglio vincere quando voglio essere il miglior compagno di squadra possibile, voglio vincere quando voglio essere il miglior figlio, voglio vincere quando voglio essere il migliore studente possibile, voglio vincere quando voglio essere il miglior passante della stagione…
In ogni caso, la cultura della vittoria non è solo sul campo da basket durante una partita. Lei è in ogni momento. Quando dico che alleno i giocatori non vuol dire che non vogliamo vincere le partite. In realtà vincere le partite è solo la conseguenza di tutto il resto. Il mio discorso non si limita a come vincere la prossima partita. Dico loro che devono vincere per ogni obiettivo prefissato. A inizio stagione lo decidiamo noi. La squadra si è posta l’obiettivo di arrivare alle Final Four, quindi ovviamente vogliamo farcela.
Tutto questo non dipende solo da noi, c’è un avversario, non ci poniamo domande su ciò che non possiamo controllare.

L’anno scorso ci hai detto che la formazione è ciò che ti guida di più nella tua vita professionale. Sei stato anche assistente al Lille, sei anche assistente allo Champagne Basket. Allenare una prima squadra non ti tenta in futuro?
L’importanza del ruolo dipende dal significato che gli dai. Secondo me il ruolo che ricopro qui nello staff di Champagne Basket è estremamente importante.
Sii solidale, sostieni i ragazzi fuori servizio, dedica il tuo tempo quando c’è bisogno di lavorare individualmente. Essere presenti ai giocatori infortunati per farli lavorare e rimetterli in piedi con lo staff medico. Sostieni sempre l’allenatore, in modo che non si chieda se voglio il suo posto o no. C’è una nozione di salute nelle nostre relazioni e questo mi si addice perfettamente.
Non so come sarà tra 10 anni, ma oggi non ho questa visione di essere un allenatore professionista. Le ambizioni riguardano i giovani. Se si creano opportunità per stare sulle panchine di una squadra francese, per assumere la responsabilità di una Nazionale giovanile, queste sono ambizioni che ho finché resta attorno ai giovani.
Non voglio affogare in tante cose. Ho ragioni per vivere e voglio fare il mio lavoro con queste ragioni per vivere.
Supportare e guidare le persone per aiutarle a crescere è importante. Oggi è intorno al centro d’allenamento, tra qualche anno potrebbe diventare una squadra francese. Può trattarsi anche di primo o secondo assistente in un ruolo di supporto e di lavoro individuale, ecc… Oggi mi sento molto bene nella formazione e mi vedo a restarci per molto tempo.

Credito fotografico: David Billy / Cestino di champagne

-

PREV SALUTE Tutte le farmacie di turno questo mercoledì 1 maggio 2024 a Gard
NEXT Avrebbero legato la loro vittima durante una serata a Cantal: i due sospettati incarcerati