L’aereo Airbus “senza eguali” ha trovato la sua prima compagnia

L’aereo Airbus “senza eguali” ha trovato la sua prima compagnia
L’aereo Airbus “senza eguali” ha trovato la sua prima compagnia
-

XRL, che significa “Extra Long Range” (“raggio molto lungo” in francese). Dopo l’A321neo, Airbus si prepara a consegnare al suo primo cliente l’A321 XLR, un aereo il cui sviluppo ha richiesto cinque anni e che rischia di dare filo da torcere alla Boeing, dopo il successo dell’A220. In totale, nel mese di maggio sono stati registrati dal colosso europeo dell’aeronautica più di 500 ordini per 25 clienti, per un velivolo che può facilmente definirsi “senza eguali”.

Il suo interesse? Essere in grado di raggiungere l’autonomia di un aereo a lungo raggio, limitando la sua fusoliera a quella di un aereo a corridoio singolo. Abbastanza per limitare i consumi, rendere più accessibili alle aziende le destinazioni lontane e ridurre i prezzi dei dispositivi. La logica continuazione del ritiro di compagnie come Air France dall’utilizzo dell’A380, il gigante del cielo con quattro reattori. Di fronte a lui, la Boeing non è più in fila. Il programma “NMA” (per “New Midsize Aircraft”) non ha prodotto versioni modernizzate del 757 e 767.

Un primo A321 XLR in cielo, con Iberia

Iberia, la prima compagnia aerea a poter prendere in consegna l’A321 XLR, ha appena rivelato i dettagli del suo programma con l’aereo. Inizialmente l’aereo volerà a Boston negli Stati Uniti, dall’aeroporto di Madrid in Spagna, con rotazioni giornaliere. Un volo stimato di 8 ore e 25 minuti, con il primo decollo previsto per il 14 novembre. Sarà poi integrato da un altro volo per Washington DC a partire dal 15 gennaio 2025.

Nonostante tutto, non sarà il primo a corridoio singolo ad attraversare l’Atlantico. Airbus ha già consegnato A321neo a compagnie come Air Transat e TAP Air Portugal, che ora operano rotte come Lisbona-Boston o Lisbona-Montreal. Detto questo, rispetto ad un A321neo, l’A321 XLR potrà esplorare nuove possibilità grazie ai suoi 1.000 chilometri in più di autonomia con un solo serbatoio. Infatti, l’autonomia dell’A321 XLR raggiungerà gli 8.400 chilometri, rispetto ai 7.400 chilometri dell’A321neo.

L’era degli aerei “multiuso”.

Con loro entriamo in una nuova era di aerei cosiddetti “multiuso”. Perché con una capacità massima di 240 passeggeri, questo A321 XLR può essere adatto sia per voli a medio che a lungo raggio. Finora nel settore dell’aviazione c’era una lacuna tra i 7.000 e gli 8.000 chilometri di autonomia e per poter effettuare tali voli le aziende dovevano passare a modelli di aerei a doppio corridoio come l’A330, l’A350, il B777 o il B787. Oggi l’A321 XLR offre loro nuove possibilità e la possibilità di volare per 10 ore.

Nonostante tutto, l’A321 XLR avrebbe potuto fare di meglio. Fino alle fasi finali del suo sviluppo, Airbus prevedeva un’autonomia di 8.700 chilometri. Purtroppo, al momento delle certificazioni da parte dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea, avrebbe perso 370 chilometri, altrimenti non avrebbe potuto ottenere tutti i semafori verdi. La colpa è di un eccesso di peso compreso tra 700 e 800 chili, mentre Airbus lo stimava tra 200 e 300 chili.

Dopo Iberia, altre aziende potranno prendere in consegna il dispositivo. Tra questi, American Airlines (50 copie), United Airlines (50 copie), WizzAir (47 copie), Qantas (20 copie) o anche Air Canada e Air Transat che prevedono di condividere 30 copie.

-

PREV Il Cremlino seguirà il vertice Nato con “la massima attenzione”
NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie