“Fantasia sessuale”, “immensa aggressività”: come l’ex ministro Agnès Buzyn è stata molestata per 4 anni

“Fantasia sessuale”, “immensa aggressività”: come l’ex ministro Agnès Buzyn è stata molestata per 4 anni
Descriptive text here
-

Avevo davvero tendenze suicide.“È con queste toccanti parole che Agnès Buzyn ha deciso di parlare. Mentre #MeTooHospital libera la voce delle vittime di violenza sessuale e sessista nell’ambiente ospedaliero, M6 ha trasmesso, questa domenica, 5 maggio, un documentario scioccante al riguardo. Un film intitolato . Camicette non così bianche e che dobbiamo a Marie Portolano – che ora officia su Télématin. Il giornalista ha raccolto una decina di testimonianze, una più rivoltante e spaventosa della precedente.

Che siano medici, pediatri, infermieri o studenti, tutti sono stati vittime di colleghi, compagni o dei loro superiori. E questo, anche ai massimi livelli. Agnès Buzyn ha vissuto l’amara esperienza. Nel 2003, all’età di 40 anni, ottenne la posizione più alta a cui un medico potesse aspirare. Quella di PU-PH, Professore Universitario Medico Ospedaliero. “Quel giorno mi resi conto dell’anomalia. Ho capito che c’era un grave malfunzionamento“, ricorda.

Questo momento in cui i colleghi di Agnès Buzyn sono diventati “impazzito

In questione ? Tra i 32 membri, era l’unica donna. Soprattutto, ottenendo questo titolo di Professore e nonostante il suo duro lavoro, Agnès Buzyn è diventata un bersaglio. Costantemente sessualizzato. “Agnès Buzyn è venuta a trovarmi nel mio ufficio per parlarmi della sua candidatura a Professore, è divertente, ogni volta che la vedo arrivare nel mio ufficio, Lo immagino con frusta e stivali“, avrebbe detto il presidente della comunità medica.”È incredibile. Sorprendente. Ricordare una fantasia sessuale era straziante“, confida il principale interessato.

Se ha lottato per vent’anni per questo titolo, d’ora in poi Agnès Buzyn avrà un’altra battaglia da combattere: quella di farsi rispettare. “Da un giorno all’altro, mentre sono la stessa persona, mentre prescrivo le stesse cose, mentre faccio lo stesso lavoro di due giorni prima, il fatto di avere un titolo, all’improvviso, li fa impazzire“, dice l’ex ministro della Salute. E insiste: “Sento un’enorme aggressività da parte dei miei colleghi. Immenso. In effetti, sentivo che gli uomini non sopportavo di avere una donna gerarchicamente al di sopra due.

Agnès Buzyn: “Pensavo che stavo per morire

La sua ascesa è considerata intollerabile e, segretamente, i suoi persecutori attueranno la sua caduta. Agnès Buzyn vivrà queste angherie per quattro anni. Quattro anni che dimostreranno la sua vocazione“, precisa Marie Portolano. È troppo per Agnès Buzyn. Questa violenza la consuma. “Onestamente pensavo che sarei morto. È stato così violento. Una tale messa da parte. Ero esausto. Avevo davvero tendenze suicide“, conferma. Sono stati i suoi figli a permetterle di tenere la testa fuori dall’acqua.

Ma questa situazione è insopportabile. “Stava diventando così folle che ho deciso di lasciare la mia professione di medico“, conclude. Una storia che risale a circa vent’anni fa ma che nulla è cambiato. Anche Marine Ltemporel, ad esempio, ha vissuto situazioni che non avrebbe mai dovuto vivere. Oggi più che mai, questi tocchi di discorso sono quindi necessari per muovere le righe. Così Quello. questi fenomeni non possono più ripetersi.

-

PREV Test del phon Shark SpeedStyle: un esperto esplosivo
NEXT Bilal Hassani debutta al cinema in “The Queens of Drama”