Mantenere una politica di bilancio proattiva, flessibile ed efficace

-

>> La Banca di Stato del Vietnam segue da vicino i movimenti della Fed

>> I risultati del Vietnam nel controllo dell’inflazione sono molto apprezzati

Negli ultimi tempi, i conflitti geopolitici hanno continuato a intensificarsi, frammentandosi e influenzando negativamente l’economia globale. Inoltre, a causa del cambiamento climatico, le condizioni meteorologiche in molte parti del mondo sono più severe, esercitando effetti negativi sulle attività di produzione agricola, portando a perdite e aumento dei rischi e dei costi assicurativi. Nel Paese persistono difficoltà sui mercati immobiliari e obbligazionari societari. Il Vietnam è uno dei paesi più colpiti dall’imposta globale minima sulle società, ufficialmente implementata dal 1ehm Gennaio 2024.

Politiche fiscali ragionevoli e flessibili contribuiscono a ridurre i costi di produzione delle imprese e a stimolare i consumi interni.
Foto. VNA/CVN

A causa di queste prospettive relativamente meno ottimistiche, la politica monetaria è gestita in modo proattivo e prudente dai servizi competenti, garantendo così una pressione inflazionistica ridotta. Allo stesso tempo, gli investimenti pubblici stanno accelerando. Il differimento temporaneo delle tasse, la riduzione delle tasse ambientali, di quelle sul valore aggiunto e di immatricolazione delle auto hanno impatti positivi su famiglie e imprese.

Riduzione di tasse e commissioni

Per quanto riguarda l’inflazione, organizzazioni finanziarie internazionali come il Fondo monetario internazionale, la Banca mondiale e la Banca asiatica di sviluppo prevedono che nel 2024, il tasso di inflazione in Vietnam quest’anno sarà del 3-4%. Ritengono che il principale vincolo all’inflazione sarà la pressione sui costi. Allo stesso tempo, a causa dell’esborso accelerato di capitali di investimento pubblici, potrebbe verificarsi un’inflazione da domanda, che metterebbe pressione sui prezzi dei materiali da costruzione. Se la domanda dei consumatori dovesse aumentare, non eserciterebbe una forte pressione sui prezzi.

Gli esperti economici sottolineano che nei primi mesi dell’anno la drastica leadership del governo nella gestione finanziaria e monetaria ha aiutato l’economia vietnamita a superare le sue difficoltà e a raggiungere una crescita impressionante nonostante le difficili condizioni economiche globali. Secondo loro, in un contesto senza precedenti, il Ministero delle Finanze ha attuato politiche di esenzione, estensione e riduzione delle tasse e delle tasse.

Dinh Trong Thinh, ex preside del Dipartimento di finanza internazionale presso l’Accademia delle finanze, ha affermato che queste politiche sono state molto apprezzate dalle imprese e dai privati.

Il dottor Tô Hoài Nam, vicepresidente permanente e segretario generale dell’Associazione vietnamita delle piccole e medie imprese, sottolinea che le politiche fiscali sopra indicate hanno contribuito a ridurre i costi per le imprese, i prezzi dei prodotti e ad aumentare la produzione interna.

Secondo l’economista Vu Sy Cuong dell’Accademia delle Finanze, “è necessario proseguire le politiche fiscali per stimolare i consumi interni e aumentare il numero di acquirenti di alloggi sociali”.

Da parte sua, il Ministro delle Finanze, Hô Duc Phoc, afferma che il settore finanziario continuerà ad attuare politiche di bilancio ragionevoli per rilanciare l’economia garantendo al tempo stesso la stabilità macroeconomica e il controllo dell’inflazione, garantendo così la sicurezza finanziaria nazionale. E ha aggiunto che il suo ministero persegue una politica di bilancio flessibile, efficace e mirata, ed è determinato a sostenere le imprese per aiutarle a superare le difficoltà e a riprendere rapidamente le attività produttive. Secondo lui, le politiche fiscali volte a sostenerli saranno applicate a lungo termine, perché consentono loro di avere più capitale da investire nel loro sviluppo, contribuendo così a promuovere la crescita macroeconomica e a migliorare la competitività nazionale.

Secondo il Ministero delle Finanze, l’aumento delle entrate nazionali riflette una ripresa economica.
Foto: VNA/CVN

Garantire importanti equilibri

Alla fine del primo trimestre, le entrate di bilancio hanno raggiunto i 539,5 trilioni di VND (22,11 miliardi di dollari), in aumento del 9,8% su base annua. Entro la fine dell’anno, il Ministero delle Finanze attuerà una politica fiscale proattiva, ragionevole, flessibile ed efficace, coordinando strettamente la politica fiscale con altre politiche economiche per preservare i fondamentali macroeconomici, controllare l’inflazione, garantire importanti equilibri, promuovere la crescita e sviluppare in modo sostenibile l’economia. economia.

Inoltre, il ministero continuerà a migliorare il quadro giuridico relativo alle entrate di bilancio. Proporrà quindi soluzioni di politica fiscale adeguate per ridurre le difficoltà delle imprese e dei cittadini e promuovere la crescita economica.

Il Linh/CVN

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori