La Nigeria lancia una gara d’appalto per 17 nuovi blocchi petroliferi | APAnews

-

Il governo nigeriano ha annunciato l’aggiunta di 17 blocchi petroliferi offshore profondi alla tornata di licenze del 2024 per i giacimenti petroliferi del paese.

Il direttore generale della Nigerian Upstream Petroleum Regulatory Commission, Gbenga Komolafe, ha dichiarato martedì in una dichiarazione ad Abuja che i blocchi offshore profondi sono stati aggiunti al ciclo di licenze del 2024.

Komolafe ha fornito un aggiornamento sui cicli di licenza 2022/2023 e 2024, spiegando: “Come parte dell’impegno della commissione di sfruttare le abbondanti riserve di petrolio e gas del paese e di aumentare la produzione, la commissione ha lavorato assiduamente con accordi multi-cliente le aziende intraprendono più attività esplorative per acquisire più dati per promuovere e incoraggiare maggiori investimenti nel settore upstream nigeriano”.

“Con i dati aggiuntivi acquisiti rispetto ai blocchi offshore profondi, la commissione ha aggiunto 17 blocchi offshore profondi al ciclo di licenze 2024. Ulteriori dettagli sui blocchi possono essere trovati sul portale delle offerte”, ha continuato.

Komolafe ha inoltre affermato che “secondo le linee guida pubblicate, avevamo precedentemente indicato che alcuni degli asset proposti avrebbero dovuto essere soggetti a un’applicazione di consolidamento, vale a dire: PPL 300-CS e PPL 301-CS, PPL 2000 e PPL 2001. Gli offerenti sono informati che possono, a loro discrezione, fare offerte per questi blocchi come gruppi o come singole unità.

Secondo lui, gli offerenti dovrebbero fare riferimento alle sezioni “Domande frequenti” dei portali del ciclo di licenza 2022/23 e 2024 o contattare l’agenzia di regolamentazione a monte.

Ha inoltre osservato che il programma per la tornata di licenze del 2024 è stato modificato per consentire agli investitori interessati di sfruttare le opportunità ampliate.

GIK/lb/te/APA

-

PREV LGV Kenitra-Marrakech: un cinese e un tedesco selezionati per i cambi di binario
NEXT EDF battuto dal KHNP sudcoreano per costruire due reattori in Repubblica Ceca