“à la Dacia”: un modello economico unico all’origine di elevata redditività e rendimenti

“à la Dacia”: un modello economico unico all’origine di elevata redditività e rendimenti
“à la Dacia”: un modello economico unico all’origine di elevata redditività e rendimenti
-

Un modello economico unico

Il modello Dacia è unico, basato sulla combinazione di tre componenti principali:

  • IL progettazione-costo (efficienza in termini di costi) come principio guidache punta a un vantaggio in termini di costi di circa il -15% rispetto alla concorrenza concentrandosi su ciò che conta davvero per i clienti, l’“essenziale”, e capitalizzando sugli asset del Gruppo e sul know-how dei suoi 3 000 ingegneri.
  • Una base industriale e di fornitura senza eguali con competitività di costo ai massimi livelli grazie ad un elevato tasso di utilizzo degli stabilimenti (> 130% – Porto) nonché ad un forte livello di integrazione locale.
  • Un modello distributivo molto efficiente garantendo costi di distribuzione inferiori di circa il 50% rispetto alla media dell’Europa occidentale, con una politica di sconti quasi nulli e con il 30% delle vendite derivante da iniziative digitali.

Un successo rafforzato dalla nuova identità del marchio: basso costo A miglior rapporto qualità-prezzo (miglior rapporto qualità-beneficio)

In un ambiente in costante cambiamento, influenzato dalle pressioni inflazionistiche e dal crescente numero di normative, i veicoli sono diventati più costosi. Dacia offre una risposta ovvia ai clienti che cercano veicoli accessibili, con un’offerta di contenuti adeguati, grazie alla complementarità della sua gamma e alle sue diverse versioni come Extreme o Journey.

Grazie alla sua nuova identità di marca che riflette i suoi valori di semplicità, autenticità e robustezza, sempre al giusto prezzo, Dacia è diventata un marchio essenziale in Europa con una gamma attraente.

Dacia è chiaramente un marchio vincente per il Gruppo Renault con il 76% dei suoi clienti provenienti dalla concorrenza. La fedeltà al marchio è anche al centro del modello di business di Dacia. Il 68% dei possessori di veicoli Dacia, infatti, acquisterà un modello Dacia come veicolo nuovo; L’81% sceglierà un veicolo del Gruppo.

Grazie ad un’offerta semplice di veicoli al miglior livello di prezzo, Dacia beneficia di un mix di canali per clienti privati ​​che raggiunge l’80 – 85%, permettendole di applicare una politica di sconti bassi o addirittura nulli. Ciò si traduce in valori residui elevati (+10 punti in media rispetto al mercato) nonché in un notevole livello di soddisfazione del concessionario.

A metà anno Dacia è in procinto di confermare, per la 4th anno consecutivo, il suo posizionamento sul podio delle vendite ai clienti privati ​​in Europa grazie alla sua proposta miglior rapporto qualità-prezzo che attira un numero sempre crescente di clienti in un ambiente inflazionistico.

Il successo di Dacia è quello dei suoi veicoli. A fine aprile 2024 (cumulativo dall’inizio dell’anno) in Europa:

  • Sandero è il veicolo più venduto (e leader di mercato, dal 2017, per i veicoli venduti a privati).
  • Spolverino è il numero 1 nei SUV venduti a clienti privati.
  • Jogger è il veicolo più venduto ai clienti privati ​​nel segmento C escluso il SUV ed è sul podio di tutti i segmenti C venduti ai clienti privati.
  • Primavera è il 4th il veicolo elettrico più venduto ai clienti privati ​​nei segmenti A+B.

L’approccio unico di Dacia alla progettazione-costoecosistema ed efficienza economica

L’approccio di Dacia consiste nell’invertire la logica: da un metodo standard di sviluppo del prodotto dove il costo è il risultato a un metodo di progettazione progettazione-costo dove il costo è il punto di ingresso.

Una piattaforma standard e il riutilizzo diTorace sono la chiave per l’efficienza in termini di Capex e manodopera, riducendo al contempo il biglietto d’ingresso e i costi variabili grazie all’effetto di scala. Pertanto, Dacia continuerà a ridurre i propri costi e beneficerà del raddoppio del volume della piattaforma standard CMF-B (tutti i marchi messi insieme), che raggiungerà i 2 milioni di unità entro il 2030. Allo stesso tempo, Dacia manterrà i suoi Capex e R&S ad un livello inferiore alla media del Gruppo grazie agli elevati tassi di riporto tra i veicoli, che vanno da un minimo del 40% a un minimo dell’80%.

I rendimenti e l’efficienza di Dacia sono guidati anche da:

  • un elevato tasso di utilizzo della fabbrica (> 130% – Harbour), in cui viene prodotto un nuovo veicolo ogni 30 secondi,
  • ecosistemi ultra competitivi in ​​Romania, Marocco e Turchia, con una forte integrazione locale della sua base di fornitori.

Conveniente non significa piccolo: un solido piano di prodotti per garantire la crescita futura

Attualmente leader nel segmento B, Dacia entra nel segmento C grazie ad una strategia di prodotto attentamente sviluppata. Dopo Jogger, Dacia Bigster incarnerà questa evoluzione a partire dal 2025 e seguiranno altri 2 veicoli. Ciò consentirà a Dacia di raddoppiare la copertura del suo bacino di profitto. Il marchio punta quindi a 1 milione di veicoli venduti nel 2030, di cui circa 1/3 apparterranno al segmento C.

Dacia passerà gradualmente da soluzioni termiche elettrificate accessibili a offerte di veicoli elettrici convenienti in Europa. Ciò sarà fatto “à la Dacia” per fornire prodotti adatti alle richieste dei suoi clienti e sfruttare gli elementi tecnologici del Gruppo Renault e Ampere. Questo approccio contribuirà all’obiettivo di ridurre l’impronta di carbonio di Dacia del 50% entro il 2035.

Allo stesso tempo, Dacia conferma di svolgere un ruolo di rilievo rete di sicurezza per il Gruppo Renault in termini di ritmo di elettrificazione e fornisce una solida base per un’offerta termica redditizia. Dacia sta contribuendo a reinventare la catena del valore termico attraverso la cooperazione con HORSE Powertain sviluppando motori dirompenti adattati ai carburanti alternativi.

Margini e rendimenti sempre più elevati

Il modello economico e l’approccio al prodotto di Dacia garantiscono una forte crescita e una solida redditività che si traduce in rendimenti notevoli:

  • Dacia prevede di raddoppiare il proprio fatturato tra il 2022 e il 2030, proveniente da metà del volume e metà del mix e del prezzo, mentre si prevede che i costi fissi aumenteranno leggermente nello stesso periodo.
  • Dacia genera già un solido margine operativo a doppia cifra e punta a raggiungere il 15% entro il 2030.
  • Dacia intende stabilire il proprio profilo di campione in termini di prestazioni un ROCE superiore a quello del Gruppo Renault (Obiettivo di Gruppo > 30% dal 2025) e quale dovrebbero essere moltiplicati per 2 tra il 2022 e il 2030.

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori