Parcheggio CHAUR: insoddisfazioni e correzioni

-

Queste misure hanno dovuto essere attuate a seguito della perdita di un’area di 244 posti auto adiacente all’ospedale e che era stata affittata dal Centro universitario integrato di servizi sanitari e sociali di Mauricie-et-du-Centre-du-Québec (CIUSSS MCQ). Questo lotto sarà sostituito da alloggi del banner condomini in affitto Aera.

“Insoddisfatto, frustrato, arrabbiato”

Alla domanda se le fossero arrivati ​​commenti, Sara Blackburn, vicepresidente dell’Unione dei professionisti sanitari della Mauricie e del Centre-du-Québec (SPS MCQ-FIQ), sottolinea che l’argomento è ricorrente da due settimane.

“Le persone sono piuttosto insoddisfatte degli orari offerti”, spiega. Questa è la prima cosa che il CIUSSS intende modificare. A partire da lunedì le navette opereranno per altre due ore e mezza nei giorni feriali, con corse di andata e ritorno dalle 7:00 alle 10:00, dalle 15:00 alle 18:30 e dalle 23:00 all’1:00.

“Rimaniamo attenti alle esigenze del nostro personale. Questo prolungamento dell’orario della navetta deriva anche da diverse richieste in questa direzione per consentire a un maggior numero di dipendenti di usufruire del servizio», sottolinea Josiane Gagnon, portavoce del CIUSSS MCQ.

Nonostante questi cambiamenti agli orari, alcuni dipendenti continuano a sentirsi trascurati. È il caso di Paméla Harnois, assistente tecnica in farmacia, che spiega che nel suo dipartimento diversi dipendenti lavorano dalle 12:00 alle 20:00 o dalle 13:00 alle 21:00.

A seguito di una ristrutturazione, all’attuale parcheggio CHAUR sono stati aggiunti una trentina di posti aggiuntivi. (Stéphane Lessard/Le Nouvelliste)

“Siamo molto insoddisfatti, frustrati, arrabbiati nel vedere che la navetta non è adatta alla maggior parte dei nostri turni”, rivela. “È ridicolo pagare lo stesso prezzo di tutti gli altri [pour une vignette de stationnement] e non avere accesso agli stessi servizi.”

“Ciò che ci viene detto è anche la mancanza di informazioni”, continua Sara Blackburn. Riferisce anche di averlo sperimentato personalmente durante un turno la settimana scorsa. Dopo aver camminato dal CEGEP per andare al lavoro, al suo arrivo nessuno è stato in grado di indicargli dove fosse l’imbarco per il ritorno.

Di conseguenza, la navetta è passata mentre era mal posizionata e lei ha dovuto aspettare circa quindici minuti in più per lasciare l’ospedale. “Non c’è nessun cartello che dice dove aspettare. La gente è un po’ arrabbiata perché si tratta di aspettare dieci o quindici minuti in più”, aggiunge il sindacalista.

Valutata l’opzione del trasporto pubblico

Il CIUSSS stava accarezzando l’idea di una forma di rimborso, a determinate condizioni, delle spese di trasporto pubblico dei propri dipendenti per ridurre il numero di veicoli che utilizzano il parcheggio CHAUR. La settimana scorsa è stato lanciato un progetto pilota su questo argomento.

“In collaborazione con la Société de Transport de Trois-Rivières (STTR), i dipendenti CHAUR hanno a disposizione 50 tessere annuali gratuite per gli autobus in cambio del contrassegno di parcheggio. Nell’ultima settimana hanno approfittato di questa possibilità una decina di collaboratori», rivela il portavoce dell’ente governativo.

Il CIUSSS accarezzava l’idea di una forma di rimborso, a determinate condizioni, delle spese di trasporto pubblico dei propri dipendenti. (Archivio Le Nouvelliste)

Il Ciusss valuterà così il gradimento della misura e potrà eventualmente adeguare l’offerta. Tuttavia, il sindacato che rappresenta infermieri e terapisti della respirazione non è necessariamente d’accordo con l’obbligo di restituire il contrassegno di parcheggio per avere accesso ai trasporti pubblici.

“Per un gran numero di persone non è sempre possibile prendere l’autobus. Se hai due bambini da andare a prendere all’asilo nido, non funziona”, sottolinea Sara Blackburn. Invece di una misura “tutto o tutto”, ritiene che sarebbe più vantaggioso premiare proporzionalmente coloro che lasciano l’auto a casa.

“Se hai bambini in custodia condivisa ogni due settimane e hai bisogno della tua auto per andarli a prendere all’asilo nido in quegli orari, è comunque vantaggioso utilizzare i trasporti pubblici il 50% delle volte” all’anno”, spiega. “Sarebbe già più facile per la conciliazione lavoro-famiglia”.

Un’altra questione che mal rientra in questa misura è quella dei professionisti “di guardia”, come quelli in sala operatoria. “Quando sei chiamato in servizio, hai 30 minuti per essere pronto ad aprire la tua stanza, così non possono andare al CEGEP per parcheggiare, o aspettare l’autobus o chiamare un taxi tutto il tempo”, rivela il vicepresidente sindacale .

“La gente spera di averlo parcheggi guardia. C’è chi vorrebbe usare la tessera dell’autobus, ma non può rinunciare al 100% al bollino”.

Altre soluzioni?

Dal lato CIUSSS, sono una trentina le persone che ogni giorno utilizzano il parcheggio del Cégep dalla sua istituzione. Inoltre, i cento posti prenotati presso la scuola dei Pionieri sono ora sfruttati al massimo. A seguito di una ristrutturazione, all’attuale parcheggio CHAUR sono stati aggiunti anche una trentina di posti aggiuntivi.

Inoltre, è attualmente in fase di sviluppo un progetto di ricovero per biciclette, a seguito della ricezione di un aiuto finanziario di 35.000 dollari da parte del Programma di miglioramento della mobilità della città di Trois-Rivières.

Questa nuova situazione non fa ben sperare in termini di fidelizzazione e attrazione della forza lavoro, secondo Paméla Harnois. «Comment voulez-vous qu’on retienne notre monde à l’hôpital quand on n’a rien de positif à dire et que là, en plus, on va leur dire d’aller se parker au Cégep et de marcher 15 minutes pour se restituire. Coloro che sono sul punto di dimettersi, beh, si dimetteranno”.

Ha immaginato una soluzione per facilitare la mobilità delle persone che, come lei, hanno orari che non rientrano nel servizio navetta. Perché non bloccare l’ingresso al parcheggio quando è in funzione la navetta per costringere chi può utilizzarla a recarsi al CEGEP? Ciò lascerebbe spazio alle persone che arrivano al di fuori degli orari selezionati dalle autorità.

Da parte sua, la rappresentante sindacale Sara Blackburn non vede necessariamente favorevolmente questa idea. “Ci sono molti dirigenti in ospedale e spesso lavorano con orari davvero regolari”, sottolinea però. Sarebbe immaginabile che questa categoria di dipendenti venisse indirizzata innanzitutto al parco del Cégep?

“Ci chiediamo perché non abbiano acquistato il terreno libero accanto quando era in vendita per creare un parcheggio”, dice la vicepresidente dell’SPS MCQ-FIQ, Sara Blackburn. (Stéphane Lessard/Le Nouvelliste)

Per i due operatori l’ideale sarebbe stata la realizzazione di un parcheggio per consentire a tutti, pazienti compresi, di parcheggiare i propri veicoli. “Ci chiediamo perché non abbiano acquistato il terreno libero accanto quando era in vendita per creare un parcheggio. Siamo d’accordo, l’ospedale crescerà ancora di più in futuro e i parcheggi verranno sempre ampliati”, afferma il vicepresidente dell’SPS MCQ-FIQ.

“I visitatori arrivano sempre in ritardo”, aggiunge, sottolineando la situazione dei parcheggi che non è certo migliore per i pazienti. “Guardiamo verso la sala operatoria e le persone camminano in cerchio per 20 minuti. È quasi come se non dovessero seguire qualcuno che va passo dopo passo per prendere il loro posto”.

“È una mancanza evidente, e non solo per due settimane”, lamenta. “Questa non è una novità. La sorpresa non dovrebbe essere lì.

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori