Elezioni legislative 2024 – In esclusiva per Europa 1: l’appello degli artigiani edili ai candidati

Elezioni legislative 2024 – In esclusiva per Europa 1: l’appello degli artigiani edili ai candidati
Elezioni legislative 2024 – In esclusiva per Europa 1: l’appello degli artigiani edili ai candidati
-

Christophe Bordet / Crediti fotografici: Xose Bouzas / Hans Lucas / Hans Lucas via AFP
13:25, 16 giugno 2024

A due settimane dal primo turno delle elezioni legislative, i VSE del settore edile temono di essere dimenticati dalla futura maggioranza. Per Europa 1, Jean-Christophe Repon, presidente della Confederazione dell’artigianato e delle piccole imprese edili, avanza le sue proposte.

È un manifesto affinché le piccole imprese non vengano dimenticate dalla futura maggioranza. Mentre le organizzazioni dei datori di lavoro, tra cui la CAPEB, che rappresenta 620.000 artigiani edili, pensano di sentire i capi delle liste per le elezioni legislative della prossima settimana, Jean-Christophe Repon, presidente della Confederazione dell’artigianato e delle piccole imprese edili, mette in guardia contro i falsi buone idee e avanza le sue proposte.

Le anticipate elezioni legislative decise da Emmanuel Macron sono motivo di preoccupazione da parte degli artigiani?

Per noi è un cataclisma. Avevamo appena ottenuto dal governo il rilancio della versione semplificata di Ma prime Rénov per rilanciare l’attività di riqualificazione energetica dopo un calo dei cantieri dell’80%. Dopo questa decisione e le conseguenti incertezze, molte persone metteranno in pausa i loro progetti di lavoro. Per gli artigiani, vi annuncio, il 2024 sarà un anno di recessione.

Chiedete cioè una semplificazione della vita per le VSE del settore edile?

Questo era il disegno di legge che avrebbe dovuto essere discusso in Parlamento all’inizio di giugno. Chiediamo alla maggioranza che uscirà dalle urne di ascoltarci affinché ci siano meno scartoffie, si smetta di accumulare norme, si semplifichi l’accesso al prestito garantito dallo Stato (PGE). L’artigiano dedica il 40% del suo tempo a compiti amministrativi, questo non è più possibile.

Chiedete la riduzione dell’Iva?

Sì, tutti i lavori di ristrutturazione devono aumentare al 5,5% per rilanciare il settore e incoraggiare le persone a migliorare le proprie case come parte della politica di decarbonizzazione degli edifici. Oggi solo alcune opere beneficiano di questa aliquota IVA del 5,5% a determinate condizioni. Altrimenti è il 10%, devi mettere tutto allo stesso livello. Finora Bercy si è opposto a questa idea, sostenendo che comporterebbe una perdita eccessiva di entrate per lo Stato, ma in realtà meno Iva significa più lavoro e quindi più entrate fiscali.

Denunci la concorrenza sleale, vale a dire?

Si tratta spesso di manodopera intraeuropea illegale. Sistemi mafiosi strutturati attorno a società di lavoro interinale che forniscono dipendenti dall’Est Europa a prezzi imbattibili. Il controllo del pagamento degli oneri sociali nei paesi di origine viene effettuato raramente, quindi è molto difficile per noi combattere sia in termini di prezzo della manodopera che di cantieri. Tutto questo in un momento in cui la nostra quota di mercato si sta riducendo.

La RN propone il congelamento dei contributi in cambio di un aumento salariale del 10%, che dite?

Impossibile. Innanzitutto perché le nostre tabelle salariali nell’artigianato vengono negoziate territorio per territorio con le parti sociali. E poi reindicizziamo regolarmente la retribuzione dei nostri dipendenti. Infine, oggi, con la mancanza di manodopera, le aziende si mettono le mani in tasca per attirare talenti. Un giovane elettricista può essere pagato ad esempio 2.500 euro lordi. Siamo ben al di sopra del salario minimo.

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori