Alimentata dall’intelligenza artificiale, Nvidia continua il suo folle slancio nel primo trimestre

Alimentata dall’intelligenza artificiale, Nvidia continua il suo folle slancio nel primo trimestre
Alimentata dall’intelligenza artificiale, Nvidia continua il suo folle slancio nel primo trimestre
-

Il colosso americano dei chip continua a battere tutti i record. Nvidia ha ampiamente superato le aspettative per il primo trimestre del suo sconcertante anno fiscale, confermando lo slancio fornito dall’intelligenza artificiale generativa (AI).

Nel dettaglio, il gruppo di Santa Clara (California) ha generato un utile netto di 14,9 miliardi di dollari, più di sette volte rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (+628%), secondo un comunicato stampa pubblicato mercoledì. Riportato per azione ed escludendo le voci straordinarie, indicatore di riferimento di Wall Street, l’utile è stato di 6,12 dollari, ben oltre i 5,65 dollari previsti dagli analisti.

Già nell’ultimo trimestre del 2023 l’azienda aveva raggiunto una crescita scandalosa di oltre il 265% rispetto all’anno precedente, con profitti trimestrali aumentati di oltre otto volte. Va detto che Nvidia sta beneficiando dell’esplosione della domanda dei suoi chip, grazie alla quale può raggiungere margini superiori al 70%.

Nel commercio elettronico, dopo la chiusura di Wall Street, l’azione del gruppo ha guadagnato il 7,40%. A margine dei risultati, Nvidia ha annunciato una divisione in dieci dei suoi titoli, “ rendere l’azione più accessibile ai dipendenti e agli investitori “. Le negoziazioni delle azioni di nuova emissione inizieranno il 10 giugno.

È arrivata l’ora della gloria per Jensen Huang, il fondatore di Nvidia

Diversi passi avanti

Sconosciuta al grande pubblico fino a due anni fa, Nvidia è stata catapultata dall’emergere della cosiddetta intelligenza artificiale generativa (AI), grande consumatrice dei suoi chip, le famose schede grafiche, al punto da diventare il simbolo di questo movimento. e la terza capitalizzazione mondiale in borsa.

I suoi rivali, come Intel e AMD, stanno ancora lottando per eguagliare la potenza e l’efficienza del suo prodotto di punta, l’H100, lanciato nel 2022. Anche Apple, Microsoft e Amazon hanno sviluppato chip pensando all’intelligenza artificiale ma, per il momento, lo sono , costretti a utilizzare i prodotti Nvidia per riuscire a mantenere le promesse in termini di intelligenza artificiale.

Questa azienda creata inizialmente per migliorare la grafica dei videogiochi resta quindi, per il momento, parecchi passi avanti. Durante il suo primo trimestre finanziario, che va dalla fine di gennaio alla fine di aprile, Nvidia ha guidato la sua crescita nei data center. Questi ultimi erano già all’origine della rivoluzione del remote computing (cloud computing) e sono diventati ancora più essenziali per ospitare le capacità computazionali necessarie all’AI generativa.

Anche i semiconduttori forniti a questo settore rappresentano quasi l’87% del fatturato del gruppo, che in un anno ha più che quintuplicato i propri ricavi (+422%).

Questa posizione di leadership ha spinto le azioni di Nvidia ai massimi livelli del mercato azionario. Il gruppo di Santa Clara ha addirittura superato Amazon in termini di capitalizzazione di mercato, arrivando subito dietro Microsoft e Apple. Il 23 febbraio ha inoltre superato la soglia simbolica dei 2.000 miliardi di dollari di valutazione, una quota che solo Microsoft, Apple e la compagnia petrolifera Saudi Aramco conoscevano. L’azienda può quindi vantarsi di essere l’unica azienda di intelligenza artificiale ad essere tra le valutazioni più alte.

Blackwell, il nuovo chip di Nvidia per accelerare la corsa all’intelligenza artificiale

Rivoluzione dell’intelligenza artificiale

La prossima rivoluzione industriale è iniziata », Ha commentato il cofondatore e direttore generale Jensen Huang, citato nel comunicato stampa. “ L’intelligenza artificiale consentirà aumenti di produttività in quasi tutti i settori e aiuterà le aziende a ridurre i costi e il consumo di energia “. Allo stato attuale, lo sviluppo di grandi modelli di AI generativa, che permettano di rispondere alle richieste nel linguaggio quotidiano come ChatGPT (OpenAI), richiede tuttavia una notevole quantità di energie.

In questo contesto, l’azienda ha presentato, a marzo, la sua nuova scheda grafica (GPU), chiamata Blackwell, che descrive come ” chip più potente del mondo “. Secondo Nvidia, consente di sviluppare ed eseguire modelli linguistici di intelligenza artificiale generativa a un costo e un consumo energetico divisi per 25 rispetto al suo predecessore. Le consegne del Blackwell sono previste entro la fine dell’anno, ha affermato il gruppo.

Stiamo cambiando radicalmente l’elaborazione dei dati e le capacità dei computer », ha sostenuto Jensen Huang durante la conference call di presentazione dei risultati.

Anche altre innovazioni dovranno vedere la luce. Ad esempio, il progetto Gr00t deve equipaggiare i robot in modo che possano capire cosa dicono le persone, imitare i loro movimenti e imparare dalla propria esperienza come interagire con il mondo, spiega Nvidia.

Come Nvidia è diventata il barometro essenziale del boom dell’intelligenza artificiale

Un futuro brillante

Le previsioni pubblicate mercoledì mostrano che il progettista di semiconduttori vede il mercato continuare a crescere a un ritmo vertiginoso. In totale, il fatturato dell’azienda è aumentato di 3,6 volte in un anno, raggiungendo i 26 miliardi di dollari. E per il futuro Nvidia prevede per il suo secondo trimestre finanziario un fatturato di 28 miliardi di dollari, un livello ben superiore ai 26,6 miliardi previsti dagli analisti.

Nvidia ha sfidato nuovamente la gravità », Ha commentato Jacob Bourne, analista di Emarketer. “ Ci si può aspettare che le sue decisioni audaci lo mantengano nella sua posizione fino a nuovo avviso. “.

Le preoccupazioni di alcuni investitori riguardo ad una flessione a breve termine sembrano essere evaporate con queste previsioni positive », ha reagito Lucas Keh, analista di Third Bridge.

Ma l’attenzione è focalizzata anche sui suoi punti deboli. Perché a differenza dei suoi rivali Intel, Micron e Texas Instruments, Nvidia non produce i propri semiconduttori ma si avvale di subappaltatori, come Taiwan Semiconductor Manufacturing (TSMC). Date le tensioni geopolitiche tra Taiwan e la Cina continentale, questo potrebbe essere un punto debole e gli Stati Uniti hanno vietato a Nvidia di fornire i suoi chip più efficienti alle aziende cinesi.

(Con AFP)

-

NEXT Un corso obbligatorio sulle PMI per i dipendenti pubblici