Perché le aziende riacquistano sempre più azioni proprie? Ed è sempre nell’interesse degli azionisti?

Perché le aziende riacquistano sempre più azioni proprie? Ed è sempre nell’interesse degli azionisti?
Perché le aziende riacquistano sempre più azioni proprie? Ed è sempre nell’interesse degli azionisti?
-

La cifra è incredibile: 110 miliardi di dollari. Il 2 maggio il colosso americano Apple ha annunciato un programma senza precedenti di riacquisto delle proprie azioni per un importo di 110 miliardi di dollari. Un annuncio che ha subito fatto salire di oltre il 6% il prezzo delle azioni del produttore di iPhone. Il consiglio di amministrazione ha autorizzato questa operazione”data la nostra fiducia nel futuro di Apple”ha indicato Luca Maestri, direttore finanziario del gruppo californiano.

gabbiano

Riacquistando le proprie azioni, la società ridistribuisce un importo ai suoi azionisti. Ma se il dividendo è tassato al 30%, ad esempio negli Stati Uniti o in Belgio, non vi è alcuna tassazione per il riacquisto di azioni.”

Apple è abituata a questo tipo di operazioni. Negli Stati Uniti sono molto diffusi e negli ultimi anni hanno raccolto notevoli capitali anche in Europa. Secondo l’ultimo studio annuale di Janus Henderson, questi riacquisti di azioni ammontano a 1.110 miliardi di dollari, una cifra però in calo di 181 miliardi rispetto al 2022. Ma come evidenzia ulteriormente questo studio, i riacquisti di azioni sono aumentati lo scorso anno in Europa, “raggiungendo livelli record in Italia, Spagna, Norvegia e Belgio”. Qui gruppi quotati come KBC, Tessenderlo, AB InBev, ING e D’Ieteren hanno annunciato o realizzato negli ultimi mesi programmi di riacquisto di azioni proprie. Queste operazioni sollevano tuttavia un certo numero di interrogativi. Ecco perché.

Apple soffre in Borsa, abbandonata da Berkshire Hathaway

1. Di cosa stiamo parlando?

Il riacquisto di azioni consiste nell’annuncio da parte di una società quotata della volontà di acquisire sul mercato un certo numero di titoli ad un determinato prezzo. È un modo alternativo al pagamento del dividendo per portare liquidità fuori dalla società a beneficio dell’azionista. In questo processo, in genere, la società che ha appena riacquistato le azioni decide di cancellarle, il che aumenta automaticamente un certo numero di indicatori chiave – in particolare l’utile per azione – che sono coinvolti nella valutazione di mercato della società. Ciò consente così di sostenere per un po’ il prezzo delle azioni, in un contesto di corrente di acquisto. Più raramente, le azioni non vengono distrutte ma mantenute in autocontrollo da parte della società, il che può costituire un mezzo di protezione contro scopi ostili di gruppi concorrenti. “Esiste un’evidente dimensione fiscale in questo tipo di transazione. Riacquistando le proprie azioni, la società ridistribuisce un importo ai suoi azionisti. Ma se il dividendo è tassato al 30%, ad esempio negli Stati Uniti o in Belgio, non vi è alcuna tassazione per il riacquisto di azioni. Dallo scorso anno Joe Biden ha deciso di applicare un’imposta, a carico dell’azienda, pari all’1% su tali operazioni”spiega Xavier Servais, amministratore della società indipendente di intermediazione mobiliare Delande.

Anche le società quotate sono sempre più sotto pressione da parte di fondi attivisti o investitori istituzionali.

2. Perché queste operazioni sono in aumento?

Diversi elementi possono spiegare l’interesse dei grandi gruppi quotati in tali riacquisti di azioni proprie. L’aspetto fiscale è uno dei motivi ma non è l’unico. Durante un ciclo economico molto lungo, le società quotate hanno beneficiato di un contesto di tassi di interesse molto bassi: non hanno quindi avuto realmente bisogno del mercato azionario per reperire capitali, finanziandosi a buon mercato tramite il settore bancario. “Abbiamo persino visto aziende contrarre prestiti per acquistare le proprie azioni”, conferma Xavier Servais. Anche le società quotate sono sempre più sotto pressione da parte di fondi attivisti o investitori istituzionali.

gabbiano

Il mercato non incoraggia l’assunzione di rischi. Osservate la performance del mercato azionario di aziende come Umicore o Intel, che hanno investito massicciamente rispettivamente in batterie e semiconduttori. Gli investitori temono che questi investimenti possano andare male…”

Se il prezzo delle sue azioni ristagna e non individua driver di crescita attraverso acquisizioni o lanci di nuovi prodotti o tecnologie, l’azienda, che dispone di ampia liquidità, vede nel riacquisto delle proprie azioni anche un modo rapido per ripristinare la propria immagine presso gli investitori. Anche per calmare una rivolta dei suoi azionisti. “Il mercato non incoraggia l’assunzione di rischi. Osservate la performance del mercato azionario di aziende come Umicore o Intel, che hanno investito massicciamente rispettivamente in batterie e semiconduttori. Gli investitori sono preoccupati se questi investimenti andranno male… Avere una strategia di sviluppo più offensiva è ovviamente più rischioso che riacquistare le proprie azioni”aggiunge il nostro interlocutore.

Gli iPhone di Apple stanno soffrendo, ma i suoi servizi stanno decollando

3. Sono sempre nell’interesse degli azionisti?

Questa è ovviamente la grande domanda. Come è già stato detto, questi riacquisti di azioni proprie seguono innanzitutto una logica puramente finanziaria e azionaria, supportata da un incentivo fiscale. Ma per molti osservatori rappresentano, nel lungo termine, anche un ostacolo allo sviluppo dell’impresa, all’occupazione e alla creazione di valore duraturo per l’azionista. “Il mercato azionario viene utilizzato per raccogliere capitali, per aiutare un’azienda a investire, per innovare, per sviluppare nuovi prodotti e servizi, per crescere, non per aiutare un’azienda a riacquistare le proprie azioni. Se riusciamo a capire che tali operazioni avvengono occasionalmente, ripetendole ogni anno come avviene in Apple, non è molto salutare. Con alcune aziende finisci per chiederti se hanno qualcos’altro di meglio da fare con i loro soldi. I riacquisti di azioni ridurranno anche la liquidità delle azioni sul mercato poiché ci saranno meno titoli quotati., precisa Xavier Servais. Quest’ultimo aggiunge però che il rialzo del corso delle azioni a seguito di un’operazione del genere può rivelarsi interessante se consente a una società di agevolare, attraverso un’offerta pubblica di scambio, la propria crescita esterna, ad esempio mettendo le mani sui concorrenti.

gabbiano

Se riusciamo a capire che tali operazioni avvengono occasionalmente, ripetendole ogni anno come nel caso di Apple, non è molto salutare.”

4. Questi riacquisti di azioni proprie dovrebbero essere regolamentati più attentamente?

Alla luce dei dubbi e dei limiti legati a tali operazioni, sarebbe opportuno regolamentarle e tassarle maggiormente? In diversi paesi la riflessione è comunque in corso. In Francia, in particolare, dove il governo, di fronte ad una delicata situazione di bilancio, sta studiando la possibilità di tassare retroattivamente le società che effettuano tali riacquisti di azioni nel 2024. Il presidente Emmanuel Macron ha addirittura parlato di “cinismo” a nome delle grandi aziende interessate, menzionando “il loro reddito è così eccezionale che finiscono per usare questo denaro per riacquistare le proprie azioni”. Bercy vorrebbe recuperare in questo modo diverse centinaia di milioni di euro. Potrebbero essere colpite aziende come Axa, TotalEnergies, Stellantis o Michelin. E dall’altra parte dell’Atlantico, negli Stati Uniti, Joe Biden vorrebbe aumentare la tassazione, allentata dal suo predecessore Donald Trump, dall’1 al 4%.

-

PREV Legge per bannare TikTok: la piattaforma sporge denuncia contro gli Stati Uniti
NEXT Potere di influenza | Ricarica in ufficio