Industria alimentare. La sfida della trasformazione dei prodotti agricoli

Industria alimentare. La sfida della trasformazione dei prodotti agricoli
Industria alimentare. La sfida della trasformazione dei prodotti agricoli
-

Attualmente, il tasso di trasformazione dei prodotti agricoli raggiunge appena il 20% e si prevede che salirà al 70% entro il 2030 come parte della strategia Generation Green. L’attuale tessuto industriale è pronto?

LL’industria agroalimentare marocchina non ha mancato il suo appuntamento del 2024 al SIAM (Salone Internazionale dell’Agricoltura del Marocco) a Meknes. I produttori del settore, attraverso 56 aziende agroalimentari tra 1.400 espositori, hanno mostrato il loro know-how nella lavorazione di frutta e verdura, pasta e couscous, carni rosse e bianche, olio d’oliva, biscotti, cioccolato e dolciumi e latte e i suoi derivati, tra gli altri.

Leggi anche | Il mirtillo marocchino ritrova colore nelle esportazioni

Grande successo hanno gli stand delle grandi aziende dell’agroindustria che gareggiano in originalità e splendore. Centrale Danone, Copag, Maroc Fruits Board, gruppo Dari Couspate… Non manca nessuno. Alcuni grandi gruppi hanno addirittura allestito diversi stand a seconda dei loro marchi e delle loro attività, come il gruppo Zine o Holmarcom. Anche la Federazione Nazionale Agrifood (FENAGRI), la prima rete di imprenditori agroalimentari del Marocco, nata con l’obiettivo di riunire professionisti e imprese del settore agroalimentare locale, per unire l’ecosistema di questa filiera, partecipa attivamente per la prima volta attraverso un partecipare a questo evento internazionale.

“SIAM costituisce per FENAGRI una piattaforma ideale per evidenziare il dinamismo e la ricchezza dell’agroalimentare marocchino davanti a un pubblico di professionisti e decisori nazionali e internazionali. Sarà anche un’occasione per stabilire partenariati strategici con attori nazionali e internazionali, per promuovere i prodotti marocchini sui mercati di esportazione e per contribuire a rafforzare le competenze degli agricoltori e degli agroindustriali marocchini”, sottolinea Abdelmounim El Eulj, Presidente della FENAGRI.

Leggi anche | La DGM investe 11 milioni di DH nelle tecnologie di inseminazione tramite cloud

Va detto che se c’è un settore che avrà molto da guadagnare dallo sviluppo e soprattutto dalla localizzazione, è quello agroalimentare. Quest’ultimo ha un notevole potenziale di crescita sui mercati locali e di esportazione. Il PIL agricolo, infatti, rappresenta tra il 12% e il 14% del PIL nazionale, mentre il PIL delle industrie agroalimentari rappresenta solo il 5% del PIL nazionale. Questo, in un momento in cui questi due rapporti sono a livelli simili nei paesi industrializzati. Inoltre, il consumo di prodotti trasformati rimane basso rispetto a quello dei paesi vicini.

In termini di esportazioni, le nostre esportazioni rappresentano solo il 15% delle esportazioni industriali. E persino ! Riguardano alcuni prodotti ortofrutticoli, pasta e cuscus, carni rosse e bianche, olio d’oliva, biscotti, cioccolato, latte e latticini.

Anche in termini di esportazioni, le esportazioni marocchine rappresentano solo il 15% delle esportazioni industriali. E riguardano soprattutto frutta e verdura, pasta e cous cous, carni rosse e bianche, olio d’oliva, biscotti, cioccolato, latte e suoi derivati. E anche in questo caso, le performance delle esportazioni differiscono da un settore all’altro. “Ciò è dovuto a diversi fattori, tra cui essenzialmente il grado di integrazione e organizzazione della catena del valore di ciascuno di questi settori”, spiega FENAGRI.

Leggi anche | Il tasso di disoccupazione raggiunge nuovi livelli, emorragia nel settore agricolo

Per il momento il tasso di trasformazione dei prodotti agricoli raggiunge appena il 20%. La nuova strategia “Generation Green” punta ad aumentarla al 70% entro il 2030. Secondo la FENAGRI, l’attuale tessuto industriale ha la capacità necessaria per raggiungere questo ritmo, senza dimenticare le importanti misure messe in campo per la promozione degli investimenti nel quadro del Fondo per lo sviluppo agricolo e del Fondo per lo sviluppo industriale e gli investimenti. Ciò consentirà la realizzazione di nuove unità industriali e l’ampliamento di quelle esistenti. La domanda rimane: come raggiungere questo obiettivo?

Secondo i professionisti del settore agroalimentare marocchino, il raggiungimento di questi obiettivi di trasformazione richiede il soddisfacimento di alcuni prerequisiti, tra cui in particolare il miglioramento dell’offerta e della qualità dei prodotti agricoli destinati alla trasformazione, il miglioramento e l’organizzazione dei circuiti di commercializzazione, lo sviluppo dell’aggregazione agricola, il rafforzamento del sostegno statale agli esportatori industriali nel consolidamento dei mercati storici e nella prospezione di nuovi mercati internazionali, ma anche il lancio di campagne di marketing e comunicazione su larga scala per sensibilizzare i consumatori locali sui vantaggi derivanti dal consumo di prodotti trasformati locali prodotti.

Una delle azioni più importanti in questa direzione è la firma di un accordo tra gli operatori e Marjane Holding, volto a sviluppare l’approvvigionamento di questo leader della grande distribuzione con i produttori agroalimentari locali. Se la quota di mercato dell’approvvigionamento locale di prodotti a marchio del distributore rappresentava già il 65% nel 2020, Marjane ha annunciato “la sua ambizione di raggiungere l’80% del suo fatturato nel 2024”.

Leggi anche | Varietà vegetali: una necessità per lo sviluppo dell’agricoltura in Marocco

Oggi gli operatori marocchini sono unanimi nel dire che per guadagnare competitività, l’industria agroalimentare deve migliorare la sua integrazione lungo le catene del valore. In effetti, il tasso medio di integrazione rimane ancora moderato. È solo intorno al 25%. Ciò si spiega, secondo loro, con il fatto che il settore continua ad importare numerosi fattori produttivi, in particolare imballaggi in plastica.

Secondo uno studio condotto dagli operatori del settore agroindustriale, l’industria agroalimentare utilizza attualmente l’equivalente di 10 miliardi di dirham di materie prime e input importati (esclusi i prodotti agricoli). Ciò rappresenta una fonte significativa di progetti di investimento da implementare a livello locale per un importo totale previsto di 680 milioni di DH, con la creazione finale di oltre 7.000 posti di lavoro diretti. Secondo uno studio condotto da FENAGRI sulle opportunità di approvvigionamento locale di input manifatturieri, le industrie agroalimentari utilizzano ogni anno l’equivalente di 10 miliardi di DH di input manifatturieri importati. Ciò costituisce un’opportunità per la sostituzione di queste importazioni o almeno di parte di esse, sotto forma di nuovi progetti di investimento a livello locale (vedi altrove).

Se l’utilizzo della produzione locale è la priorità dei produttori agroalimentari marocchini, resta il fatto che sarebbe necessario garantire la quantità e la qualità richieste del prodotto agricolo interessato, attraverso una buona integrazione dei valori di ciascuno di essi i settori produttivi.

-

PREV Sospettato di aver investito un agente di polizia: archiviate denunce, emergono le immagini delle telecamere
NEXT La 24 Ore di Le Mans vuole accogliere più spettatori a partire dal 2025