Google svela il progetto di un cavo sottomarino che collegherà l’Africa all’Australia

Google svela il progetto di un cavo sottomarino che collegherà l’Africa all’Australia
Google svela il progetto di un cavo sottomarino che collegherà l’Africa all’Australia
-

Nell’ambito delle sue iniziative in Africa, Google sta aumentando gli investimenti nelle infrastrutture digitali. L’obiettivo è sfruttare le opportunità dell’economia di Internet, contribuendo così a un futuro digitale prospero e sostenibile per il continente.

La società tecnologica americana Google giovedì 23 maggio ha annunciato un nuovo percorso in fibra ottica che collegherà l’Africa e l’Australia per aumentare la portata e l’affidabilità della connettività digitale in Africa. L’infrastruttura si chiama Umoja. La parte terrestre della rete è realizzata in collaborazione con Liquid Intelligent Technologies.

Questa parte di terra collegherà Kenya, Uganda, Ruanda, Repubblica Democratica del Congo (RDC), Zambia, Zimbabwe e Sud Africa. Da lì verrà istituito un collegamento sottomarino per raggiungere l’Australia attraverso l’Oceano Indiano.

Secondo Google, il cavo Umoja fa parte del progetto Africa Connect, proprio come il cavo Equiano annunciato nel 2019 che collega l’Africa all’Europa. Questo nuovo investimento si inserisce in un contesto caratterizzato da ricorrenti interruzioni dei cavi sottomarini che servono il continente, causando interruzioni della rete Internet.

L’ultimo episodio risale al 12 maggio scorso, quando guasti ai sistemi di cavi sottomarini SEACOM e EASSY hanno causato disservizi in diversi Paesi dell’Africa orientale e meridionale. Lo scorso marzo si sono verificate interruzioni simili sui cavi WACS, MainOne, ACE, SAT3, Seacom/TGN, AAE1 ed EIG. Sono stati colpiti circa dieci paesi dell’Africa occidentale, centrale e meridionale.

Questa iniziativa è essenziale per garantire la ridondanza e la resilienza della connettività della nostra regione con il resto del mondo, in particolare alla luce delle recenti interruzioni causate dai tagli dei cavi sottomarini. Rafforzando la nostra dorsale digitale, non solo miglioriamo l’affidabilità, ma apriamo anche la strada a una maggiore inclusione digitale, innovazione e opportunità economiche per le nostre persone e le nostre impreseha affermato William Ruto, presidente del Kenya.

Isaac K. Kassouwi

Leggi anche:

Microsoft e G42 investono 1 miliardo di dollari nella tecnologia digitale in Kenya

-

NEXT Bandi da non perdere a giugno 2024