Elezioni legislative 2024. “Questione potere d’acquisto, non possiamo contare sulle promesse politiche”, le parole degli elettori alle porte di un nuovissimo brand low cost

Elezioni legislative 2024. “Questione potere d’acquisto, non possiamo contare sulle promesse politiche”, le parole degli elettori alle porte di un nuovissimo brand low cost
Elezioni legislative 2024. “Questione potere d’acquisto, non possiamo contare sulle promesse politiche”, le parole degli elettori alle porte di un nuovissimo brand low cost
-

Prezzi ridotti, pezzi singoli o su pallet, il nuovo marchio Atacadao, discount brasiliano, ha aperto i battenti ad Aulnay-sous-Bois in Seine-Saint-Denis. Consumatori preoccupati per il loro budget alimentare ma anche elettori disillusi, Philippe, Fatoumata e Monique hanno intrapreso il viaggio.

“Dans ma famille, c’est moi qui fais les courses et j’ai six enfants. J’essaye de gérer mon budget alimentation avec 300 ou 350 euros par mois. L’alimentation coûte cher. C’est ce qu’on vit quotidiano. Ciò che dicono i politici e le loro promesse di ridurre i prezzi, per il momento non mi convince.”

Fatoumata, madre di sei figli, e sua sorella sono arrivate questa mattina da Sarcelles. Curioso di scoprire come si presenta il primo marchio Atacadao, un nuovo tipo di discount importato dal Brasile dal gruppo Carrefour, nuovo in Francia e inaugurato questo giovedì vicino a casa loro, ad Aulnay-sous-Bois.

Gli articoli vengono offerti singolarmente sugli scaffali ma anche confezionati in grandi volumi su pallet.

©Jean Forneris

In questo magazzino pilota di 9.000 m2 il principio è semplice. Più acquisti, più economico è. Gli articoli alimentari e non alimentari vengono venduti singolarmente, ma il cliente può acquistare lo stesso prodotto in grandi quantità. Ad esempio, una semplice confezione di pasta, ma anche un’intera tavolozza dello stesso prodotto. Il prezzo dell’articolo diminuisce in base alla quantità acquistata. Il marchio si definisce come un magazzino “aperto a tutti” sia per privati ​​che per professionisti.

Philippe ispeziona il suo carrello della spesa che si sta gradualmente riempiendo di confezioni di bibite e acqua minerale mentre sua figlia Virginie “in video” filma con la madre al cellulare le etichette dei prezzi nel reparto bevande.

Che sia di sinistra o di destra, dicono quello che vogliono! Non ci credo più, non voto più.

“Con la situazione attuale, francamente, i prezzi qui stanno diventando interessanti. Forse quindi compreremo in grandi quantità, è più vantaggioso. In ogni caso, quando si tratta di potere d’acquisto, non ci affideremo alle promesse politiche Che sia di sinistra o di destra dicono quello che vogliono. Alla fine, quando vanno al potere, cancellano metà del loro programma. Non ci credo più, non voto più.“, presume Philippe.


Philippe e Virginie nella sezione bevande del negozio.

©Jean Forneris

Presente all’inaugurazione questo giovedì, l’amministratore delegato del gruppo Carrefour, Alexandre Bompard, ha elogiato una gamma di prodotti “a prezzi introvabili in Francia”e un tipo di segno adatto a “aree popolari” e professionisti. “Probabilmente la migliore soluzione anti-crisi” di fronte all’inflazione, dichiarò nel 2022, annunciando la fondazione di Atacadao nell’Île-de-France.

Monique e Sonia, madre di due bambini, percorrono lentamente le corsie del negozio e confrontano anche i cartellini dei prezzi. “Un po’ deluso finora.” Sonia nota che il suo budget alimentare incide sempre di più sul suo stile di vita. “Facciamo meno attività per bambini, meno ristoranti”.

Politica, non parlatecene, siamo più che delusi

Sonia, madre di due figli

Per quanto riguarda il programma elettorale, Sonia e Monique non hanno speranza, dicono, e non si aspettano molto dalle promesse dei partiti politici di preservare il loro potere d’acquisto. “I programmi non verranno rispettati. Politica, non parlatecene, siamo più che delusi. Ma non voteremo per il Fronte Nazionale. (..) Vogliamo restare in Europa.”


Il marchio annuncia tra le 13.000 e le 20.000 referenze nel settore alimentare;

©Jean Forneris

Dall’apertura di questa mattina, Karim, che gestisce un’attività alimentare vicino ad Aulnay-sous-Bois, è già venuto due volte. Nel suo carrello della spesa sono ammucchiati pacchi di birre e altre bevande “per 290 euro questa volta (..) Cerchiamo sempre il più economico. È positivo che questo tipo di negozi si moltiplichi in relazione al potere d’acquisto”, crede Karim.

Incrociato venerdì tra le corsie del negozio, Olivier Dauvers, esperto di commercio e consumo di massa ed editore specializzato nella grande distribuzione, fa arrabbiare.“Nonostante tutto resta un consumatore di nicchia perché: chi viene qui? Il consumatore estremamente sensibile al prezzo. Questo consumatore deve essere pronto a fare un sacrificio. Qui c’è meno scelta che altrove. In un normale ipermercato delle stesse dimensioni si avrebbero dalle 50 alle 60.000 referenze. Qui ne hai 13.000, ciò significa da 4 a 5 volte di meno. Dobbiamo quindi essere pronti a barattare una minore scelta con prezzi più bassi, e non tutti i consumatori sono pronti a questo”.

Leggi anche: CARTA GEOGRAFICA. Inflazione, potere d’acquisto, salario: “Meno guadagni, meno voterai”

Ad Aulnay-sous-Bois, il marchio Atacadao promette di essere in “il meno caro della zona. Carrefour si dona “Tra sei e otto mesi per capire se il modello è buono”senza specificare un obiettivo di fatturato, prima di valutare l’apertura di altri negozi con lo stesso format.

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole