LIVE – Elezioni legislative: Kylian Mbappé rientra “nel suo ruolo” e chiede il voto, secondo Gabriel Attal

LIVE – Elezioni legislative: Kylian Mbappé rientra “nel suo ruolo” e chiede il voto, secondo Gabriel Attal
LIVE – Elezioni legislative: Kylian Mbappé rientra “nel suo ruolo” e chiede il voto, secondo Gabriel Attal
-

Lunedì 17 giugno inizierà ufficialmente la campagna per il primo turno delle elezioni legislative anticipate.

I partiti hanno rivelato i loro candidati nelle 577 circoscrizioni elettorali, mentre la presentazione delle dichiarazioni si è conclusa domenica alle 18.00.

Segui le ultime notizie sulle elezioni.

Segui la copertura completa

Elezioni legislative del 2024

08:05

“UN MINIMO DI DEPUTATI DI ESTREMA DESTRA”

Sul TF1, Clémentine Autain ha invitato a votare “in massa” per il Nuovo Fronte Popolare nell’Assemblea Nazionale durante il primo turno delle elezioni legislative, il 30 giugno. Alla domanda sulla sua scelta di voto al 2° turno, in caso di eliminazione della PFN, la deputata uscente non ha risposto in modo chiaro. “Nel 2° turno, per essere in maggioranza, visto che tocca a noi o loro, sarà necessario che ci sia un minimo di deputati di estrema destra nell’Assemblea nazionale”, ha indicato Clémentine Autain.

“L’estrema destra, mai in questo Paese”, ha insistito il candidato “ribelle”. “La mia determinazione è totale, ma voglio dare speranza questa mattina. Non c’è inevitabilità”, ha detto. Interrogata sui diversi candidati del PFN, tra cui François Hollande o Aurélien Rousseau, Clémentine Autain ha assicurato: “Auguro la vittoria del PFN, di tutti i candidati, assolutamente di tutti i candidati, che si assumano le loro responsabilità davanti alla storia, dobbiamo votare per loro e per loro.”

07:55

“SONO LORO O SIAMO NOI”

Secondo Clémentine Autain, la maggioranza presidenziale “non può più vincere”, citando i risultati delle elezioni europee, come “la rabbia contro Emmanuel Macron nel Paese”. Per il deputato uscente “o loro o noi”, contrapponendo il Nuovo Fronte Popolare al Raggruppamento Nazionale.

Interrogata sul programma unico di questo sindacato di sinistra, Clémentine Autain ha difeso le misure sociali. “Il nostro programma dice che per le classi medie ci sono meno tasse, ma d’altra parte a contribuire saranno i grandi gruppi economici e i super-ricchi”, ha detto il politico, che ha anche criticato “le bugie dell’estrema destra”. ” riguardo ad una vera politica sociale. “Dove hai visto il lavoro sociale?”, ha chiesto il deputato.

07:48

CLÉMENTINE AUTAIN SU TF1

Invitata alla TF1, la deputata uscente Clémentine Autain ha detto di sperare nella vittoria dei quattro candidati estromessi dai collegi elettorali “ribelli” ma che hanno deciso di candidarsi nonostante tutto. “Si tratta di deputati uscenti, che effettivamente hanno osato criticare la direzione di France Insoumise, il suo orientamento, e mi rammarico che nelle ultime 48 ore abbiamo dedicato così tanto tempo a discuterne”, ha riconosciuto.

“Siamo di fronte a una scelta sociale, la sfida è sapere se il nostro Paese potrà cadere in ciò che non sperimentava dal 1940: un governo di estrema destra”, ha aggiunto Clémentine Autain. “Adesso è odio, ritiro, caos, con una promessa sociale che non sarà mai mantenuta e noi, il nostro progetto, il che significa che da luglio potremo migliorare la vita quotidiana dei francesi”.

07:12

“LA MINACCIA È L’ESTREMO DIRITTO”

Olivier Faure, in un’intervista a Le Monde, è tornato sulla mancata investitura di cinque candidati da parte di France Insoumise, giudicando che la situazione “è dannosa” per il Nuovo Fronte Popolare “in quanto mette in dubbio l’idea che il PFN possa per camuffare i regolamenti di conti all’interno di una formazione politica”.

“Non ci priviamo dei talenti perché non sono esattamente in linea”, ha aggiunto, ritenendo che “di fronte al pericolo dell’estrema destra, nessun progressista dovrebbe essere esigente”. Riferendosi alla candidatura di François Hollande, il capo del PS ha spiegato che ciò significa “una cosa semplice: tutta la sinistra si troverà sempre nella lotta contro l’estrema destra”.

Olivier Faure ha risposto anche alle critiche di Emmanuel Macron, che ha giudicato il PFN una squadra “innaturale”, mentre anche il programma economico di questa nuova alleanza è stato giudicato duramente. “Rilevo che da sette anni il potere in carica ha dedicato più tempo a colpire la sinistra radicale, che ha vinto il 9,9% alle elezioni europee, che a combattere l’estrema destra, al 40%”, ha ricordato, sottolineando: “Il La minaccia è l’estrema destra”.

Olivier Faure all’Assemblea nazionale, settembre 2022 – THOMAS SAMSON / AFP
07:01

OSPITI SU TF1 E LCI

In questo primo giorno di campagna, ritrovate l’ex Ministro dei Trasporti, candidato alle elezioni legislative, Clément Beaune alle 7:20 su LCI. La deputata uscente della Francia Insoumise, Clémentine Autain, sarà alle 7:40 su TF1.

Infine, alle 8,20, troverete su LCI un dibattito tra Manon Aubry, eurodeputata della LFI, di fronte a Julien Odoul, deputato uscente e portavoce del Rassemblement National.

06:03

ANDIAMO !

Dopo una settimana di colpi di scena e di confusione per stabilire urgentemente alleanze e nominare candidati, la campagna lampo per il primo turno delle elezioni legislative del 30 giugno inizia ufficialmente questo lunedì in piena tensione.

Dalle 18 di domenica tutti i candidati per uno dei 577 seggi supplenti sono stati registrati presso la prefettura. Ora è tempo di incontri sul campo, di propaganda elettorale e di spot televisivi.

Il dado è tratto. Al termine di una settimana folle di trattative, alleanze e dissidenze che hanno scosso il panorama politico, si è conclusa domenica alle 18 la corsa contro il tempo per presentare la propria candidatura per i candidati alle elezioni legislative del 2024 nelle 577 circoscrizioni elettorali. La campagna ufficiale inizierà lunedì 17 giugno e terminerà la sera di venerdì 28 giugno.

Una settimana dopo il terremoto dello scioglimento, tutto è ormai sigillato dopo diversi giorni di grande confusione, segnati in particolare dalla convocazione del leader repubblicano Eric Ciotti al Raggruppamento Nazionale. Se il contestatissimo boss non è stato seguito dai dirigenti del suo partito – ad eccezione di un deputato e del presidente del movimento dei Giovani Repubblicani – ha indicato di avere 62 candidati “della raccolta dei diritti” sostenuto dalla Marina Militare.

La LR anti-Ciotti, che cerca di mantenere la propria voce, dal canto suo ha investito “quasi 400 candidati”tra cui Virgile Vanier alle Alpi Marittime contro Eric Ciotti.

A sinistra, il Nuovo Fronte Popolare è riuscito a concordare in pochi giorni un programma e dei candidati, nonostante i disaccordi su alcuni candidati scelti da La France insoumise e il rifiuto di investire diversi personaggi storici critici nei confronti della linea del partito.

All’indomani della candidatura a sorpresa dell’ex presidente François Hollande alla Corrèze sotto la bandiera del Nuovo Fronte Popolare, anche l’ex primo ministro Lionel Jospin (1997-2002) ha difeso da solo la nuova unione “diga”secondo lui, capace di contenere il partito di estrema destra.

  • Leggi anche

    “Contro gli estremi”, Kylian Mbappé “invita i giovani a votare” alle legislative

Stordita dallo scioglimento e lasciata indietro nei sondaggi, la maggioranza rischia di finire al terzo posto in diversi collegi elettorali dietro al RN e alla sinistra. Per evitare ciò, ha deciso di non presentare un candidato in una ventina di collegi elettorali tenuti da eletti di destra, di sinistra o del gruppo indipendente Liot, considerati costruttivi.


La redazione di TF1info

-

PREV ⛽️Prezzi del carburante in leggero calo
NEXT acquistare un modello usato non è mai stato così interessante