Sean Baker vince la Palma d’Oro, scopri l’elenco completo dei vincitori

Sean Baker vince la Palma d’Oro, scopri l’elenco completo dei vincitori
Sean Baker vince la Palma d’Oro, scopri l’elenco completo dei vincitori
-

Marie Gicquel, con AFP / Crediti fotografici: Christophe SIMON / AFP
19:59, 25 maggio 2024modificato in

Il regista americano Sean Baker ha vinto sabato sera la Palma d’Oro al Festival di Cannes 2024 per il suo film “Anora”. È un thriller newyorkese che si sposta dagli slum alle lussuose ville degli oligarchi russi e auspica un rilancio del cinema indipendente americano.

Passaggio generazionale a Cannes: l’ideatore di Guerre stellari, George Lucas, ha ricevuto un premio d’onore prima di consegnare la Palma d’Oro a un rappresentante del nuovo cinema indipendente americano, Sean Baker, che ha lanciato un appello per il cinema nelle sale. “Dobbiamo lottare per fare film che escano nelle sale. Il mondo deve ricordare che guardare un film sul cellulare oa casa non è il modo (corretto) di guardare i film”, ha detto Sean Baker dopo aver ricevuto il suo premio.

“Nelle sale condividiamo tristezza, paura, risate”, ha aggiunto sul palco del Palais des Festivals dove due leggende di Hollywood si erano appena passate il testimone: Francis Ford, rimasto finalmente a mani vuote Megalopolie George Lucas, al quale è venuto a presentare la sua Palma d’Oro onoraria.

Il film “Anora” riavvolge efficacemente i classici del cinema americano

Sean Baker, che succede a Justine Triet e al suo film Anatomia di una caduta, è un amante dei personaggi emarginati, traboccanti di umanità, e spesso gira con attori principianti o dilettanti. Sovvertire i miti di Cenerentola O Bella donna, Anora si sposta dai bassifondi di New York alle lussuose ville degli oligarchi russi, seguendo la relazione tra la giovane spogliarellista Anora e il figlio di un miliardario.

Mafioso, viaggi nella comunità russofona di Coney Island, corse notturne a New York, scagnozzo con l’aria falsa di Robert De Niro, il film in 2h18 riavvolge efficacemente i classici del cinema americano e dipinge l’altro lato del sogno americano.

L’iraniano Mohammad Rasoulof se ne va con un premio speciale

Un’altra decisione degna di nota della giuria di Greta Gerwig, che comprendeva anche gli attori Omar Sy, Lily Gladstone ed Eva Green, è stata il premio collettivo assegnato alle attrici del musical di Jacques Audiard, Emilia Perez. Il premio rappresenterà una pietra miliare, poiché oltre a Selena Gomez, Zoe Saldana e Adriana Paz, viene riconosciuta per la prima volta un’attrice transgender, Karla Sofía Gascón. La 52enne spagnola, che ha iniziato la sua transizione di genere a 46 anni, è la rivelazione di questo film in cui interpreta il ruolo principale, quello di una trafficante di droga che si sente profondamente femminile e cambia genere.

Karla Sofía Gascón ha dedicato il suo premio a “tutte le persone trans che soffrono”. “Voglio che queste persone credano, come in ‘Emilia Perez’, che è sempre possibile migliorare.” Grande favorito, l’iraniano Mohammad Rasoulof se ne va finalmente con un premio speciale I semi del fico selvaticogirato clandestinamente.

Il premio è un simbolo per gli artisti iraniani vittime della repressione, e una consacrazione per un regista che ha sfidato la censura per decenni prima di risolversi in esilio, pochi giorni prima del Festival. Da allora ha fatto la sua prima apparizione pubblica a Cannes. “Permettetemi di dedicare un pensiero a tutti i membri della mia squadra che non sono con me per celebrare questo premio, al mio direttore della fotografia, a molti tecnici, che sono sotto pressione soprattutto con loro”, ha dichiarato Mohammad Rasoulof.

Il giovane regista indiano Payal Kapadia vince il Gran Premio

Nel resto del palmares, l’attore americano Jesse Plemons ha ricevuto il premio della performance maschile per la sua interpretazione nell’ultimo Yorgos Lanthimos, mentre il giovane regista indiano Payal Kapadia, rappresentante di una settima arte all’ombra di Bollywood, ha ricevuto il Grand Prix . Tutto ciò che immaginiamo come luce è stato il primo film indiano in concorso in 30 anni. Un’altra regista ha vinto un premio: la francese Coralie Fargeat, premiata per il suo secondo lungometraggio La sostanzaun film femminista ultra cruento con Demi Moore, che ha scosso la Croisette.

La più grande delusione di questo festival sono le leggende della New Hollywood, le cui opere, negli anni del crepuscolo, sono rimaste a mani vuote. È il caso di Francis Ford Coppola, che all’età di 85 anni era in lizza per la terza Palma d’Oro. E Paul Schrader, conosciuto inizialmente come sceneggiatore di Martin Scorsese prima di diventare un regista affermato, il cui film Oh, Canada!, con Richard Gere nei panni di un vecchio morente, deluso. Hollywood non è stata da meno in festa durante questa edizione, segnata anche dalla presentazione fuori concorso dei film di Kevin Costner e Furiosaderivato da Mad Max.

Ecco i vincitori del 77° Festival di Cannes:

Palma d’Oro

Anora di Sean Baker

gran Premio

Tutto ciò che immaginiamo come luce di Payal Kapadia

Premio alla regia

Miguel Gomes per gran Tour

Premio della Giuria

Emilia Perez di Jacques Audiard

Prezzo speciale

I semi del fico selvatico di Mohammad Rasoulof

Premio per la sceneggiatura

La sostanza di Coralie Fargeat

Premio attore femminile

Le attrici di Emilia Perez di Jacques Audiard: Karla Sofía Gascón, Zoe Saldaña, Selena Gomez e Adriana Paz

Premio attore maschile

Jesse Plemons per Tipi di gentilezza di Yorgos Lanthimos

Macchina fotografica dorata

Armand di Halfdan Ullmann Tondel

Palma d’Oro per il cortometraggio

L’uomo che non poteva restare in silenzio di Nebojsa Slijepcevic

Palma d’oro onoraria

Giorgio Lucas

-

PREV Riepilogo della giornata di svago: domenica 7 aprile 2024
NEXT quanto vale la copia usata più economica?